20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/12/2008, 00.00

    CINA

    Miliardi di yuan per frenare le rivolte dei contadini cinesi



    Milioni di migranti, licenziati dalle fabbriche in crisi, sono costretti a tornare al villaggio lasciato per fare fortuna. Ma a casa li aspettano poco lavoro e scarsa assistenza sociale. Esperti: per 700 milioni di contadini non bastano sussidi una tantum, occorre creare lavoro e fornire servizi sociali.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Il governo cinese ha promesso ieri 10 miliardi di yuan (circa 1 miliardo di euro) in aiuti ai contadini per tentare di sedare tensioni e disoccupazione in crescita nel mondo rurale.

    Le diminuite esportazioni fanno chiudere molte fabbriche in province industriali come Zhejiang, Guangdong e Fujian. Come conseguenza, milioni di migranti si trovano senza lavoro né mezzi e non hanno altra scelta che tornare nel povero villaggio rurale lasciato anni prima per fare fortuna. Ma in quelle zone trovano scarsità di lavoro, né lo Stato fornisce servizi sociali anche minimi come la sanità pubblica gratuita.

    L’economista Mao Yushi commenta che, per evitare un vero collasso sociale e il rischio di nuove maggiori proteste, “lo Stato deve provvedere per il tenore di vita di questo gruppo demografico in rapida crescita”.

    Nel 2006 c’erano 130 milioni di lavoratori migranti. Nessuno conosce il numero dei migranti licenziati, ma è la categoria più colpita dalla crisi occupazionale. Nel solo Hunan si parla di oltre un milione di lavoratori già tornati e se ne prevedono altri 2,8 milioni nel 2009.

    Il nuovo sussidio vuole comprendere corsi di riqualificazione per trovare lavoro in altre industrie e un sistema di microcredito per iniziative nella zona rurale. Nelle scorse settimane, Pechino ha già stanziato sussidi ai produttori perché offrano i loro prodotti nei piccoli centri rurali, invece che nelle grandi città, al fine di stimolare un aumento dei consumi.

    Ma esperti osservano che la produzione agricola è sempre più meccanizzata e non è in grado di creare nuovi posti di lavoro sufficienti per milioni di migranti. Inoltre molti migranti troveranno la terra espropriata da corrotte autorità locali con inadeguati indennizzi. Notano che, a fronte di circa 700 milioni di residenti nelle zone rurali, questo sussidio significa circa 15 yuan (1,5 euro) a testa.

    Mao conclude che “un’effettiva soluzione potrebbe essere realizzare servizi sociali” e aumentare il settore dei servizi, con creazione di nuovi posti di lavoro.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/12/2008 CINA
    Contadini, operai, laureati cinesi: milioni di nuovi disoccupati ogni mese
    Le zone rurali hanno difficoltà a dar lavoro ai milioni di migranti che, cacciati dalle fabbriche, sono costretti a tornare a casa. Intanto ci sono oltre un milione di laureati senza lavoro. Pechino teme proteste sociali e invita le autorità locali a creare opportunità di lavoro.

    09/06/2009 CINA
    Pechino ha paura di milioni di laureati disoccupati
    In Cina la crisi economica causa per la prima volta diffusa disoccupazione tra i laureati. I giovani lo vivono con angoscia e molti cadono in depressione. Ma il governo ha paura che tanti laureati disoccupati inneschino proteste di piazza.

    27/07/2009 CINA
    Operai cinesi pestano a morte un dirigente; contadini bloccano un'autostrada
    Nel Jilin una grande ditta di acciaio programma di ristrutturarsi e tagliare 30mila posti di lavoro. Scoppia la protesta degli operai. Nel Zhejiang circa 30mila contadini bloccano l’autostrada accusando le autorità locali di corruzione e di rubar loro gli indennizzi per le terre espropriate.

    27/11/2008 CINA
    Leader cinesi nel panico per la crisi e la disoccupazione
    Previsto un rapido aumento della disoccupazione, per il fallimento o la minor produzione di molte ditte. A rischio il lavoro di 120 milioni di migranti, ma anche di 6 milioni di neolaureati o diplomati. Aumentano le proteste sociali di lavoratori cacciati senza nemmeno una giusta liquidazione.

    12/01/2009 CINA
    Inizia l’esodo di decine di milioni di migranti per il Capodanno cinese
    Ieri, primo giorno di grande rientro, oltre 4,7 milioni di passeggeri per le ferrovie. Quest'anno si prevede un esodo record; nel 2008 le grandi nevicate hanno bloccato molti in città. Al ritorno si teme di non ritrovare il posto di lavoro.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®