1 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/12/2008
CINA
Miliardi di yuan per frenare le rivolte dei contadini cinesi
Milioni di migranti, licenziati dalle fabbriche in crisi, sono costretti a tornare al villaggio lasciato per fare fortuna. Ma a casa li aspettano poco lavoro e scarsa assistenza sociale. Esperti: per 700 milioni di contadini non bastano sussidi una tantum, occorre creare lavoro e fornire servizi sociali.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Il governo cinese ha promesso ieri 10 miliardi di yuan (circa 1 miliardo di euro) in aiuti ai contadini per tentare di sedare tensioni e disoccupazione in crescita nel mondo rurale.

Le diminuite esportazioni fanno chiudere molte fabbriche in province industriali come Zhejiang, Guangdong e Fujian. Come conseguenza, milioni di migranti si trovano senza lavoro né mezzi e non hanno altra scelta che tornare nel povero villaggio rurale lasciato anni prima per fare fortuna. Ma in quelle zone trovano scarsità di lavoro, né lo Stato fornisce servizi sociali anche minimi come la sanità pubblica gratuita.

L’economista Mao Yushi commenta che, per evitare un vero collasso sociale e il rischio di nuove maggiori proteste, “lo Stato deve provvedere per il tenore di vita di questo gruppo demografico in rapida crescita”.

Nel 2006 c’erano 130 milioni di lavoratori migranti. Nessuno conosce il numero dei migranti licenziati, ma è la categoria più colpita dalla crisi occupazionale. Nel solo Hunan si parla di oltre un milione di lavoratori già tornati e se ne prevedono altri 2,8 milioni nel 2009.

Il nuovo sussidio vuole comprendere corsi di riqualificazione per trovare lavoro in altre industrie e un sistema di microcredito per iniziative nella zona rurale. Nelle scorse settimane, Pechino ha già stanziato sussidi ai produttori perché offrano i loro prodotti nei piccoli centri rurali, invece che nelle grandi città, al fine di stimolare un aumento dei consumi.

Ma esperti osservano che la produzione agricola è sempre più meccanizzata e non è in grado di creare nuovi posti di lavoro sufficienti per milioni di migranti. Inoltre molti migranti troveranno la terra espropriata da corrotte autorità locali con inadeguati indennizzi. Notano che, a fronte di circa 700 milioni di residenti nelle zone rurali, questo sussidio significa circa 15 yuan (1,5 euro) a testa.

Mao conclude che “un’effettiva soluzione potrebbe essere realizzare servizi sociali” e aumentare il settore dei servizi, con creazione di nuovi posti di lavoro.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/12/2008 CINA
Contadini, operai, laureati cinesi: milioni di nuovi disoccupati ogni mese
09/06/2009 CINA
Pechino ha paura di milioni di laureati disoccupati
27/07/2009 CINA
Operai cinesi pestano a morte un dirigente; contadini bloccano un'autostrada
27/11/2008 CINA
Leader cinesi nel panico per la crisi e la disoccupazione
12/01/2009 CINA
Inizia l’esodo di decine di milioni di migranti per il Capodanno cinese

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate