25 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/01/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Multan, sacerdote missionario arrestato per “permanenza illegale”

    Shafique Khokhar

    P. Christi Oliva, Omi, da otto anni era missionario in Pakistan. La polizia lo ha fermato perché il permesso di soggiorno era scaduto. Egli aveva chiesto il rinnovo ed è in attesa di risposta. Ieri il giudice ha fissato i termini per la cauzione; oggi in giornata, salvo complicazioni, è previsto il rilascio.
    Multan (AsiaNews) – Le autorità pakistane hanno arrestato p. Christi Silva, direttore della casa di formazione dei missionari Oblati di Maria Immacolata (Omi), per “permanenza illegale” nel Multan, provincia del Punjab. L'arresto è avvenuto ieri. Il giorno precedente, martedì 24 gennaio, la polizia ha prelevato il sacerdote e aperto un fascicolo di indagine a suo carico – Fir, il First information report – in base alle sezioni 13 e 14 della Legge sugli stranieri del 1946. Egli è stato trattenuto per tutta la giornata presso la caserma di Muzaffarabad; poi la formalizzazione del fermo, in attesa che il giudice del tribunale fissi i termini per la cauzione.

    Fonti locali di AsiaNews riferiscono che la mattina del 24 gennaio le forze dell’ordine si sono dirette alla Mary Church, per incontrare p. Christi e comunicargli che il permesso di soggiorno era scaduto il 22 giugno dello scorso anno. In risposta, il missionario cattolico ha riferito di aver già presentato la domanda di rinnovo. A questo punto gli agenti hanno invitato il prete a presentarsi al comando e mostrare tutti i documenti. Insieme a p. Akmal, il sacerdote Omi si è recato al distretto e ha mostrato tutte le carte inerenti al visto, compresa la richiesta di rinnovo. La polizia, raccontano i testimoni, lo ha sbattuto in cella senza nemmeno guardare i documenti, aprendo un Fir per “permanenza illegale”.

    Alla base del fermo del missionario vi sarebbe un provvedimento emanato da Javed Iqbal, capo della polizia del Punjab, e diretto a tutti i distretti di polizia della provincia. Egli ha ordinato di arrestare ed espellere tutti gli stranieri “clandestini” che non lasciano il Multan, nonostante il permesso di soggiorno sia scaduto. L’ingiunzione dell’ispettore, spiegano fonti bene informate, è conseguenza del sequestro – avvenuto il 19 gennaio – di due cooperanti di una ong tedesca, l’italiano Giovanni Lo Porto, di 36 anni, e il collega olandese Bernd Johannes, di 45 anni. Sul rapimento non si hanno ancora maggiori informazioni e le indagini degli inquirenti non hanno dato alcun esito. Il capo della polizia ha emesso un’ordinanza, in base alla quale per “proteggere” gli stranieri che operano sul territorio, decreta la loro “espulsione”.

    P. Christi Silva è un missionario originario dello Sri Lanka, da otto anni al servizio della diocesi del Multan. Egli ha chiesto il rinnovo del visto lo scorso maggio ed è ancora in attesa di risposta da parte delle autorità. L’intero processo, per essere completato, può richiedere sino a 12 mesi. Mons. Andrew Francis, vescovo di Multan, ha lanciato un appello alle autorità protestando contro il fermo del sacerdote e chiedendone l’immediato rilascio su cauzione. Ieri l’udienza davanti al giudice; se non vi saranno ulteriori complicazioni, il sacerdote dovrebbe essere rilasciato in giornata.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/05/2014 PAKISTAN
    Sindh, quattro cristiani arrestati per "distribuzione di materiale religioso"
    Un uomo e tre donne sono stati fermati mentre distribuivano materiale cristiano nei pressi della stazione di Mirpur Khas. Denunciati da un leader islamico locale, sono stati arrestati e trasferiti in carcere fra imponenti misure di sicurezza. Alto il rischio di attacchi da parte di estremisti. Sacerdote a Karachi: "Gesto poco saggio, ma indice della mancanza di libertà religiosa".

    26/02/2013 PAKISTAN
    Punjab: musulmano gambizza disabile cristiano per denaro, la polizia nega l’inchiesta
    Il 35enne Khalid Masih si era offerto per siglare – a titolo gratuito – un baratto accolto in un primo momento da entrambe le parti. Il giorno successivo il musulmano Irshad Gujjar ha chiesto altri soldi. Al rifiuto, egli si è vendicato tendendo un agguato all’intermediario cristiano. Le forze dell’ordine non accolgono la denuncia e i criminali restano impuniti.

    05/11/2014 PAKISTAN - ISLAM
    Vescovo di Islamabad: Coppia bruciata viva, una barbarie protetta da un colpevole silenzio
    Shahzad Masih, di 28 anni, e la moglie Shama, 25enne, avevano quattro figli e la donna era incinta. A lanciare l’accusa il datore di lavoro di Shahzad; almeno 400 persone hanno assaltato, colpito e dato alle fiamme i corpi dei due giovani. Attivisti cristiani: ennesimo abuso delle leggi sulla blasfemia.

    09/01/2014 PAKISTAN
    Un Pakistan moderno, liberale e democratico: la “missione” dell’attivista cattolica Aila Gill
    Da leader politica e attivista sociale, la 26enne cristiana intende farsi portavoce di comunità o settori “più emarginati” e vuole “servire il Paese”. Collaboratrice della Commissione nazionale Giustizia e Pace, la giovane ha curato diversi progetti nel campo dell’istruzione, settore che va riformato. Sicurezza, economia e terrorismo le priorità di risolvere.

    07/01/2014 PAKISTAN
    Lahore, cattolici contro le autorità per la restituzione della scuola superiore San Francesco
    L’istituto fondato dalla Chiesa cattolica nel 1842 è uno dei centri di eccellenza della città e del Paese. In violazione alle norme, i vertici del distretto non hanno ancora riconsegnato la struttura alla diocesi. Sacerdote pakistano: ottemperate tutte disposizioni, ma le autorità “continuano a rimandare”. Il vescovo in prima linea nella protesta.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®