05/06/2013, 00.00
CAMBOGIA
Invia ad un amico

Migliaia di operai del tessile in piazza per la liberazione di colleghi arrestati

Otto persone sono trattenute da giorni, senza un capo di accusa specifico. Dipendenti di un’azienda che produce abbigliamento per la Nike, essi hanno manifestato per chiedere un aumento nei salari e migliori condizioni di lavoro. Fonti di AsiaNews: proteste in aumento, il malcontento “evidente e diffuso”.

Phnom Penh (AsiaNews) - Il numero e l'intensità delle proteste dei lavoratori cambogiani è "in continuo aumento" e il malcontento si fa "sempre più evidente e diffuso" rispetto al passato. È quanto affermano fonti cattoliche di AsiaNews attive nel terzo settore. Il problema occupazionale, aggiungono, "è molto sentito" e si affianca a quello delle "condizioni in cui si trovano a operare". Difatti, la "competizione con la Cina" spinge le imprese a "contenere le spese" e i lavoratori, in molti casi, restano "sotto la soglia di sopravvivenza". Oggi intanto migliaia di operai - guidati dai sindacati nazionali - hanno manifestato, chiedendo la liberazione dei colleghi arrestati nei giorni scorsi e tuttora in stato di fermo senza capi di accusa specifici.

Lo scorso 3 giugno otto persone sono state arrestate, nell'ambito delle manifestazioni di piazza promosse da oltre 10mila impiegati nel tessile, che chiedono un aumento dei salari e migliori condizioni di lavoro. A guidare la protesta i dipendenti della compagnia di proprietà taiwanese Sabrina (Cambodia) Garment Manifacturing, che produce vestiti e calzature per l'americana Nike.

L'industria del tessile è fra le più fiorenti e vitali della Cambogia, con 650mila occupati e un volume di affari miliardario legato alla produzione di capi di abbigliamento per le grandi marche occidentali. Ad oggi la magistratura non ha ancora emesso un capo di accusa specifico nei confronti dei manifestanti fermati; durante gli scontri seguiti alle dimostrazioni sono rimaste ferite una decina di persone, fra cui un'operaia incinta che nei tumulti ha perso il bambino.

Per questo oggi almeno 3mila persone si sono assembrate davanti ai cancelli del tribunale provinciale di Kampong Speu, nel sud della Cambogia, chiedendo il rilascio degli arrestati. "Il governo ha paura delle proteste - afferma Ou Virak - presidente del Cambodian Centre for Human Rights - perché teme possibili rivolte sociali in vista delle prossime elezioni. Una sorta di rivolta, sulla falsariga di quanto avvenuto nei Paesi arabi o in Turchia". Egli aggiunge però che la politica del pugno di ferro "causerà ulteriore risentimento". 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Phnom Penh: 11 attivisti arrestati, parte la "linea dura" contro le proteste
21/01/2014
Onu a Phnom Penh: allarme per l’uso “sproporzionato” della forza contro i manifestanti
08/01/2014
Phnom Penh: la polizia spara sugli operai del tessile in sciopero, tre vittime
03/01/2014
Phnom Penh: scontri fra polizia e operai del tessile, arresti e feriti fra i manifestanti
27/12/2013
Laos, operai in piazza contro un’azienda cinese che non paga i salari
27/03/2015