09/12/2020, 10.35
HONG KONG
Invia ad un amico

P. Marazzi: Il mio grazie per i 60 anni di sacerdozio missionario

di Mario Marazzi

Il missionario del Pime è fra i sacerdoti, religiosi e religiose che nella diocesi di Hong Kong celebrano il giubileo dei 70, 60, 50, 25 anni di consacrazione. Quest’anno, a causa della pandemia, la celebrazione è avvenuta online.

Hong Kong (AsiaNews) – Il 5 dicembre scorso, la diocesi di Hong Kong ha celebrato i giubilei di ordinazione e di consacrazione del personale religioso della diocesi.  Insieme a tre suore che festeggiano i 70 anni dei loro voti perpetui, vi sono 35 sacerdoti, religiosi e religiose che hanno raggiunto i 60, 50, e 25 anni di consacrazione. Fra tutti loro vi è anche p. Mario Marazzi, 92 anni, missionario del Pime, che celebra i suoi 60 anni di sacerdozio. La festa dei giubilei avviene in prossimità con la solennità dell’Immacolata concezione, a cui è dedicata la cattedrale di Hong Kong. Ma quest’anno, a causa della pandemia, la celebrazione poteva avvenire solo online. A Hong Kong, dal 2 dicembre, tutte le celebrazioni di persona sono state cancellate.

Ecco quanto ha scritto p. Mario Marazzi per ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla sua vocazione. Anche noi vorremmo ringraziarlo. Fra l’altro, anche per i diversi anni passati come segretario di AsiaNews a Milano.

 

Sessanta anni fa sono divenuto prete e missionario e mandato a Hong Kong. Un’occasione anzitutto per ringraziare Dio della chiamata e per dire grazie a voi che in tanti modi mi avete accompagnato in questi anni.

Da giovane avevo sempre pensato che mi sarei sposato, invece improvvisamente il corso della mia vita cambiò direzione. Grazie alla mia famiglia. Il papà morì quando noi eravamo piccoli. La mamma, che si prese cura di noi, mai parlò a noi maschi di vocazione, ma la sua educazione ne fu una buona preparazione. Quando lasciai la casa, con il mio stipendio davo un certo aiuto alla famiglia, ma i miei furono generosi nel lasciarmi andare. Per il loro continuo sostegno sono loro grato.

Grazie al mondo del lavoro dove ho passato 10 anni prima di entrare in seminario. È stato una scuola di vita. L’esperienza della Resistenza, che ho vissuto seguendo alcuni tragici eventi in paese e ascoltando le poche notizie che si potevano captare mi ha aiutato a capire il senso, il valore e l’amore per la libertà. Sono grato all’Azione Cattolica che in quel periodo mi ha fatto conoscere alcuni principi della dottrina sociale della Chiesa e mi ha preparato all’impegno civile nell’immediato dopoguerra.

Grazie al PIME. Avendo compiuto un corso triennale di avviamento al lavoro dopo la scuola elementare, non avevo fatto studi classici. Al PIME di Monza durante un’estate fui avviato agli studi, che completai l’anno dopo a Vigarolo (Lodi). Sono grato a tanti Padri che mi hanno aiutato prima e dopo la mia ordinazione. Ovviamente non può mancare un grazie speciale ai confratelli di Hong Kong del passato e di oggi per tutto il bene che ho ricevuto. Sono grato alla gente di Hong Kong e a quella di Guangzhou. Per gente intendo laici cattolici e non, religiose, preti e vescovi che mi hanno fatto sentire a casa. Ringrazio tante persone che dall’Italia in tanti modi, specialmente con la preghiera, mi hanno accompagnato nella mia missione.

Guardando indietro a questi 60 anni mi sento di dire che tutto è stato grazia, compresa la depressione che mi colpì e i 18 anni passati al Centro Missionario di Milano. Quali furono i periodi più belli? I 10 anni spesi a Guangzhou con i disabili e quelli passati con un seminarista del PIME nell’appartamento di un edificio alla periferia di Hong Kong in attesa della costruzione della chiesa.

Desidero ricordare un episodio della vita in questo stabile. Con un gruppetto di pastori protestanti che operavano in zona era nata una bella amicizia. Tanto che quando uno di loro si sposò mi invitò alle nozze. Finita la festa tornai a casa. Era sera e il nostro appartamento era al buio. Il seminarista era fuori per qualche impegno. Per qualche momento mi sentii triste e solo e fui assalito da un pensiero: il mio amico pastore continua la festa con sua moglie, invece qui nessuno mi aspetta. Poi guardai fuori dalla finestra: là nei grandi caseggiati illuminati viveva la mia gente, la gente per le quali ero stato mandato. E la piccolissima cappella accanto era il luogo dove nella preghiera trovavo la forza di ricominciare ogni giorno con gioia. Non fu difficile quella sera ritrovare la tranquillità d’animo.

Qualcuno mi domanda: adesso che sei avanti negli anni non ti ritiri in Italia? Per la verità il mio Istituto ha a Lecco una bella casa di riposo per missionari anziani o ammalati. Tuttavia, come tanti miei confratelli, preferisco restare a Hong Kong. Non perché qui sia più bello che in Italia, ma perché mi sento di condividere fino in fondo la vita di questa gente.

Vi seguo in questo tempo di pandemia, augurandovi di passare il Natale tranquilli nelle vostre case. Chiedo di pregare per i cristiani della Cina, soggetti a restrizioni e controlli. Essi sono preoccupati per l’educazione religiosa dei figli, che fino a 18 anni non sono ammessi alle funzioni in chiesa e non possono ricevere alcuna istruzione cristiana. Vi raccomando anche i cittadini di Hong Kong, in apprensione per le nuove generazioni il cui futuro è molto incerto.

Mario

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Missionario Pime: Natale ci aiuti a costruire la civiltà dell’amore
15/12/2018 09:00
Natale, lettera da Hong Kong
13/12/2017 12:58
Denuncia al Comitato olimpico: prima delle Paraolimpiadi, fondi rubati alle Ong dei disabili
05/03/2008
Giochi olimpici "speciali", disabili sequestrati e cacciati da Shanghai
15/10/2007
“Nei fragili disabili di Hong Kong vedo il volto di Gesù”
09/06/2016 08:54


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”