2 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/07/2008
VIETNAM
Migliaia di fedeli ai funerali del patriarca buddista Thich Huyen Quang
di Nguyen Hung
Il governo di Hanoi ha tentato in tutti i modi di boicottare le esequie. Aveva passato 30 anni fra prigione, isolamento, arresti domiciliari, diventando un campione della libertà religiosa e dei diritti umani, stimato da dissidenti e attivisti. L’elogio funebre del suo successore, Thich Quang Do.

Ho Chi Minh City (AsiaNews/Ibib) – Ameno 6 mila fra monaci, monache e fedeli buddisti hanno preso parte stamane ai funerali del patriarca Thich Huyen Quang, capo della Chiesa buddista unificata (Cbu), dichiarata fuorilegge dal governo vietnamita.

Il solenne funerale, durato 2 ore, si è svolto al monastero Nguyen Thieu  a Bunh Dinh, nel centro del Paese. Thich Huyen Quang è morto lo scorso 6 luglio e ha passato più di 30 anni in prigione, in isolamento o agli arresti domiciliari per aver sempre rifiutato di sottoporre la Cbu al controllo del Partito comunista vietnamita.

Il governo di Hanoi ha fatto di tutto per boicottare le esequie: ha denunciato dei supposti fini politici; ha bloccato i movimenti delle comunità buddiste nel Paese; ha perfino cercato di cancellare la presenza ai funerali di diversi attivisti per i diritti umani. Il patriarca buddista era infatti molto noto e stimato per la sua lotta a favore della libertà religiosa e i diritti umani.

Pur sotto sorveglianza della polizia – che è riuscita anche a bloccare l’uso di cellulari – il funerale si è svolto sotto la presidenza di Thich Quang Do, da molti riconosciuto come il successore del defunto patriarca.

Nell’elogio funebre, Thich Quang Do ha detto fra l’altro: “Negli ultimi 30 anni, dal 1975 fino ad oggi, mentre infuocava la repressione religiosa e politica in Vietnam,tu sei stato come un grande albero che ci donava ombra e rifugio. Tu sei stato il timoniere che con mani ferme e sicure ha guidato la Chiesa buddista unificata attraverso persecuzione e oppressione. Hai sacrificato a tua libertà per savare il nostro popolo e la nostra fede. In cambio, hai raccolto solo difficoltà, umiliazioni e prigionia, al punto che [una volta] hai detto: Sono un uomo senza casa; morirò senza una tomba; cammino senza un sentiero; son prigioniero senza [aver commesso un] crimine…. Non ci fermeremo fino a che compiamo il tuo sogno, vedere la Cbu riguadagnare la legalità e riconquistare la libertà per le nostre attività religiose che il regime comunista ci ha rubato nel 1975”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/07/2008 VIETNAM
Il governo teme i funerali di Thich Huyen Quang, patriarca buddista ed eroe della libertà religiosa
di Nguyen Van Tranh
05/10/2005 VIETNAM
Diplomatici occidentali incontrano dissidente buddista
24/11/2006 VIETNAM
In Vietnam l'Apec ha pensato solo ai soldi e non ai diritti umani
17/02/2006 VIETNAM
Vietnam: la polizia arresta un eminente monaco buddista dissidente
22/11/2005 vietnam
La chiesa buddista unificata del Vietnam lamenta un aumento della repressione

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate