17/01/2005, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Minacce dei fondamentalisti indù contro il Festival della preghiera

di Nirmala Carvalho
Gruppi politici di destra si oppongono alla manifestazione guidata dal pastore Benny Hinn, accusato di recarsi in India per convertire

Bangalore (AsiaNews) – Minacce da parte di gruppi estremisti hindu contro il Festival della preghiera. Esponenti del  Bajrang Dal  e del VHP, che accusano il predicatore Benny Hinn di voler convertire gli hindu, minacciano il governo di fare intervenire i propri attivisti, se la manifestazione non verrà bloccata.

Pramod Mutalik, segretario regionale del VHP, ha dichiarato :" Abbiamo dato al governo un ultimatum, che scade oggi. Se il governo non farà nulla per fermare il pastore, i nostri attivisti verranno da tutto il Paese per protestare contro la manifestazione". "Il Festival", ha spiegato, "ha in programma 3 milioni di spettatori. In Karnataka ci sono 1,2 milioni di cristiani; il resto sono hindu, che Hinn vuole convertire".

Un attivista del RSS (Rashtriya Swayamsevak Sangh) ha dichiarato ad AsiaNews :" Benny Hinn chiama la sua attività 'crociata', e lo fa liberamente ed apertamente. Crociata significa guerra santa. Se vuole una guerra, noi siamo pronti a combatterla".

La manifestazione del pastore americano Benny Hinn dovrebbe tenersi nella Città Giardino di Bangalore nei giorni 21, 22 e 23 gennaio.

E' prevista la partecipazione di importanti esponenti del mondo politico indiano, come il ministro per lo sviluppo delle risorse umane Arjun Singh e i primi ministri di Maharastra, Kerala, Andra Pradesh e Karnataka.

Ironicamente, H. T. Sangliana, parlamentare del BJP (Bharatiya Janata Party), ha confermato la sua presenza al meeting di preghiera nonostante la forte opposizione del suo partito.

Viaji Lazarus, presidente delle Industrie musicali indiane e organizzatore dell'evento, in un'intervista ad AsiaNews ha detto :"Il governo indiano è stato informato con precisione su quale sia lo scopo della presenza del pastore in India. Lui ha un visto valido del governo, e la motivazione della sua permanenza in India è 'Preghiera'. Noi rispettiamo le leggi indiane, ma pregare non viola alcuna legge. Anche lo scorso anno il pastore ha avuto il permesso di tenere il suo meeting in India. L'intento del Festival non è quello di convertire. Gli abitanti di questo Paese devono essere liberi di venire senza paure, e dovrebbero avere la libertà di scegliere cosa è meglio per loro. Benny Hinn non è una minaccia per nessuno".

Gli organizzatori hanno costruito un palco in grado di contenere 2400 persone, e sono attese centinaia di migliaia di persone.

Sono stati predisposti autobus e treni speciali per collegare Bangalore con il Tamil Nadu e l'Andra Pradesh.

Il commissario di polizia S. Mariswamy, che ha visitato il luogo mercoledì, ha dichiarato :"Ci aspettiamo una folla incredibile, ed abbiamo predisposto adeguate misure di sicurezza". Oltre agli agenti di polizia sarà presente una guardia civica composta da 50 dottori, 100 infermiere e 15 mila volontari; sono stati attrezzati anche 25 posti letto ospedalieri completi.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
India, estremisti indù attaccano raduno cristiano
27/06/2005
India, ha offerto le dimissioni il presidente del BJP
07/06/2005
Bangalore, il predicatore evangelico Benny Hinn cancella la sua visita
15/01/2014
Karnataka, l'Alta Corte: Sì alla visita del predicatore evangelico Benny Hinn
13/01/2014
Bangalore, induisti scatenati contro il ritorno del predicatore Benny Hinn
09/01/2014