27 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/01/2008, 00.00

    UNIONE EUROPEA – PAKISTAN

    Musharraf in Europa baratta i diritti umani con la lotta al terrorismo

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    E’ iniziato ieri con un incontro pubblico il tour europeo del presidente pakistano, che dice di voler cambiare l’immagine negativa del suo Paese ma non parla del sistema giudiziario decapitato e definisce “ossessiva” l’attenzione occidentale per i diritti umani e per la democrazia.
    Bruxelles (AsiaNews) – Le prossime elezioni parlamentari, la democrazia, la libertà di espressione ed il terrorismo di matrice islamica: sono questi i nodi che il presidente pakistano Musharraf deve sciogliere nel corso degli 8 giorni che compongono la sua visita ufficiale alle istituzioni europee, per ottenere un mandato di credibilità da parte dell’Occidente non americano e la legittimazione del suo ruolo a presidente. A prima vista, per mantenere buoni i rapporti fra Pakistan ed Europa, sembra siano sufficienti alcune vaghe promesse ed un adeguato sostegno alle politiche economiche europee.
     
    I primi colloqui ufficiali tenuti dal leader pakistano, mostrano infatti che né Islamabad, né Bruxelles hanno intenzione di affrontare a fondo i temi relativi ai diritti umani. Nell’incontro con la stampa ed i membri del Parlamento europeo, svoltosi ieri mattina nella capitale belga, Musharraf ha dichiarato di volere “più di ogni altro” elezioni “libere e democratiche” ed ha promesso di rispettare il risultato delle urne, atteso per la seconda settimana di febbraio. Tali elezioni parlamentari, attese da diverso tempo, sono tuttavia falsate dal boicottaggio lanciato dall’opposizione e, soprattutto, dall’omicidio della leader popolare Benazir Bhutto avvenuto alla fine di dicembre.
     
    Dopo la sua dichiarazione di buona volontà, Musharraf ha chiesto all’Occidente di “capire la difficile situazione interna del Pakistan” e, di conseguenza, “interrompere l’ossessiva campagna a favore dei diritti umani e della democrazia”. L’ex comandante in capo delle forze armate pakistane ha poi risposto alla domanda di un europarlamentare sul terrorismo: ha sottolineato il “ruolo primario” svolto dal suo Paese nella lotta al fenomeno ed ha assicurato di voler mantenere “con ogni mezzo” l’influenza di al-Qaeda lontana dai confini nazionali. Tuttavia, ha aggiunto, “questo conflitto costa molto alla nazione in termini di diritti umani e democrazia”. In pratica, egli ha suggerito di attenuare le richieste di democrazia della comunità internazionale in nome di un bene superiore, la lotta all’estremismo islamico.
     
    Il presidente ha ricordato che il Pakistan “affronta un aumento del terrorismo interno, che costa vite umane, ed una talebanizzazione della propria società che rischia di minare l’intero equilibrio dell’area”. Di questi fenomeni egli ha poi accusato il vicino Afghanistan che, presidiato dal contingente internazionale, ha allontanato di pochi metri i leader della guerriglia islamica: “Sono loro che portano oscurantismo ed intolleranza in entrambi i nostri Paesi, e la loro presenza in Pakistan deriva dalla loro cacciata dall’Afghanistan”.
     
    Musharraf non ha però accennato alla facilità con cui le milizie talebane riescono ad allontanarsi dalle zone tribali dei confini afgani per scendere fino alla valle dello Swat, dove lo scorso mese hanno persino distrutto delle statue millenarie del Buddha. Il mancato intervento dell’esercito contro questi guerriglieri va ricondotto all’assenza di militari dalla zona: richiamati nelle metropoli dopo il colpo di Stato presidenziale, essi hanno lasciato il terreno ai fondamentalisti.
     
    Nessun accenno nemmeno allo strapotere delle oltre 4 mila scuole islamiche, le madrasse, che fino a un anno fa hanno goduto di un regime fiscale privilegiato e di protezione militare. Per tutta risposta, esse hanno ringraziato il governo organizzando sanguinose proteste interne, chiedendo l’introduzione ufficiale della sharia e l’allontanamento dal Paese di ogni minoranza religiosa non islamica.
     
    Tutti questi fenomeni negativi – ha assicurato  Musharraf -  “non hanno alcuna influenza sull’economia interna, che continua a crescere: negli attentati degli scorsi mesi non sono mai morti degli stranieri, che nel nostro territorio vengono rispettati, data la loro importanza dal punto di vista economico. Un’importanza che, spero, continuerà ad aumentare”. È probabile che quest’oggi, in un incontro al World Economic Forum di Davos (Svizzera), Musharraf chieda proprio un incremento degli investimenti internazionali in Pakistan.
     
    Ieri il presidente ha anche incontrato la Commissione esteri del Parlamento europeo e, a porte chiuse, il presidente Javier Solana ed il segretario generale della Nato, Jaap de Hoop Scheffer. A tutti egli ha assicurato la fine della dittatura militare ed il rispetto dei processi democratici, ma non ha risposto alle domande sul sistema giudiziario in Pakistan , dove il presidente della Corte Suprema, Iftikhar Chaudhry, è stato da lui allontanato e definito “un uomo corrotto ed inetto, che lavora per distruggere tutto ciò che il Pakistan ha costruito nel tempo”.
     
    Chaudhry, considerato un giudice laico e da sempre contrario alla dittatura militare con cui Musharraf ha retto il Paese negli ultimi 7 anni, ha invece raccolto attorno a sé tutta l’opposizione del mondo giudiziario ed intellettuale del Paese. Nel corso delle violente manifestazioni contro la decisione di allontanarlo dal suo incarico, svoltesi per tutto il mese di novembre, la polizia ha arrestato oltre 4mila avvocati e giudici indipendenti.  
     
    Lo scopo di Musharraf è far cambiare all’Europa “la visione distorta e negativa che il mondo ha del Pakistan attuale”. Finora sembra che vi stia riuscendo: in nome della lotta al fondamentalismo e dell’economia, l’Europa sembra disposta a credergli.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/09/2005 CINA – UNIONE EUROPEA
    Blair a Pechino: "Sono ottimista sulla democrazia cinese", ma anche sul commercio

    Il premier britannico, presidente di turno dell'Unione europea, ha guidato un team di investitori in Cina durante l'annuale summit sino-europeo. Firmate commesse economiche ed accordi culturali.



    13/06/2015 PAKISTAN - UE
    Pena di morte, scontro Pakistan-Ue: per Islamabad è legittima, esclusa l’ipotesi di moratoria
    Il portavoce del ministero degli Esteri respinge al mittente l’appello di Bruxelles, che chiedeva la fine delle impiccagioni. Per Islamabad essa è “conforme” al diritto internazionale e riguarda gli affari interni del Paese. Nei giorni scorsi l’esecuzione di un giovane cattolico per un omicidio non commesso.

    07/12/2004 CINA – UNIONE EUROPEA
    Dall'Europa Pechino vuole armi e commerci

    Il bando alla vendita di armi e l'intensificazione dei rapporti commerciali saranno i temi salienti del vertice UE – Cina in programma domani a l'Aja. Ieri Italia e Cina hanno proclamato il 2006 come "Anno dell'Italia in Cina".



    02/11/2006 TURCHIA – VATICANO
    Poca attenzione in Turchia al mancato incontro Erdogan-Papa. Che però potrebbe esserci

    Ma un collaboratore del premier apre ad un possibile colloquio, al quale accenna anche il Vaticano. Il ministro per gli Affari religiosi torna a criticare Benedetto XVI. Attesa per il rapporto ufficiale della Commissione Europea sulle riforme nel Paese: una bocciatura potrebbe riflettersi negativamente proprio sulle minoranze etniche e religiose.



    15/12/2004 CINA - UNIONE EUROPEA
    All'Unione Europea la Cina chiede nuove tecnologie di difesa




    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®