17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/12/2014, 00.00

    IRAQ - SIRIA

    Monte Sinjar, i peshmerga rompono l’assedio delle milizie dello Stato islamico



    Si tratta della vittoria militare più importante dei curdi contro gli islamisti dall’inizio della guerra. I combattenti avrebbero aperto un corridoio per consentire la fuga di 1200 famiglie intrappolate dall’estate. Tuttavia fonti yazide non confermano la fine dell’assedio e lo stanziamento di peshmerga. Nei radi aerei statunitensi di dicembre morte figure di primo piano dello SI.

    Erbil (AsiaNews/Agenzie) - Le forze curde affermano di aver rotto l'assedio dello Stato islamico al monte Sinjar, dove dallo scorso agosto vivono intrappolati migliaia di yazidi e di altri membri delle minoranze etniche in fuga dai jihadisti. Per i peshmerga si tratta della vittoria più importante contro le milizie del Califfato, che continua però a controllare ampie porzioni di territorio in Iraq e nella vicina Siria. L'offensiva curda contro gli islamisti al monte Sinjar è iniziata nella prima mattinata del 17 dicembre, con una serie di raid aerei condotti dagli Stati Uniti e dalle forze della coalizione. 

    Intanto, sul terreno circa 8mila combattenti curdi peshmerga hanno lanciato un attacco su due fronti, grazie al quale essi affermano di aver aperto un vasto corridoio - nel versante nord-est della montagna - che permetterà agli yazidi e agli altri di fuggire. 

    Masrur Barzani, figlio del presidente curdo e cancelliere del Consiglio di sicurezza della regione del Kurdistan, parla di "una grande operazione che, grazie a Dio, si è conclusa con successo". L'evacuazione dei rifugiati dovrebbe iniziare nella giornata di oggi e concludersi in modo rapido, per permettere alle oltre 1200 famiglie intrappolate da mesi di trovare un riparo sicuro. 

    Tuttavia, secondo alcune fonti yazide non vi sono chiari segnali di resa dei jihadisti e la situazione non pare ancora del tutto sotto controllo. Said Hassan Said, un politico yazidi anch'egli intrappolato da mesi sulla montagna, riferisce che dal suo osservatorio non vi sono chiari segnali che mostrano la fine dell'assedio. "Sono in cima alla montagna - ha dichiarato in un'intervista telefonica - posso vedere tutta la zona dalla mia posizione. E non vi sono scontri, non vi sono movimenti, non vi è uno stanziamento di truppe peshmerga, almeno per quanto mi è dato vedere". 

    In ogni caso le truppe curde rivendicano il successo militare e confermano che un gran numero di combattenti jihadisti è fuggito verso ovest, in Siria, e a est in direzione di Mosul, roccaforte dello Stato islamico dal giugno scorso. I peshmerga affermano inoltre di aver strappato otto villaggi e di aver ucciso 80 miliziani nel corso dell'offensiva. 

    Analisti ed esperti di questioni militari parlano di avanzata - se confermata - "significativa", anche se resta ancora molto da fare per vincere la bocca di fuoco islamista: la stessa città di Sinjar, a sud della montagna, ancora nelle mani dello Stato islamico, come la stessa Mosul e la cittadina di Tal Afar. 

    L'attacco a Sinjar è stata una delle ragioni che, ad agosto, hanno spinto il governo statunitense a riprendere i raid aerei in Iraq e, in un secondo momento anche in Siria, il mese successivo. Fonti del Pentagono riferiscono che negli attacchi aerei operati fra il 3 e il 9 dicembre sarebbero morti diversi combattenti islamisti, fra cui alcune figure di primo piano: tra questi vi sarebbero Abd al-Basit, capo delle operazioni militari in Iraq, Haji Mutazz consigliere chiave del leader dello Stato islamico Abu Bakr al-Baghdadi.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/06/2017 13:17:00 IRAQ - SIRIA
    Patriarcato caldeo: dopo il genocidio dell’Isis, dialogo, giustizia e unità per ricostruire l’Iraq

    A tre anni dalla presa di Mosul il patriarca Sako ha visitato la zona liberata da esercito e Peshmerga. L’opera di ricostruzione sia anche “opportunità di lavoro” e occasione per garantire “pace, sicurezza e stabilità”. Secondo una recente inchiesta l’80% dei cristiani ha abbandonato Siria e Iraq dal 2011.



    19/06/2017 09:53:00 SIRIA - VATICANO
    Card. Zenari: in Siria segni di “miglioramento”, ma i cristiani continuano a soffrire

    Ad Aleppo fino a due terzi della popolazione cristiana ha abbandonato la città, circa la metà nel resto del Paese. Serve garantire un lavoro a chi è rimasto e l’istruzione ai giovani. E un “sostegno spirituale” per continuare la missione di “testimoni di Cristo” in una terra a maggioranza musulmana. La prossima settimana l’incontro con il papa.

     



    29/09/2017 08:58:00 IRAQ - SIRIA
    Torna il “fantasma” al-Baghdadi e invita l’Isis alla resistenza

    In un audio il leader dello Stato islamico chiede di “moltiplicare” gli attacchi contro gli infedeli e i loro “centri mediatici”. E celebra il sangue versato a Mosul, Sirte, Raqqa, Ramadi e Hama. Nel mirino Russia, Stato Uniti, Iran e loro alleati. Esperti Usa: non vi sono motivi per dubitare dell’autenticità. Ma la sorte del Califfo resta ignota. 

     



    23/06/2015 SIRIA
    Raqqa, curdi strappano una base militare allo Stato islamico
    L’avanzata curda sostenuta dai raid aerei Usa e dal sostegno sul campo di altri gruppi ribelli. I curdi avanzano verso la capitale del “Califfato”. Esperti: “Lo Stato islamico sta collassando all’interno delle sue stesse roccaforti”.

    10/10/2017 08:55:00 SIRIA
    Raqqa, l’alleanza arabo-curda apre la 'settimana finale' contro l’Isis

    La capitale del Califfato in Siria è sull’orlo del collasso. I miliziani usano i civili come scudi umani e un ospedale come base militare. La coalizione ha strappato circa il 90% della città allo SI. Decine di migliaia di abitanti hanno abbandonato l’area; molti altri restano ancora intrappolati dai combattimenti.

     





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®