28 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/04/2005, 00.00

    VATICANO – CONCLAVE – THAILANDIA

    Michai Kitbunchu, primo cardinale dalla Thailandia



    Nuova linfa per la chiesa locale: vocazioni, impegno pastorale e difesa della famiglia.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Il card. Michael Michai Kitbunchu, arcivescovo di Bangkok, è il primo membro del Collegio cardinalizio a provenire dalla Thailandia. È nato il 25 gennaio 1929 a Samphran. Si licenza in Filosofia e in Sacra Teologia a Roma presso il Pontificio Collegio Urbano "de Propaganda Fide". Viene ordinato sacerdote il 20 dicembre del 1959. Tornato in patria è viceparroco e quindi parroco a Bangham, mentre qualche anno dopo gli viene affidata la parrocchia molto importante del Calvario, nella capitale. Riceve la consacrazione episcopale il 3 giugno 1973. Creato e pubblicato cardinale nel Concistoro del 2 febbraio 1983, del Titolo di San Lorenzo in Panisperna. Dal maggio 2000 è Presidente della Conferenza Episcopale di Thailandia.

    Conoscitore di diverse lingue, oltre al thai e al latino parla l'inglese, l'italiano, il francese e il cinese, il card. Kitbunchu ha dimostrato di essere un infaticabile pastore e amministratore. Ha dotato la Chiesa locale di varie e importanti nuove istituzioni, tra cui l'ospedale St. Louise per i poveri, diretto dall'arcidiocesi di Bangkok e il Centro pastorale, Baan Phu Waa, che ospita eventi nazionali e internazionali (nel 2000 la Federazione delle conferenze episcopali asiatiche – FABC).

    Il cardinale ha saputo animare l'arcidiocesi di Bangkok in campo vocazionale, come dimostra l'incremento dei seminaristi nei seminari arcidiocesani maggiore e minore. Dal 1973 al 1998 il cardinale ha ordinato 137 preti in tutta la Thailandia.

    La difesa della famiglia è l'obiettivo principale del suo piano pastorale. Kitbunchu  si è sempre mantenuto fermo sul rifiuto dell'aborto, nonostante i vari sforzi del Governo per legalizzarlo. "L'aborto è un grande crimine" ha dichiarato "perché colei che deve proteggere la vita del bambino nel suo grembo, in questo modo diventa quella che la distrugge".

    Durante la crisi economica del 1997 il cardinale ha mostrato la sua personale preoccupazione per la disoccupazione e ha chiesto alle organizzazioni ecclesiastiche di non licenziare il loro personale.  Egli ha anche invitato le scuole cattoliche di venire incontro alle famiglie per il pagamento delle tasse scolastiche.

    La maggior parte dei cattolici definisce il card. Kitbunchu come un uomo di grande umanità, modestia e energia. A confermare queste doti sono anche personalità esterne al mondo cattolico, tra cui il principe Baromorasathiraj e la principessa Sirinthorn.

    È membro delle Congregazioni: per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti; per l'Evangelizzazione dei Popoli.

    Su una popolazione di 64.865.523 abitanti in Thailandia i buddisti sono il 95%, i musulmani il 3,8%, i cattolici sono lo 0,5%. (WK)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/04/2005 VATICANO - CONCLAVE - GIAPPONE
    Hamao: a fianco dei migranti, nuova frontiera della missione in Asia


    15/04/2005 VATICANO – CONCLAVE – INDONESIA
    Darmaatmadja, voce moderata nel dialogo con l'Islam


    15/04/2005 vaticano - conclave
    Conclave: da dove vengono i 115 cardinali elettori


    18/04/2005 VATICANO-CONCLAVE
    Vaticano: chiusa la Sistina, i cardinali in conclave


    15/04/2005 VATICANO-CONCLAVE-GIAPPONE
    Card. Shirayanagi: lo sforzo per la pace e per il dialogo con la Cina

    Il porporato giapponese ha chiesto scusa per i crimini della Chiesa giapponese durante la guerra, ed ha sempre cercato il dialogo con "tutti i cattolici di Cina".





    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®