17 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/09/2017, 10.59

    GIAPPONE-VATICANO

    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.

    Tokyo (AsiaNews) - “Il messaggio del papa è un incoraggiamento per tutti noi”, per “ripensare la nostra attitudine verso la missione ad gentes”: il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo per AsiaNews il messaggio papale che ieri il card. Fernando Filoni ha portato e letto davanti a tutti i vescovi giapponesi radunati in nunziatura a Tokyo. Apprezzamento anche per il valore carismatico dei movimenti, anche se rimane ancora “una questione irrisolta con uno di questi movimenti”. Il riferimento è ai contrasti verificatisi in passato con il Cammino neocatecumenale. Il card. Filoni, prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione di popoli, andrà anche a Fukushima e a Sendai per vedere l’impegno della Chiesa verso le vittime dello tsunami.

     

    Il cardinal Prefetto è arrivato a Tokyo ieri, e domenica sera alle 18, ha avuto un incontro ufficiale con i vescovi giapponesi sul messaggio inviato dal Santo Padre, in occasione della visita in Giappone del card. Filoni.

    La maggioranza dei vescovi erano radunati nella cappella della nunziatura a Tokyo per ricevere il messaggio e dare il benvenuto al card. Filoni. Purtroppo, il forte tifone Talim non ha permesso ad alcuni vescovi del sud di viaggiare fino a Tokyo.

    Alle 18, dopo aver cantato un inno allo Spirito Santo in lingua giapponese, il card. Filoni ha anzitutto espresso la sua gioia e speranza per la sua prima visita in Giappone e ha detto che per lui questo è un pellegrinaggio, dato che vuole visitare i luoghi santi dei martiri giapponesi e la regione colpita dallo tsunami.

    In seguito egli ha letto il messaggio del Santo Padre in lingua italiana. Noi avevamo ricevuto la traduzione in giapponese dalla nunziatura. Il messaggio è stato poi consegnato nelle mani del presidente della conferenza episcopale, l’arcivescovo mons. Takami [Joseph Mitsuari di Nagasaki]. Quindi abbiamo avuto una cena comune.

    Prima di tutto, siamo felici e pieni di gratitudine per aver ricevuto un simile personale e intimo messaggio dal Santo Padre. Pensavo che ci sarebbe stato l’annuncio della visita del papa in Giappone, ma non c’era. E questo ha creato un piccolo disappunto.

    Io sono felice per la buona conoscenza della storia dei martiri giapponesi mostrata dal Santo Padre, che è anche un dopo prezioso alla comunità ecclesiale del Giappone di oggi. E sono grato al papa per averci rincuorato nei nostri sforzi di dialogo interreligioso e nella protezione delle creature. Ero sicuro che il papa comprende la nostra posizione contro la politica sull’energia nucleare in Giappone dopo il disastro di Fukushima.

    Sono anche felicissimo di leggere che il Santo Padre ha perfettamente sottolineato le nostre sfide sull’evangelizzazione in Giappone, come una piccola comunità di minoranza nella società. Spesso noi pensiamo che queste situazioni di sfida all’evangelizzazione nella società siano troppo grandi per potere cambiarle, ma il messaggio del papa è un incoraggiamento per tutti noi, non solo per i vescovi, ma per tutta la comunità ecclesiale in Giappone, per ripensare la nostra attitudine verso la missione ad gentes.

    Noi crediamo che i nostri sforzi caritativi degli ultimi sei anni - dal disastro del 2011 - nell’area di Tohuku, organizzati dall’intera comunità cattolica in Giappone e sostenuti da Caritas Japan, siano un luminoso esempio di come essere luce del mondo attraverso le nostre azioni fra coloro che soffrono. Spero che il cardinale avrà possibilità di testimoniare questa realtà quando visita Sendai, il prossimo venerdì 22 settembre. Io sarò là e porterò il cardinale vicino a Fukushima, dove stiamo ancora mantenendo una base di volontari.

    E poi nell’ultima parte c’è il punto in cui si parla dei movimenti. Come si sa, i vescovi giapponesi hanno da tempo una questione irrisolta con uno di questi movimenti. Abbiamo avuto un certo numero di scambi di opinione con la Santa Sede e perfino con il Santo Padre.

    A questo punto, penso di dover dire con chiarezza che noi vescovi giapponesi, siamo in piena comprensione e accordo con quello che il papa dice nel messaggio, circa l’importanza carismatica di questi movimenti. Noi non stiamo negando l’esistenza di un particolare movimento nella Chiesa universale. Ma ciò che stiamo dicendo è che questi movimenti, qualunque essi siano, spesso creano divisione fra le piccole comunità di cattolici in molti posti di un Paese come il Giappone, dove avere solo 10 persone alla messa della domenica è considerato come “avere molti” da parte di un parroco. Noi speriamo soltanto che questi movimenti abbiano il coraggio e la volontà di discutere il loro modus operandi delle loro attività con i vescovi locali.

    Oggi il cardinale volerà a Fukuoka e si incontrerà con i nostri seminaristi di teologia. Poi continuerà il viaggio a Nagasaki, Hiroshima, Osaka e venerdì a Sendai. Sabato [23 settembre] incontrerà i nostri seminaristi di filosofia a Tokyo, quindi celebrerà la messa con tutti i vescovi nella cattedrale di Tokyo. Lunedì [25 settembre] gli avrà un intero giorno di discussione coi vescovi sui temi dell’evangelizzazione in Giappone, prima di ripartire per Roma il martedì [26 settembre].

     

    Mons. Isao Kikuchi, SVD

    Vescovo di Niigata

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/09/2017 08:41:00 VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente

    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.



    11/01/2011 VATICANO - GIAPPONE
    Papa: no alla sospensione per 5 anni del Cammino neocatecumenale in Giappone
    Benedetto XVI ha radunato i vescovi giapponesi e alti rappresentanti della Curia per favorire il dialogo con i membri del Cammino. Tensioni reciproche di “troppo annuncio” e “troppo dialogo”.

    21/10/2017 12:35:00 VATICANO
    Card. Filoni: Giornata missionaria mondiale, una ‘questione’ non solo di sacerdoti e religiosi

    “La fede cristiana nasce proprio perché, come ci ricorda San Matteo nel Capitolo 28, Gesù dà l’ultimo comandamento, l’ultimo mandato ai suoi discepoli: ‘Andate dunque, battezzate, ammaestrate’. Nel mondo aumentano i cattolici, ma diminuisce la loro percentuale. Aumentano i vescovi, diminuiscono sacerdoti e religiosi, ma aumentano i diaconi permanenti.



    01/02/2014 VATICANO
    Papa ai Neocatecumenali: Comunione, rispetto e amore reciproco, "ingredienti fondamentali" della missione
    Ricevendo 10mila membri, Francesco elogia l'impegno evangelizzatore del movimento e spinge i suoi membri a "portare il Vangelo di Cristo anche negli ambienti più scristianizzati, specialmente nelle periferie esistenziali". Con alcune semplici raccomandazioni: salvaguardare l'unità della Chiesa, rispettare le culture locali, porre l'amore reciproco al primo posto.

    03/04/2013 GIAPPONE – VATICANO
    Vescovo di Nagasaki: Papa Francesco voleva essere missionario in Giappone
    Il presule conosce bene l’amore del pontefice per il Sol Levante: “Aveva pensato di farsi missionario qui, poi i problemi di salute glielo hanno impedito. Ma da cardinale di Buenos Aires ha mandato tanti sacerdoti argentini ad evangelizzare il nostro Paese. Ora lo aspettiamo”.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®