21 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/09/2005
VATICANO - SINODO - CINA
Mons. Antonio Li Duan (Scheda)

Mons. Antonio Li Duan è una delle figure di spicco della Chiesa cattolica cinese. Nato il 13 giugno del '27, dal 1987 è arcivescovo di Xian (Shaanxi) ed è conosciuto per la sua fedeltà alla Santa Sede.

Grande campione di fede, Li difende strenuamente la libertà della Chiesa di fronte alle pretese di controllo e di gestione dell'Associazione Patriottica; è amato e stimato dalla chiesa ufficiale e dalla chiesa sotterranea. Proprio per questo egli subisce spesso controlli e interrogatori. In passato egli ha trascorso lunghi periodi in detenzione: '54-57; '58-'60; '66-'79.

In questi anni mons. Li si è distinto per la sua attiva iniziativa pastorale e la determinazione con cui ha difeso i diritti e la libertà della Chiesa. Pastore prudente e coraggioso, è disponibile alla collaborazione con le autorità governative senza mai cedere su questioni fondamentali di fede e di diritto della Chiesa. Sì è sottratto con coraggio  alla consacrazione illegittima di 5 vescovi a Pechino, il 6 gennaio del 2000, come pure, nell'ottobre dello stesso anno, a prendere parte attiva alla campagna politica contro la canonizzazione di 120 martiri di Cina.

L'arcivescovo è vice-presidente del Consiglio della Chiesa cattolica cinese; molti hanno pensato che sarebbe proprio lui il cardinale in pectore mai rivelato da Giovanni Paolo II. Egli, però, ha dichiarato pubblicamente di non avere "mai ricevuto alcuna notifica ufficiale".

Molto attivo e determinato, mons. Li ha aperto nel 2002 il primo centro cattolico per servizi sociali. Nel 1997 ha inaugurato nel seminario regionale di Xian una sezione per la formazione delle religiose.

L'anno scorso, in una sua intervista pubblicata da "Mondo Missione" (mensile del Pime) e rilanciata da AsiaNews, l'arcivescovo di Xian aveva riconosciuto che l'ostacolo maggiore alla ripresa delle relazioni diplomatiche tra Pechino e Vaticano "rimane l'elezione e la consacrazione dei vescovi". "Le difficoltà ci sono, ma occorre dire anche sono stati fatti passi in avanti notevoli", diceva allora Li.

Proprio nella sua diocesi, il 26 luglio scorso, è stato consacrato un nuovo vescovo ausiliare, mons. Antonio Dang Mingyan, 38 anni, con l'approvazione del Vaticano e il benestare del governo cinese. Nel 2004 a mons. Li è stato diagnosticato un cancro e da allora ha frequenti degenze all'ospedale.

I fedeli della diocesi di Xian sono 20 mila. Durante la Rivoluzione culturale, la chiesa diocesana, la cattedrale di San Francesco, era stata adibita a fabbrica di caramelle.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/09/2005 VATICANO - SINODO - CINA
Mons. Wei Jingyi (Scheda)
08/09/2005 VATICANO - SINODO - CINA
Mons. Aloysius Jin Luxian (Scheda)
15/09/2009 CINA - VATICANO
È morto mons. Bartolomeo Yu, vescovo sotterraneo di Hanzhong
24/10/2005 VATICANO – CINA
Chiesa di Cina mai così presente ad un Sinodo
di Bernardo Cervellera
16/09/2005 CINA – VATICANO
Vescovi cinesi a Roma: negoziati ancora aperti
Articoli del dossier
VATICANO - SINODO SULL'EUCARISTIA
Lettera del Papa ai vescovi cinesi invitati al Sinodo
CINA - VATICANO
Il no di Pechino ai vescovi fa cadere l'illusione che qualcosa stia cambiando
Cina – Vaticano
I 4 vescovi cinesi non verranno al Sinodo
CINA – VATICANO
Vescovi cinesi a Roma: negoziati ancora aperti
vaticano - cina
Vescovi cinesi a Roma: l'ultima parola spetta al governo
VATICANO – SINODO - CINA
Sinodo sull'Eucarestia: Parlano i vescovi cinesi nominati dal Vaticano
Vaticano – sinodo - Cina
Il papa nomina 4 vescovi cinesi come membri del Sinodo sull'Eucarestia
VATICANO - SINODO - CINA
Mons. Luca Li Jingfeng (Scheda)
VATICANO - SINODO - CINA
Mons. Aloysius Jin Luxian (Scheda)
VATICANO - SINODO - CINA
Mons. Wei Jingyi (Scheda)

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate