21/07/2018, 08.00
LAOS
Invia ad un amico

Migliaia di famiglie sfollate per la ferrovia Laos-Cina, ancora in attesa dei risarcimenti

Secondo le autorità, il nuovo collegamento con la Cina ridurrà il costo delle esportazioni, dei beni di consumo e favorirà lo sviluppo socioeconomico. Le compagnie coinvolte nel progetto ne prevedono la realizzazione entro il 2021. Il governo aveva annunciato 291 milioni di dollari Usa da distribuire a partire da giugno scorso.

Ventiane (AsiaNews/Rfa) – Migliaia di famiglie laotiane, costrette ad abbandonare case e terreni per far posto ad una ferrovia che collega il Paese con la Cina, sono ancora in attesa del risarcimento promesso dal governo. Ciò nonostante, i lavori di costruzione proseguono spediti. È quanto riporta Rfa, citando fonti locali.

Le compagnie cinesi coinvolte nel progetto ne prevedono la realizzazione entro il 2021, nonostante le sfide poste dalla creazione di gallerie nelle aree montuose del nord del Paese. Nazione senza sbocchi sul mare, il Laos si attende che la ferrovia riduca il costo delle esportazioni e dei beni di consumo e allo stesso tempo favorisca il suo sviluppo socioeconomico.

Un decreto emanato nell'aprile 2016 stabilisce che i cittadini cui vengono sottratti terreni per progetti di sviluppo debbano essere risarciti, per la perdita di proprietà e reddito. I soggetti proponenti devono anche garantire che le condizioni di vita degli sfollati siano le stesse di prima dell'inizio dei lavori.

Una residente del villaggio di Chaengsavang, nel distretto di Na Xaythong (Vientiane), racconta che le squadre di operai hanno già cominciato a costruire un tratto del collegamento ferroviario. Tuttavia, nessuno ha ancora discusso il dovuto compenso con le famiglie dislocate.

“Vi sono almeno 20 case che dovranno essere demolite e le famiglie che vi abitano dovranno trasferirsi altrove”, afferma la donna. La scuola del villaggio è stata demolita all'inizio dello scorso anno. Ciò ha costretto i bambini a frequentare le lezioni in un altro istituto, situato in una località vicina.

Un’altra fonte riferisce che 12 famiglie della città di Muang Xay, nella provincia di Oudomxay, dovevano esser risarcite il mese scorso. Le autorità hanno però annunciato che il pagamento sarà rimandato “in data da definirsi” e gli abitanti del villaggio dubitano che verrà effettuato.

Oltre 1000 famiglie che vivono nei villaggi lungo la linea ferroviaria, che va dalla provincia settentrionale di Luang Namtha a Vientiane, non hanno ancora ricevuto alcun rimborso. Tuttavia, molte di esse sono già state sfrattate dalle loro case.

Intervenuto all'Assemblea nazionale all’inizio dell’anno, il ministro dei Trasporti e dei Lavori pubblici Bounchanh Sinthavong aveva affermato che i pagamenti sarebbero iniziati a giugno e che i fondi stanziati sarebbero ammontati a 291 milioni di dollari Usa.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vientiane, necessari gli aiuti cinesi per lo sviluppo economico e sanitario
23/12/2017 09:18
Accordo Vientiane-Pechino: una ferrovia da 7,2 miliardi che colleghi tutto il sud-est asiatico
22/07/2015
Incontro mondiale delle famiglie: niente visto per le famiglie palestinesi e giordane
25/08/2018 08:05
Card. Rosales: "La nuova ferrovia del Sud non può distruggere la vita dei poveri della zona"
31/05/2006
Pechino e Bangkok: accordo per una linea ferroviaria ad alta velocità fra i due Paesi
22/10/2010