24 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/07/2008
VIETNAM
Migliaia di fedeli ai funerali del patriarca buddista Thich Huyen Quang
di Nguyen Hung
Il governo di Hanoi ha tentato in tutti i modi di boicottare le esequie. Aveva passato 30 anni fra prigione, isolamento, arresti domiciliari, diventando un campione della libertà religiosa e dei diritti umani, stimato da dissidenti e attivisti. L’elogio funebre del suo successore, Thich Quang Do.

Ho Chi Minh City (AsiaNews/Ibib) – Ameno 6 mila fra monaci, monache e fedeli buddisti hanno preso parte stamane ai funerali del patriarca Thich Huyen Quang, capo della Chiesa buddista unificata (Cbu), dichiarata fuorilegge dal governo vietnamita.

Il solenne funerale, durato 2 ore, si è svolto al monastero Nguyen Thieu  a Bunh Dinh, nel centro del Paese. Thich Huyen Quang è morto lo scorso 6 luglio e ha passato più di 30 anni in prigione, in isolamento o agli arresti domiciliari per aver sempre rifiutato di sottoporre la Cbu al controllo del Partito comunista vietnamita.

Il governo di Hanoi ha fatto di tutto per boicottare le esequie: ha denunciato dei supposti fini politici; ha bloccato i movimenti delle comunità buddiste nel Paese; ha perfino cercato di cancellare la presenza ai funerali di diversi attivisti per i diritti umani. Il patriarca buddista era infatti molto noto e stimato per la sua lotta a favore della libertà religiosa e i diritti umani.

Pur sotto sorveglianza della polizia – che è riuscita anche a bloccare l’uso di cellulari – il funerale si è svolto sotto la presidenza di Thich Quang Do, da molti riconosciuto come il successore del defunto patriarca.

Nell’elogio funebre, Thich Quang Do ha detto fra l’altro: “Negli ultimi 30 anni, dal 1975 fino ad oggi, mentre infuocava la repressione religiosa e politica in Vietnam,tu sei stato come un grande albero che ci donava ombra e rifugio. Tu sei stato il timoniere che con mani ferme e sicure ha guidato la Chiesa buddista unificata attraverso persecuzione e oppressione. Hai sacrificato a tua libertà per savare il nostro popolo e la nostra fede. In cambio, hai raccolto solo difficoltà, umiliazioni e prigionia, al punto che [una volta] hai detto: Sono un uomo senza casa; morirò senza una tomba; cammino senza un sentiero; son prigioniero senza [aver commesso un] crimine…. Non ci fermeremo fino a che compiamo il tuo sogno, vedere la Cbu riguadagnare la legalità e riconquistare la libertà per le nostre attività religiose che il regime comunista ci ha rubato nel 1975”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/07/2008 VIETNAM
Il governo teme i funerali di Thich Huyen Quang, patriarca buddista ed eroe della libertà religiosa
di Nguyen Van Tranh
05/10/2005 VIETNAM
Diplomatici occidentali incontrano dissidente buddista
24/11/2006 VIETNAM
In Vietnam l'Apec ha pensato solo ai soldi e non ai diritti umani
17/02/2006 VIETNAM
Vietnam: la polizia arresta un eminente monaco buddista dissidente
22/11/2005 vietnam
La chiesa buddista unificata del Vietnam lamenta un aumento della repressione

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate