08/04/2016, 16.23
FILIPPINE
Invia ad un amico

Mindanao, rilasciato l'ex missionario Pime Rolando Del Torchio

L’ex missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere nelle Filippine era stato rapito nell’ottobre 2015. La Farnesina conferma la liberazione: l’uomo è ora sotto la protezione dei militari locali. Il rilascio sarebbe avvenuto nell’isola di Sulu, base operativa del gruppo estremista islamico di Abu Sayyaf.

Manila (AsiaNews) – Rolando Del Torchio, ex missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere rapito nell’ottobre del 2015 a Dipolog City nelle Filippine, è stato rilasciato oggi e si trova sotto la custodia dell’esercito filippino. Lo conferma una nota della Farnesina.

Le autorità lo avrebbero individuato nell’isola di Sulu, roccaforte del gruppo estremista islamico di Abu Sayyaf. Non è chiaro se sia stato pagato un riscatto e neanche se dietro il rapimento vi siano i fondamentalisti islamici. Del Torchio era stato sequestrato nel suo ristorante “Ur Choice Cafè“, nel sud della Filippine, in un’area dove operano diversi gruppi separatisti musulmani.

Rolando Del Torchio, 57 anni, è originario di Angera (Varese). Ordinato missionario del Pime nel 1984, aveva lavorato a Napoli per alcuni anni e poi inviato nelle Filippine a Sebuco, sempre a Mindanao, vicino alla zona dove è stato rapito. Come missionario si è impegnato a fondo nel difendere i diritti degli agricoltori e dei tribali nei confronti dei padroni delle terre, mettendo spesso a rischio la sua vita. Dal 2001 ha chiesto di vivere fuori dell’Istituto, rimanendo a Zamboanga del Norte. Negli anni seguenti ha lasciato il sacerdozio per motivi personali.

Il Pontificio Istituto Missioni Estere è presente a Mindano dagli anni ’70. Nel 2011 è stato ucciso p. Fausto Tentorio, già collega di Rolando Del Torchio.

Nell’isola nell'isola di Mindanao sono stati uccisi altri due missionari. Nel 1985 p. Tullio Favali è stato assassinato a Tulunan, nella diocesi di Kidapawan, per mano di un gruppo di guardie private armate; nel 1992, p. Salvatore Carzedda, impegnato nel dialogo con i musulmani, è stato ucciso a Zamboanga. Nel 2007, p. Giancarlo Bossi era stato rapito da un gruppo di fuoriusciti del Moro Islamic Liberation Front (Milf), ma è stato rilasciato dopo oltre due mesi di cattività. Nel 1998 è stato rapito anche p. Luciano Benedetti. I suoi rapitori, un gruppo musulmano, lo hanno liberato dopo circa 2 mesi.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa al Pime: Protagonisti del Mese Missionario Straordinario
20/05/2019 15:00
P. Rupak Lokhande, da Mumbai nella missione della Costa d’Avorio
02/08/2019 14:54
Il card. Filoni celebra la festa del p. Paolo Manna al Pime di Roma
17/01/2018 12:24
P. Gheddo: Ho visto la risurrezione della Chiesa in Cina
27/09/2016 11:03
Natale a Hong Kong, scoprendo Gesù Cristo, "aumenta il desiderio di una vita vera"
16/12/2014