15/12/2018, 09.00
HONG KONG
Invia ad un amico

Missionario Pime: Natale ci aiuti a costruire la civiltà dell’amore

di Mario Marazzi

Il p. Mario Marazzi, 90 anni, vive la sua missione fra Hong Kong e Cina continentale. Il ricordo della sua attività con i ragazzi disabili mentali cinesi e la speranza che l’accordo fra Cina e Santa Sede porti frutti positivi. “Grazie a Dio del dono della vita, grazie ai tanti che mi hanno sostenuto nella mia missione”.

Hong Kong (AsiaNews) – “Gli anni della nostra vita sono settanta, ottanta per i più robusti” (Salmo 90,10). Rispetto a noi, quando l’autore del salmo scriveva queste parole, la durata media della vita era molto più bassa. Adesso grazie a tanti fattori le cose non stanno più così ed io sono potuto arrivare ai novant’anni.

Ringrazio Dio del dono della vita, ringrazio i miei genitori che mi hanno messo al mondo. Rimasto presto orfano del papà, sono grato alla mamma e ai miei fratelli e sorelle che hanno reso felice la mia fanciullezza.

L’elenco delle persone da ricordare con gratitudine sarebbe lungo. Penso a chi mi ha procurato un buon posto di lavoro nella propria azienda quando ero adolescente, penso ai giovani di Azione Cattolica con cui ho passato anni belli, agli educatori (laici e preti) che mi hanno aiutato a crescere, ai compagni di seminario con cui ho condiviso il cammino di formazione in vista di essere prete e missionario…

A trentadue anni (ottobre 1960) arrivai a Hong Kong in nave. Entrato nel porto, con i compagni di viaggio rimasi sul ponte a godere lo spettacolo di una città unica, che sarebbe stata per tanti anni la mia patria di adozione.

I primi due anni furono dedicati allo studio delle lingue, cinese e inglese.

Imparare l’inglese non è poi così difficile, ma l’apprendimento del cinese impegna non poco. Sono stato sostenuto dalla pazienza della gente. Penso ai ragazzi che frequentavano la nostra casa e che ci correggevano con spontaneità, senza timore di offendere. Penso a una maestra, ora in pensione, che mi ha aiutato per anni e che ancora oggi non mi fa mancare la sua assistenza.

Anche l’elenco delle persone di Hong Kong che mi hanno accompagnato in questi anni sarebbe lungo. Ho ricevuto esempi di bontà e generosità in tanti momenti. Ringrazio i vescovi, i preti, le suore e tante persone che mi hanno accettato con i miei difetti e limiti, mi hanno aiutato a superare le difficoltà.

Vorrei ricordare il periodo che ho passato a Guangzhou, come volontario al servizio dei disabili mentali assistiti dalla Huiling [Organizzazione no profit che si occupa di ragazzi scartati dalla società ndr]. Sono andato in Cina con il desiderio di fare qualcosa per i disabili, ma quello che ho ricevuto è stato molto di più di ciò che ho dato. Ho imparato che vivere in una casa-famiglia assieme a persone disabili rende possibile una comunione di vita tra i cosiddetti “normali” e quelli considerati “anormali”.

Come missionario, sono venuto a Hong Kong per far conoscere ai non cristiani il Vangelo di Gesù. Ho scoperto subito che qui la Chiesa era già missionaria, che tanti laici guidati dai loro preti erano impegnati ad annunciare la Buona Notizia a quelli di fuori. Io non ho fatto altro che mettermi con loro e dare un piccolo contributo, inserito in una grande e affascinante storia.

Ho lasciato la mia terra col desiderio di venire ad annunciare a parole e a testimoniare con la vita un dono che anch’io ho avuto, la fede in Gesù salvatore. Mi rendo conto che stando qui ho ricevuto molto. Ho imparato a stimare una cultura molto antica, a vedere il positivo in persone che vivono in modo diverso da come sono stato educato. Attraverso il dialogo con cristiani di altre tradizioni religiose ho apprezzato le ricchezze di altre chiese. In altre parole, ho imparato che la vita di un missionario è uno scambio di doni.

Sono grato al PIME (Pontificio Istituto Missioni Estere) che mi ha accompagnato nella mia vita di missionario e ora che sono anziano mi offre un luogo confortevole. Abito, infatti, alla Pime House con alcuni confratelli. La maggioranza dei nostri missionari vive fuori, nelle parrocchie e negli altri posti di lavoro. Alla Pime House ci ritroviamo assieme per incontri conviviali, di studio o di preghiera. Per quanto mi riguarda, vado all’esterno per celebrare l’eucaristia domenicale in qualche parrocchia o per altri impegni ma passo molto tempo in casa dove mi occupo della biblioteca e di altri piccoli servizi alla comunità. Rispetto a prima ho più tempo libero: oltre la Bibbia posso leggere qualche libro o rivista e tenermi in corrispondenza con gli amici. Mi siete presenti, ora che posso pregare di più.

Nella preghiera vi chiedo di ricordarvi della Chiesa di Cina. Il recente accordo tra la Santa Sede e il governo di Pechino è positivo ed è un primo passo. Purtroppo le autorità cinesi stanno limitando fortemente la libertà della pratica religiosa. Speriamo che la situazione migliori. I cattolici cinesi soffrono da tempo e meritano rispetto. Offriamo loro appoggio, incoraggiamento e stima per le difficoltà che devono affrontare nel vivere la fede.

Auguri di buon Natale e buon Anno. Il Signore ci aiuti a dare il nostro piccolo contributo alla costruzione della civiltà dell’amore!

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Natale, lettera da Hong Kong
13/12/2017 12:58
Natale a Hong Kong, scoprendo Gesù Cristo, "aumenta il desiderio di una vita vera"
16/12/2014
E’ associato al PIME il primo prete polacco “fidei donum” per la Cina
10/02/2007
Hong Kong, Mese Missionario straordinario: la storia della Chiesa spiegata negli istituti cattolici
25/03/2019 13:15
Card Zen: in tempo di crisi finanziaria, Natale ci richiama alla povertà e all'affetto
20/12/2008