29 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/07/2008, 00.00

    VIETNAM

    Migliaia di fedeli ai funerali del patriarca buddista Thich Huyen Quang

    Nguyen Hung

    Il governo di Hanoi ha tentato in tutti i modi di boicottare le esequie. Aveva passato 30 anni fra prigione, isolamento, arresti domiciliari, diventando un campione della libertà religiosa e dei diritti umani, stimato da dissidenti e attivisti. L’elogio funebre del suo successore, Thich Quang Do.

    Ho Chi Minh City (AsiaNews/Ibib) – Ameno 6 mila fra monaci, monache e fedeli buddisti hanno preso parte stamane ai funerali del patriarca Thich Huyen Quang, capo della Chiesa buddista unificata (Cbu), dichiarata fuorilegge dal governo vietnamita.

    Il solenne funerale, durato 2 ore, si è svolto al monastero Nguyen Thieu  a Bunh Dinh, nel centro del Paese. Thich Huyen Quang è morto lo scorso 6 luglio e ha passato più di 30 anni in prigione, in isolamento o agli arresti domiciliari per aver sempre rifiutato di sottoporre la Cbu al controllo del Partito comunista vietnamita.

    Il governo di Hanoi ha fatto di tutto per boicottare le esequie: ha denunciato dei supposti fini politici; ha bloccato i movimenti delle comunità buddiste nel Paese; ha perfino cercato di cancellare la presenza ai funerali di diversi attivisti per i diritti umani. Il patriarca buddista era infatti molto noto e stimato per la sua lotta a favore della libertà religiosa e i diritti umani.

    Pur sotto sorveglianza della polizia – che è riuscita anche a bloccare l’uso di cellulari – il funerale si è svolto sotto la presidenza di Thich Quang Do, da molti riconosciuto come il successore del defunto patriarca.

    Nell’elogio funebre, Thich Quang Do ha detto fra l’altro: “Negli ultimi 30 anni, dal 1975 fino ad oggi, mentre infuocava la repressione religiosa e politica in Vietnam,tu sei stato come un grande albero che ci donava ombra e rifugio. Tu sei stato il timoniere che con mani ferme e sicure ha guidato la Chiesa buddista unificata attraverso persecuzione e oppressione. Hai sacrificato a tua libertà per savare il nostro popolo e la nostra fede. In cambio, hai raccolto solo difficoltà, umiliazioni e prigionia, al punto che [una volta] hai detto: Sono un uomo senza casa; morirò senza una tomba; cammino senza un sentiero; son prigioniero senza [aver commesso un] crimine…. Non ci fermeremo fino a che compiamo il tuo sogno, vedere la Cbu riguadagnare la legalità e riconquistare la libertà per le nostre attività religiose che il regime comunista ci ha rubato nel 1975”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/07/2008 VIETNAM
    Il governo teme i funerali di Thich Huyen Quang, patriarca buddista ed eroe della libertà religiosa
    Era il capo della chiesa buddista unificata, dichiarata fuorilegge dal governo di Hanoi. È morto a 87 anni, dei quali metà spesi in prigione, in esilio e agli arresti domiciliari. Per lui la libertà religiosa è la base anche del progresso economico.

    05/10/2005 VIETNAM
    Diplomatici occidentali incontrano dissidente buddista

    L'ambasciatore britannico ed un rappresentante dell'Ue hanno potuto vedere Thich Quang Do, numero due della Chiesa buddista unificata del Vietnam.



    24/11/2006 VIETNAM
    In Vietnam l'Apec ha pensato solo ai soldi e non ai diritti umani

    Vo Van Ai, presidente del Comitato vietnamita per i diritti dell'uomo e portavoce della Chiesa buddista unificata accusa governi e media occidentali.



    17/02/2006 VIETNAM
    Vietnam: la polizia arresta un eminente monaco buddista dissidente

    Portati via Thich Quang Do e un altro monaco, si ignorano le accuse e dove siano. Negli ultimi mesi è aumentata la repressione contro la libertà religiosa.



    06/10/2008 CINA
    I dissidenti Hu Jia e Gao Zhisheng favoriti per il Nobel per la Pace
    Per il premio, che sarà assegnato il 10 ottobre, favoriti i due noti attivisti per i diritti umani, in carcere da tempo per reati d’opinione. Seccata reazione di Pechino. Ma altri commentano che è ora nel Paese ci siano “importanti cambiamenti”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®