24 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/11/2014, 00.00

    IRAQ

    Mosul, lo Stato islamico distrugge il convento delle suore del Sacro Cuore (il video)



    I jihadisti hanno usato a lungo la struttura come base logistica per auto e truppe. Ieri la decisione di farlo saltare in aria; prima di agire i miliziani hanno avvisato gli abitanti della zona. Salvo, per ora, il monastero di San Giorgio. La struttura era stata costruita nel 1984 dal governo irakeno e accoglieva anziani e disabili.

    Mosul (AsiaNews) - Le milizie dello Stato islamico hanno fatto esplodere parte del convento della Vittoria, appartenente all'ordine delle suore caldee del Sacro Cuore, che sorge nel sobborgo di Alaraby a Mosul, nel nord dell'Iraq. La struttura si trova di fronte al monastero di San Giorgio e, nello scoppio avvenuto ieri, ha subito gravi danni. A riferire del nuovo attacco contro simboli della comunità cristiana nella seconda città per importanza del Paese è il sito ankawa.com, che ha diffuso pure un breve video che cattura il momento della deflagrazione e l'imponente colonna di fumo nero e denso formatasi. 

    Fonti locali riferiscono che i jihadisti hanno usato a lungo il monastero come base logistica per auto, oltre che dare alloggio e ospitalità a miliziani e loro affiliati. Ieri, all'improvviso, la decisione di far esplodere parte della struttura, con potenti cariche di esplosivo nella base e sulla facciata della struttura. La devastazione è avvenuta in due diverse fasi; pare che dietro l'attacco vi sia la volontà degli estremisti di distruggere la chiesa e la croce che svettava sul luogo di culto. 

    Dalle prime testimonianze emerge che la deflagrazione ha causato solo danni materiali, senza provocare vittime o feriti. I miliziani avrebbero avvertito i cittadini dell'imminente esplosione, avvertendoli di tenere aperte le finestre per evitare danni alle abitazioni in seguito allo spostamento d'aria. 

    Il monastero è stato costruito dal governo irakeno nel 1984 e le suore si sono prodigate per anni nella cura delle persone più anziane e di quanti necessitavano cure speciali. Non hanno trovato conferma, invece, le voci filtrate in un primo momento e che parlavano di danni anche al monastero di San Giorgio. 

    Mosul, secondo centro per importanza dell'Iraq, è stata la prima città del Paese a cadere nelle mani delle milizie dello Stato islamico. L'arcivescovo caldeo mons. Emil Shimoun Nona era stato fra i primi a  lanciare l'allarme sul pericolo posto dall'avanzata degli islamisti, in seguito alla quale circa 500mila persone - cristiani e musulmani - sono fuggite a inizio giugno per non doversi convertire all'islam estremista e dove è stato fondato un Califfato e imposto la sharia.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/05/2017 12:49:00 IRAQ
    Piana di Ninive, no del patriarcato caldeo all'enclave cristiana rilanciata da vescovi siri

    Un prelato siro-cattolico e due siro-ortodossi rilanciano l’idea di un’area protetta per i cristiani nel nord. E chiedono autonomia amministrativa e protezione internazionale. Una posizione che non rappresenta la linea del patriarca Sako. Dai caldei e dalla Chiesa irakena l’invito all’unità territoriale, contro la trappola dei ghetti.

     



    07/11/2014 IRAQ
    Chiesa irakena: Liberare la piana di Ninive, garantire lavoro e diritto allo studio ai cristiani
    Sono gli obiettivi emersi nella riunione dii emergenza dei vertici cattolici d’Iraq. Il patriarca e i vescovi ringraziano papa Francesco e la Santa Sede per la vicinanza e gli aiuti materiali. Essenziale continuare il programma di alloggi, per proteggere le famiglie dal freddo e dalla pioggia. Il richiamo a vivere “il comandamento dell’amore” in un momento di “prova”.

    24/12/2016 08:44:00 IRAQ
    Sacerdote irakeno: la mia vocazione è nata a Mosul, sull’esempio dei martiri cristiani

    P. Rayan Nabil Bakos è stato ordinato lo scorso 25 novembre a Erbil dal patriarca caldeo mar Louis Raphael Sako. L’impegno nella pastorale “per aiutare quanti sono nel bisogno”. Da mons. Rahho e p. Ragheed un esempio di testimonianza. La comunità cristiana irakena, vittima di persecuzioni, ha bisogno di pastori che “preghino per loro e con loro”.



    03/05/2016 10:50:00 IRAQ
    Lo Stato islamico attacca il villaggio cristiano di Teleskuf, nella piana di Ninive

    Colpiti alcuni cristiani a guardia del villaggio; i feriti sono stati soccorsi negli ospedali della zona. Gli abitanti erano fuggiti nell’agosto 2014, con l’ascesa di Daesh. Da tempo il villaggio era tornato sotto il controllo dei Peshmerga e di volontari cristiani. Timori del patriarcato caldeo che teme una escalation di attacchi jihadisti e una nuova ondata di sfollati.



    03/04/2017 13:34:00 IRAQ
    Mosul, la Chiesa in aiuto di migliaia di profughi musulmani. Mar Sako: uniti contro Daesh

    Questa mattina il primate caldeo ha visitato due campi profughi alla periferia della metropoli. Ad Hammam al Halil sono ospitate 25mila persone. La delegazione del patriarcato ha consegnato aiuti e denaro. “Non siamo Kuffar, infedeli - ha detto il primate caldeo - vogliamo salvare il mosaico dell’Iraq”.

     





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®