11 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/06/2012, 00.00

    TIBET – CINA

    Monaco tibetano muore in prigione per le torture della polizia cinese



    Karwang, 36 anni, era accusato di aver appeso poster inneggianti all’indipendenza. La polizia lo ha fermato nel maggio scorso; durante gli interrogatori ha subito torture e violenze. I parenti non hanno ricevuto risarcimenti per la morte. L’operazione di recupero della salma e il funerale sotto il rigido controllo delle autorità.

    Dharamsala (AsiaNews) - Un monaco tibetano è morto nelle carceri cinesi, in seguito alle torture subite dagli agenti di polizia. Il religioso buddista era rinchiuso in una prigione della contea di Nyagrong, prefettura di Kardze, una delle Prefetture autonome del Tibet nella provincia cinese del Sichuan. Karwang, 36 anni, era accusato di aver appeso poster inneggianti all'indipendenza del Tibet nella contea di Kardze. Per questo, raccontano fonti di Tibetan Centre for Human Rights and Democracy (Tchrd), egli era stato rinchiuso in attesa di processo.

    Testimoni locali riferiscono che, nel maggio 2012, sono comparsi dei poster inneggianti alla libertà sui muri di un edificio governativo cinese della contea di Nyagrong. Alcuni giorni più tardi, le autorità hanno arrestato il religioso buddista Karwang, che vive nel monastero della città, perché ritenuto responsabile dell'affissione. Le forze di sicurezza hanno condotto il monaco nella contea di Dartsedo, dove è rimasto rinchiuso nella locale prigione per otto giorni. Le autorità hanno tentato di estorcergli una confessione con la forza, ma Karwang ha sempre negato con sdegno ogni accusa. Alcune fonti confermano che egli è stato malmenato brutalmente e torturato.

    Egli è morto in prigione, qualche giorno più tardi. I parenti hanno ricevuto una telefonata in cui venivano invitati a occuparsi del cadavere, sotto la stretta sorveglianza della polizia che ha "accompagnato" i familiari durante le operazioni. Il funerale si è svolto nel monastero di Serta, mentre i parenti del monaco non hanno ricevuto alcun risarcimento per il decesso.

    Nonostante le numerose proteste e i continui appelli di organizzazioni e Paesi stranieri, la polizia cinese continua ad arrestare e a sequestrare chiunque manifesti dissenso. In questi mesi, Pechino ha aumentato la sua stretta conto il popolo tibetano, che secondo gli esperti sta subendo una vera e propria colonizzazione. Le restrizioni cinesi comprendono il divieto di insegnare la lingua e la religione tibetana; l'imposizione di politiche di sviluppo inappropriate, tutte a favore dell'etnia han e attacchi continuati e di diverso tipo all'élite culturale e intellettuale del Tibet.

    Per questo decine di giovani tibetani, monaci e laici, hanno scelto l'autoimmolazione come gesto estremo di protesta. Dall'inizio del 2012 sono 35 i tibetani che si sono dati fuoco per criticare la dittatura di Pechino e chiedere il ritorno del Dalai Lama in Tibet. Il leader spirituale tibetano ha sempre sottolineato di "non incoraggiare" queste forme estreme di ribellione, ma ha elogiato "l'audacia" di quanti compiono l'estremo gesto, frutto del "genocidio culturale" che è in atto in Tibet. Pechino risponde attaccando il Dalai Lama, colpevole di sostenere "terroristi, criminali o malati mentali".(NC)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/07/2012 TIBET – CINA
    Qinghai: per protesta contro il sequestro della casa, donna tibetana si dà fuoco
    L’auto-immolazione è avvenuta la scorsa settimana, ma è emersa solo oggi. All’origine del gesto la confisca dei terreni imposta dalle autorità di Pechino. Nella zona imposta una rigida censura. La donna ha riportato ferite “gravi”; al momento non si hanno notizie sulle condizioni di salute. Ai parenti negato il permesso di visitarla.

    21/06/2012 TIBET – CINA
    Altri due giovani tibetani si autoimmolano per protesta contro Pechino, uno muore
    Ngawang Norpel, 22 anni, e Tenzin Khedup, 24 anni, si sono dati fuoco nella contea di Trindu, provincia di Qinghai. I due hanno invocato l’indipendenza del Tibet e augurato “lunga vita” al Dalai Lama. Incerte le condizioni del giovane sopravvissuto. In un breve video le immagini del rogo.

    21/02/2014 USA - TIBET - CINA
    Obama riceve il Dalai Lama, Pechino si infuria
    Il leader americano conferma l'incontro con il capo del buddismo tibetano, ma "in forma privata". Pechino reagisce con la solita formula: "Enorme interferenza degli Stati Uniti negli affari interni cinesi". Il Dalai Lama fa i complimenti a Xi Jinping per la lotta anti-corruzione, ma lo esorta a "dare giustizia" a oltre 1 miliardo di cinesi.

    25/03/2013 TIBET – CINA
    Tibet, altre 2 autoimmolazioni in meno di 24 ore
    Dopo il tragico caso di Kal Kyi, madre di 4 figli che ha scelto il suicidio contro il dominio cinese, arriva la notizia della morte di Lhamo Kyab. Pechino continua a evitare l’apertura di un tavolo di dialogo con le autorità tibetane in esilio.

    05/12/2013 TIBET - CINA
    Giovane padre tibetano si dà fuoco per chiedere la fine della repressione cinese
    Konchon Tseten, 30 anni, ha bruciato per più di un'ora prima di essere portato via dalla polizia: ignote le sue attuali condizioni. La folla cerca di difenderlo e scattano gli arresti: fermati anche la moglie e i parenti della vittima. Si tratta della 124ma auto-immolazione dall'inizio delle proteste.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®