17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/01/2018, 12.12

    INDIA

    Mons. Mascarenhas: è terrorismo imporre il culto indù nelle scuole cattoliche



    Circa 900 attivisti dell’Akhil Bharatiya Vidyarthi Parishad sono radunati davanti al St. Mary’s Post Graduate College di Vidisha. Il ministro dell’Interno manda 400 poliziotti a ristabilire l’ordine. I vescovi augurano un 2018 “di pace e armonia”.

    New Delhi (AsiaNews) – Coloro che vogliono imporre il culto di divinità indù nelle scuole cattoliche dell’India “non sono nazionalisti, ma ultranazionalisti, terroristi”. Lo afferma ad AsiaNews mons. Theodore Mascarenhas, segretario generale della Conferenza episcopale indiana (Cbci), commentando quanto sta avvenendo in queste ore a Vidisha, in Madhya Pradesh. Qui gli attivisti dell’Akhil Bharatiya Vidyarthi Parishad (Abvp) si sono radunati davanti al St. Mary’s Post Graduate College e “pretendono di obbligarci a celebrare un ‘aarti’ per Bharat Mata, cioè un rituale votivo indù in onore della ‘Madre India’”. “La loro imposizione – denuncia – è anticostituzionale, antidemocratica e viola la nostra libertà personale”. Nonostante l’atteggiamento intimidatorio di questi terroristi, il vescovo tiene a “ringraziare il ministro dell’Interno Rajnath Singh, che oggi è intervenuto in maniera diretta e inviato circa 400 poliziotti per ristabilire l’ordine e proteggerci. Poteva succedere qualcosa di molto brutto”.

    Il segretario dell'episcopato riferisce che da questa mattina di fronte al cancello d’ingresso del college sono ammassati “900 terroristi che minacciano di entrare per celebrare il culto”. Gli estremisti appartengono ad una branca giovanile del Bjp (Bharatiya Janata Party, partito di governo). La scorsa settimana si sono presentati davanti alla direzione dell’istituto cattolico e intimidito i presenti. Il loro avvertimento – “Avrete problemi se non ci farete entrare” – ha gettato nell’angoscia la popolazione locale.

    Secondo mons. Mascarenhas, l’incidente nello Stato del Madhya Pradesh, di recente teatro di altri episodi di intimidazione nei confronti dei cristiani, “è una cosa molto triste, molto pericolosa per l’India. Soprattutto perché gli attivisti si sono presentati non con una richiesta, ma con un ordine”. Poi ricorda: “Noi siamo un’istituzione di minoranza e abbiamo tutto il diritto di gestire le nostre istituzioni. Non possiamo obbligare nessuno ad adorare [le divinità]. Noi non forziamo e non vogliamo essere forzati”. Il vescovo aggiunge che “ora la situazione è sotto controllo, anche grazie alla ferma azione del ministro Singh. Ma non sappiamo quale sarà il futuro”.

    A proposito del futuro dell’India, mons. Mascarenhas ha diffuso una nota dei vescovi, in cui si augura “che il 2018 possa essere un anno di pace e armonia, amore e fraternità, sviluppo inclusivo ed integrale per tutti i popoli”. La nota cita il recente attacco contro i dalit a Pune (Maharashtra), durante il quale è morto un esponente della ex casta degli “intoccabili” e che ieri ha portato centinaia di migliaia di dalit a protestare nelle strade di Mumbai. Poi denuncia le frasi offensive di alcuni ministri dell’Unione, uno dei quali ha detto qualche giorno fa che il suo partito “avrà il coraggio di cambiare la Costituzione che include la parola laico”.

    Alla luce di tutto questo, dell’ultimo incidente di Vidisha e degli attacchi ai cantori di Natale di Satna, i vescovi dichiarano che “questo tipo di terrorismo è inaccettabile. Questo falso nazionalismo deve finire”. "È tempo per tutti – conclude la nota – di unirsi per preservare la tradizionale fraternità, pace e armonia nel nostro amato Paese. Facciamo appello ai leader di tutto lo spettro politico affinchè essi riconoscano che i gruppi e gli individui che diffondono il veleno e seminano l’odio sono in aumento e vengono incoraggiati. La storia non perdonerà la generazione presente se perderemo quell’eredità guadagnata attraverso il sacrificio e il sangue dei nostri combattenti per la libertà”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/12/2017 09:25:00 INDIA
    La Chiesa indiana condanna l’attacco a seminaristi e sacerdoti in Madhya Pradesh

    A Satna i cattolici sono stati tenuti in ostaggio dai fondamentalisti indù. Mons. Mascarenhas: “L’accusa di conversione forzata contro di loro è vuota e ridicola”. “È tempo di andare oltre le parole e le promesse”. “Terroristi indù si travestono da polizia religiosa”.



    08/01/2018 13:11:00 INDIA
    Madhya Pradesh: la Chiesa serve lo sviluppo della società, ma le scuole cattoliche sono attaccate

    A Vidisha il St. Mary’s Post Graduate College è minacciato dai fondamentalisti. P. Biju illustra l’opera sociale della diocesi di Sagar. L’associazione Manav Vikas Seva Sangh fondata 27 anni fa e serve 286 villaggi di tribali.



    18/12/2017 15:29:00 INDIA
    Madhya Pradesh, ‘false le accuse di conversioni forzate’ per i canti di Natale

    Parla il rettore del St. Ephrem’s Theological College di Satna. Il sacerdote ricostruisce l’aggressione a 30 seminaristi e due sacerdoti, tenuti in ostaggio da giovani militanti indù per diverse ore. L’uomo che accusava un prete di avergli dato dei soldi per spingerlo ad abbracciare il cristianesimo avrebbe ritrattato.



    04/01/2018 09:10:00 INDIA
    Madhya Pradesh, scuola cattolica costretta a celebrare riti indù

    L’incidente riguarda il St. Mary’s Post Graduate College di Vidisha. Radicali indù dell’Akhil Bharatiya Vidyarthi Parishad minacciano ritorsioni. Numerosi episodi di intimidazione contro istituzioni e cattolici.



    15/12/2017 08:45:00 INDIA
    Madhya Pradesh, pericolosi canti di Natale: 30 seminaristi e due sacerdoti tenuti in ostaggio

    I cristiani fermati ieri a Satna. La loro auto è stata bruciata. Come ogni anno, volevano raggiungere un villaggio sperduto per eseguire dei canti natalizi.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®