19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/12/2017, 10.49

    ISRAELE-PALESTINA

    Mons. Pizzaballa: Gerusalemme, 'decisioni unilaterali non porteranno la pace, ma anzi la allontaneranno'



    Si è tenuta ieri la conferenza stampa di Natale per fare un resoconto della vita della Chiesa nell’anno passato. Il riavvicinamento delle Chiese cristiane e i pellegrini raddoppiati. L’appello ai fedeli: venite senza timore, non ci sono pericoli. Gerusalemme, la politica concreta è la “grande assente”. La sete di giustizia e diritti per vivere il quotidiano, attraverso cui passa la gioia “incarnata” annunciata dal Natale.

    Gerusalemme (AsiaNews) – “Noi riteniamo che ogni soluzione unilaterale non possa essere considerata una soluzione. Decisioni unilaterali non porteranno la pace, ma anzi la allontaneranno”. Mons. Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, torna a parlare della Città Santa durante la tradizionale conferenza stampa di Natale per il riepilogo della vita ecclesiale nell’anno appena passato, tenutasi ieri a Gerusalemme.

    Mons. Pizzaballa ha iniziato la conferenza sugli aspetti ecclesiali della vita del Patriarcato, soffermandosi sui rinnovati rapporti fra le confessioni cristiane, suggellati “dall’inaugurazione della restaurata Edicola del S. Sepolcro”, un “evento che qualche anno fa sarebbe sembrato di impossibile realizzazione e che ha invece segnato un punto di non ritorno nelle nostre relazioni interne”. Egli ha annunciato che nel corso del 2017 i pellegrini sono quasi raddoppiati e ha invitato i fedeli a visitare “la Terra Santa e la Giordania senza timore, perché non vi è alcun pericolo”.

    L’amministratore apostolico ha poi sollevato la questione di Gerusalemme, dichiarata lo scorso 6 dicembre dal presidente Usa Donald Trump capitale di Israele. Egli ha ribadito la posizione della Chiesa cattolica come espressa dal papa: “Rispettare lo status quo della città”. “Gerusalemme è un tesoro dell’intera umanità. Ogni rivendicazione esclusiva – sia essa politica o religiosa – è contraria alla logica propria della città,” ha affermato mons. Pizzaballa. “Auspichiamo che la violenza di questi giorni cessi completamente e che si possa continuare a discutere legittimamente su Gerusalemme in ambito non solo politico, ma anche religioso e culturale”.

    Il prelato si è poi rivolto con durezza contro la politica, “grande assente di questo momento”. “Ciò è fonte di frustrazione e disorientamento”, ha commentato. “Abbiamo bisogno di politica, non quella di salotto, ma quella che sa tradurre in scelte concrete sul territorio le attese dei rispettivi popoli”. Mons. Pizzaballa ha poi continuato: “Le nostre popolazioni sono stanche di violenza, che non ha portato a nessun risultato. Sono invece assetate di giustizia, di diritti, di verità. Sembrano affermazioni generiche e retoriche, ma qui in questo nostro contesto, hanno un risvolto concreto e preciso nella vita quotidiana, negli spostamenti e nella libertà di movimento, nei permessi, nei ricongiungimenti familiari e nella vita quotidiana di tutte le famiglie cristiane”.

    “Le cose semplici della vita” sono ciò per cui passa la gioia “incarnata” annunciata con il Natale, Dio che “entra nella storia dell’uomo”. Un annuncio di salvezza, ovvero dela “possibilità di ricominciare sempre” e che “tutto sia trasformato: il buio in luce, il male in bene, il dolore in gioia, l’egoismo in amore, la morte in vita”. “Le difficoltà di questi giorni, le difficoltà di sempre, la sete di giustizia, la fame di dignità, dunque – ha concluso il prelato – non ci impediscono di ricominciare, non spengono la nostra gioia, né la nostra determinazione a collaborare per migliorare il nostro mondo, a lavorare a difesa della vita, quella semplice dei nostri fedeli, delle nostre famiglie e delle nostre comunità religiose”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/12/2017 15:22:00 TERRA SANTA
    Mons. Pizzaballa: Avvento, la famiglia ‘speranza della Chiesa'

    Creato un centro pastorale composto da religiosi e laici. L’attesa di Gesù Cristo nella vita di ciascuno di noi possibile con “la nostra risposta attiva e personale”. 



    24/06/2016 12:48:00 ISRAELE-PALESTINA-TERRA SANTA
    P. Pierbattista Pizzaballa amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme

    Nello stesso giorno, la Santa Sede accetta le dimissioni di Fouad Twal, patriarca dei latini, e nomina l’ex custode di Terra Santa come amministratore apostolico del patriarcato. Rispondere alle nuove sfide, affrontando i cambiamenti geopolitici e socio-religiosi che avvengono in Medio oriente.



    05/09/2017 15:43:00 TERRA SANTA
    Gerusalemme, leader cristiani accusano Israele di ‘indebolire la presenza cristiana’

    Dichiarazione congiunta dei capi delle Chiese della città santa. Criticata la sentenza sul caso della “Porta di Jaffa”. La comunità cristiana “dinamica e vivace” è un elemento essenziale della società. Appello alle “Chiese cristiane in tutto il mondo, ai Capi di Governo e a tutte le persone di buona volontà”.



    27/07/2017 11:20:00 TERRA SANTA
    Gerusalemme, una conferenza interreligiosa per la pace e il perdono

    Hanno partecipato all’evento rappresentanti di tutte e tre le religioni monoteistiche di Terra Santa. In un mondo dove ferire l’altro è un “passatempo”, serve intraprendere un cammino per un futuro non segnato dall’odio. Chi serba rancore ne è la prima vittima. Fondamentale, educare i bambini destinati a portare questi valori nel futuro. Per il Cardinal Tagle bisogna seguire l’esempio di Cristo sulla croce nella testimonianza del perdono.



    20/12/2016 11:22:00 TERRA SANTA
    Mons. Pizzaballa: A Natale i fedeli di Asia e Russia rilanciano i pellegrinaggi in Terra Santa

    L’amministratore apostolico riferisce di un “aumento consistente” dei fedeli in visita nei luoghi santi. Cinesi e indonesiani “vogliono pregare” e confrontarsi “con la comunità locale”. I pellegrinaggi sono sicuri. Per sanare le ferite in Medio oriente serve una giustizia accompagnata da misericordia. Dall’incontro con un popolo e una comunità ferita le ragioni di una rinnovata speranza. 

     





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®