19/08/2004, 00.00
IRAQ
Invia ad un amico

Ministro irakeno: Truppe schierate per l'offensiva finale

Baghdad (AsiaNews/Agenzie) - Kassim Dawoud, ministro dello stato irakeno, ha annunciato in una conferenza stampa che "truppe irakene sono pronte all'offensiva finale contro Moqtada al-Sadr e i suoi miliziani". Questa mattina il ministro ha ribadito le condizioni per un cessate il fuoco, altrimenti "la soluzione militare della crisi prevarrà. Le azioni sono imminenti e le truppe sono già schierate".

Moqtada al-Sadr ha sempre meno appoggi nel paese. Ieri, il delegato musulmano Abdul-Halim al-Ruhami ha detto che "se c'era qualcuno che simpatizzava per lui in passato, ora non vi è più nessuno, visto il suo atteggiamento". Il capo della polizia di Najaf, Ghaleb al Jazairi, è stato ancora più duro: "Non smetteremo mai di combatterli… Se si rifiutano di arrendersi e di consegnare le armi, penetreremo nel santuario e li uccideremo". Il padre 84enne e malato di Ghaleb è stato rapito dai ribelli di Moqtada al-Sadr.

Ieri, i deputati riuniti a Baghdad avevano ribadito 3 condizioni per una soluzione pacifica della crisi: abbandonare il mausoleo dell'Imam Ali, deporre le armi, formare un partito politico. Al-Sadr deve inoltre sottoscrivere una dichiarazione in cui si impegna a non fomentare altra violenza in futuro e deve rilasciare tutti i civili e gli agenti iracheni rapiti dai suoi miliziani. Un'ultima condizione è quella di presentarsi davanti alle telecamere della televisione per dichiarare la fine dell'esercito di al Mahdi, il gruppo di ribelli armati, pagati da Moqtada al-Sadr.

La crisi di Najaf sembrava essere ad una svolta. Il leader radicale sciita Moqtada al-Sadr aveva accettato di disarmare le milizie e di sedere al tavolo delle trattative e attraverso un portavoce aveva fatto sapere di accettare tutte le richieste dell'assemblea, inviando una lettera a un deputato dell'Assemblea. Al-Sadr, da parte sua, aveva chiesto che per evacuare il santuario di Alì venisse proclamato un cessate-il-fuoco. In mattinata si sono registrate esplosioni nella città vecchia di Najaf, dove è arroccato il leader radicale sciita con i sui miliziani. (DS)

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Najaf : battaglia finale fra truppe Usa e irakene contro Moqtada al-Sadr
12/08/2004
Delegazione a Najaf ridotta per motivi di sicurezza
17/08/2004
Dimissioni dei ministri di al-Sadr, forse un "mossa" a favore dell'"esercito del Mahdi"
17/04/2007
Violenze per frenare la marcia di Al Sistani verso Najaf
26/08/2004
Al-Maliki: stop alle azioni militari contro le milizie sciite
04/04/2008