4 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/01/2012
PAKISTAN
Multan, sacerdote missionario arrestato per “permanenza illegale”
di Shafique Khokhar
P. Christi Oliva, Omi, da otto anni era missionario in Pakistan. La polizia lo ha fermato perché il permesso di soggiorno era scaduto. Egli aveva chiesto il rinnovo ed è in attesa di risposta. Ieri il giudice ha fissato i termini per la cauzione; oggi in giornata, salvo complicazioni, è previsto il rilascio.

Multan (AsiaNews) – Le autorità pakistane hanno arrestato p. Christi Silva, direttore della casa di formazione dei missionari Oblati di Maria Immacolata (Omi), per “permanenza illegale” nel Multan, provincia del Punjab. L'arresto è avvenuto ieri. Il giorno precedente, martedì 24 gennaio, la polizia ha prelevato il sacerdote e aperto un fascicolo di indagine a suo carico – Fir, il First information report – in base alle sezioni 13 e 14 della Legge sugli stranieri del 1946. Egli è stato trattenuto per tutta la giornata presso la caserma di Muzaffarabad; poi la formalizzazione del fermo, in attesa che il giudice del tribunale fissi i termini per la cauzione.

Fonti locali di AsiaNews riferiscono che la mattina del 24 gennaio le forze dell’ordine si sono dirette alla Mary Church, per incontrare p. Christi e comunicargli che il permesso di soggiorno era scaduto il 22 giugno dello scorso anno. In risposta, il missionario cattolico ha riferito di aver già presentato la domanda di rinnovo. A questo punto gli agenti hanno invitato il prete a presentarsi al comando e mostrare tutti i documenti. Insieme a p. Akmal, il sacerdote Omi si è recato al distretto e ha mostrato tutte le carte inerenti al visto, compresa la richiesta di rinnovo. La polizia, raccontano i testimoni, lo ha sbattuto in cella senza nemmeno guardare i documenti, aprendo un Fir per “permanenza illegale”.

Alla base del fermo del missionario vi sarebbe un provvedimento emanato da Javed Iqbal, capo della polizia del Punjab, e diretto a tutti i distretti di polizia della provincia. Egli ha ordinato di arrestare ed espellere tutti gli stranieri “clandestini” che non lasciano il Multan, nonostante il permesso di soggiorno sia scaduto. L’ingiunzione dell’ispettore, spiegano fonti bene informate, è conseguenza del sequestro – avvenuto il 19 gennaio – di due cooperanti di una ong tedesca, l’italiano Giovanni Lo Porto, di 36 anni, e il collega olandese Bernd Johannes, di 45 anni. Sul rapimento non si hanno ancora maggiori informazioni e le indagini degli inquirenti non hanno dato alcun esito. Il capo della polizia ha emesso un’ordinanza, in base alla quale per “proteggere” gli stranieri che operano sul territorio, decreta la loro “espulsione”.

P. Christi Silva è un missionario originario dello Sri Lanka, da otto anni al servizio della diocesi del Multan. Egli ha chiesto il rinnovo del visto lo scorso maggio ed è ancora in attesa di risposta da parte delle autorità. L’intero processo, per essere completato, può richiedere sino a 12 mesi. Mons. Andrew Francis, vescovo di Multan, ha lanciato un appello alle autorità protestando contro il fermo del sacerdote e chiedendone l’immediato rilascio su cauzione. Ieri l’udienza davanti al giudice; se non vi saranno ulteriori complicazioni, il sacerdote dovrebbe essere rilasciato in giornata.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/05/2014 PAKISTAN
Sindh, quattro cristiani arrestati per "distribuzione di materiale religioso"
di Jibran Khan
26/02/2013 PAKISTAN
Punjab: musulmano gambizza disabile cristiano per denaro, la polizia nega l’inchiesta
di Shafique Khokhar
05/11/2014 PAKISTAN - ISLAM
Vescovo di Islamabad: Coppia bruciata viva, una barbarie protetta da un colpevole silenzio
di Jibran Khan - Shafique Khokhar
09/01/2014 PAKISTAN
Un Pakistan moderno, liberale e democratico: la “missione” dell’attivista cattolica Aila Gill
di Shafique Khokhar
07/01/2014 PAKISTAN
Lahore, cattolici contro le autorità per la restituzione della scuola superiore San Francesco
di Jibran Khan

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate