26 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/07/2010, 00.00

    INDIA

    Missionario costretto a lasciare il Kashmir: “troppo buone” le sue scuole

    Nirmala Carvalho

    P. Jim Borst dirige due strutture educative di successo in Kashmir. Per Predhuman Joseph Dhar, cattolico convertito dall’induismo, si tratta di “gelosia” da parte dei musulmani che “non possono competere con le sue scuole”. P. Borst deve abbandonare il Paese, anche se quattro mesi fa il governo di Jammu-Kashmir gli ha rinnovato il permesso di soggiorno fino al 2014.

    Srinagar (AsiaNews) – P. Jim Borst, missionario cattolico olandese, deve abbandonare il Kashmir e l’India entro la fine di luglio dopo avere ricevuto un avviso da parte del governo di Jammu-Kashmir. P. Borst ha già ricevuto un avviso simile nel 2003, ma appena quattro mesi fa il governo gli aveva rinnovato il permesso di soggiorno fino al 2014.

     Nella valle del Kashmir, p. Borst è l’unico membro dell’istituto missionario Mill Hill e insieme a Predhuman Joseph Dhar, bramino indù convertito al cattolicesimo e molto vicino a p. Borst, stava traducendo la Bibbia in lingua kashmir. L’istituto Mill Hill è presente dal 1891-92 in Jammu-Kashmir, dove è stato sempre impegnato nelle strutture educative e sanitarie dell’area.

     “Sono davvero dispiaciuto. È una grande perdita per me e per tutta la società civile del Kashmir. P. Borst vive qui dal 1963” ha detto ad AsiaNews  mons. Peter Celestine, vescovo della diocesi di Jammu-Srinagar.

     Predhuman Joseph Dhar ha dichiarato ad AsiaNews: “L’avviso rappresenta un caso di gelosia da parte dei poteri forti”.

     P. Borst dirige due scuole dal 1997 in Kashmir. Entrambe si chiamano “Scuola del Buon Pastore” e si trovano una a Pulwama e l’altra a Shivpora, in Srinagar. Il sacerdote cattolico olandese è da sempre impegnato nel settore dell’educazione e le sue scuole, dove il personale è per il 99% musulmano, sono rinomate per la qualità dell’insegnamento.

     Per Joseph Dhar è proprio questo il motivo per cui si vuole allontanare p. Borst dal Paese: “Le scuole dell’intellighenzia musulmana non sono in grado di competere con le sue”. Per due volte nel 2003 le scuole del “Buon Pastore” sono state attaccate e calunniate di volere convertire gli alunni al cristianesimo.

     P. Borst ha diretto in passato la St. Joseph School a Baramulla e la Burn Hall School a Srinagar. Le strutture educative dei missionari cattolici e protestanti in Jammu-Kashmir non hanno mai avuto come obiettivo il proselitismo. Sono cresciuti in queste scuole diverse autorità musulmane, come Omar Abdullah, attuale capo del governo in Jammu-Kashmir, Farooq Abdullah, un ex capo del governo, e Mirwaiz Umer Farooq, uno dei fondatori dell’Aphc (All Parties Hurriyat Conference).

    Il Jammu-Kashmir è uno stato nel nord dell’India che il Pakistan rivendica da decenni. In Kashmir la popolazione cristiana conta 14mila fedeli, meno dello 0,0014% della popolazione, che è per il 97% composta da islamici.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/03/2015 INDIA
    Kashmir, arrestato leader cristiano: “fomenta scontri interreligiosi”
    Le autorità fermano il rev. Paul Augustine, coordinatore per l’area del Global Council of Indian Christians (Gcic). Il pastore cristiano partecipava a un servizio domenicale. Sajan George, presidente dell’associazione: “La legge della maggioranza prevale. Dove chi è più numeroso impone il suo credo e le sue pratiche, le minoranze sono in pericolo”.

    10/05/2013 INDIA
    Estremista islamico: Via i missionari cristiani dal Kashmir, o se ne pentiranno
    Un militante del gruppo armato United Jihad Council accusa i sacerdoti di convertire i poveri in cambio di soldi. Presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic) denuncia la crescita dell’intolleranza religiosa nei confronti dei cristiani: due sudcoreani sono stati pestati e arrestati per aver distribuito Bibbie in strada.

    21/10/2009 INDIA
    Jammu e Kashmir: i cattolici chiedono al governo sicurezza per le loro scuole
    Le autorità ecclesiali dello Stato indiano chiedono all’amministrazione pubblica di non interferire nelle vicende interne alle opere della Chiesa, e vegliare piuttosto sui fenomeni di discriminazione fomentati dal clima di tensione politica.

    20/11/2010 IRAN - INDIA
    L’Ayatollah Khamenei invoca sostegno per i musulmani del Kashmir indiano
    Nel discorso per l’Haj, il leader religioso iraniano dà indicazioni per aiutare i musulmani del Kashmir. Attivisti e leader religiosi indiani: così non si aiuta la libertà religiosa ma si fomentano violenze, Tehran vuole distrarre la Nazione dai problemi interni.

    22/10/2012 INDIA – MYANMAR
    Jammu, polizia ordina l’espulsione dei rifugiati Rohingya
    I profughi avrebbero già lasciato le zone intorno alla stazione centrale, l’università e l’auditorium Zoarawar Singh. Resistono le migliaia di musulmani che vivono nelle baraccopoli fuori della città. Sovrintendente della polizia: “Rappresentano una minaccia alla sicurezza interna”. Ma dalle autorità del governo, non sarebbe mai arrivato l’ordine.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®