26 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/10/2011, 00.00

    PAKISTAN

    Musulmani pakistani in sciopero contro la condanna a morte dell’assassino di Salman Taseer

    Jibran Khan

    Mumtaz Qadri, la guardia del corpo che ha ucciso il governatore del Punjab, definito “un eroe islamico” dai partiti e movimenti musulmani che sfileranno oggi dopo la preghiera nelle moschee. Il vescovo di Islamabad: “Qadri ha tradito la fiducia accordata, uccidendo la persona che aveva giurato di proteggere”.
    Islamabad (AsiaNews) – Partiti politici e religiosi hanno proclamato uno sciopero nazionale per oggi, per protestare contro la sentenza di morte di Mumtaz Qadri, l’assassino del governatore del Punjab Salman Taseer. Ieri Mumtaz Qadri ha presentato appello all’Alta corte di Islamabad contro la condanna a morte pronunciata dal tribunale antiterrorismo di Rawalpindi il primo ottobre scorso. (04/01/2011 Assassinato il governatore del Punjab. Aveva chiesto la grazia per Asia Bibi).

    L’avvocato di Qadri, Raja Shujahur Rehman, ha dichiarato in appello che il tribunale antiterrorismo non era l’autorità appropriata nel caso, che avrebbe dovuto essere trattato dalla corte federale Shariat. Secondo l’avvocato, il caso di Qadri non ricadeva sotto il codice penale pakistano perché aveva ucciso un blasfemo seguendo l’insegnamento dell’islam. L’appello sostiene che Qadri non è responsabile di terrorismo, perché uccidere Taseer non era un atto di terrore; e l’avvocato concludeva che il tribunale aveva ignorato la giurisprudenza islamica. Shujahur Rehman ha dichiarato che “nessun senso di panico o di insicurezza è stato creato nel pubblico al tempo dell’uccisione; quindi non si può definire un atto di terrorismo, anzi, al contrario, la gente ha tirato un respiro di sollievo dopo l’uccisione del blasfemo”.

    Centinaia di persone si sono radunate davanti al tribunale di Islamabad gridando slogan di appoggio a Qadri e di condanna del giudice. La discussione dell’appello è stata fissata per l’11 ottobre. Gruppi wahabiti e Deobandi hanno annunciato la loro adesione alla manifestazione promossa da altri gruppi e partiti islamici (circa 40 in tutto) contro il verdetto, definendo Mumtaz Qadri “un eroe islamico”. Il gruppo islamico Sunni Tehrik ha offerto una grossa cifra come Dyat, “denaro del sangue” alla famiglia di Taseer per ottenere il perdono di Qadri. Il capo della Jamat Islami (unione islamica) Munawar Hassan ha dichiarato: “Il verdetto di condanna è stata una decisione politica per compiacere l’occidente; ogni sentenza che vada contro l’ideologia islamica è inaccettabile, viviamo in uno Stato islamico”.

    Oltre alla chiusura di tutte le attività, proclamata dai partiti islamici, dopo le preghiere del venerdì ci saranno cortei di protesta in tutto il Paese. Gli organizzatori hanno dichiarato che la protesta continuerà fino alla liberazione di Qadri, e l’eliminazione di ogni elemento laico opposto alla legge sulla blasfemia. Uno dei leader islamici, Maulana Aziz, ha dichiarato: “Otterremo la sua liberazione, e non permetteremo a nessun blasfemo di vivere in Pakistan. Uccideremo ogni blasfemo, e garantiremo che l’islam prevalga”.

    L’organizzazione per i diritti umani Masihi Foundation in un suo comunicato ha dichiarato: “Le condizioni in Pakistan stanno diventando critiche a causa del fanatismo crescente ogni giorno di più, che porterà a più violenza e caos. Se non siamo d’accordo con qualcuno, non è necessario essere violenti. Gli individui non possono arrogarsi l’autorità di giudicare chiunque, infedele o non musulmano. Mumtaz Qadri ha commesso un crimine odioso, e dei peggiori, un assassinio motivato da ragioni ideologiche. La vittima era il governatore del Punjab, che nell’osservanza del suo dovere pubblico aveva incontrato una donna condannata in base a una legge discriminatoria [Asia Bibi]. Siamo contrari in generale alla pena di morte; la gente deve rigettare la pena di morte in maniera non equivoca, specialmente per come è applicata in Pakistan. I liberali che si dicono contrari alla pena di morte, ma poi affermano che la appoggiano nel caso di Qadri, come eccezione, non sono in una posizione solida”.

    Il vescovo di Rawalpindi-Islamabad, Rufin Anthony, ha dichiarato: “Qadri ha tradito la fiducia accordata e ha ucciso la persona che aveva giurato di proteggere. Sono sbalordito che un avvocato dica che il verdetto del tribunale è illegale e senza fondamento: uccidere una persona è giustificato? E quelli che in questo caso affermano che Muahammad Ali Jinnah, padre del Pakistan, fu l’avvocato che difese qualcuno nel primo caso di blasfemia, e cercò di salvare Ilam Din dalla pena capitale, devono ricordare alcune cose. Jinnah non fu l’avvocato di Din al processo, ma lo rappresentò in appello contro la condanna a morte; cercò di ottenere la compassione del tribunale a causa della tenera età del ragazzo; non difese l’azione di Ilam Din, cioè l’uccisione di Rajpal, e non disse che era giustificata”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/01/2011 PAKISTAN
    Pakistan, gruppo estremista islamico annuncia attacco suicida per assassinare Asia Bibi
    Per l’intelligence pakistana il gruppo Moaviya starebbe pianificando un attacco kamikaze contro la prigione di Sheihupura, dove la donna è detenuta dal 2009. A Lahore la prima udienza del processo per l’omicidio di Salman Taseer, governatore del Punjab, si apre con lanci di fiori e abbracci per il suo assassino.

    04/01/2011 PAKISTAN
    Assassinato il governatore del Punjab. Aveva chiesto la grazia per Asia Bibi
    Salman Taseer è stato ucciso oggi a Islamabad da una delle sua guardie del corpo. Secondo il ministro dell’interno l’assassino lo avrebbe ucciso per aver definito “Nera” la legge sulla Blasfemia.

    10/01/2011 PAKISTAN
    Karachi: 50mila in piazza in difesa della legge sulla blasfemia
    La marcia organizzata da leader fondamentalisti, che celebrano l’assassino di Salman Taseer come “eroe dell’islam”. Appello del papa al governo pakistano per la cancellazione della norma, perché “pretesto” per violenze e ingiustizie. Cristiani pakistani pregano per il governatore del Punjab, definito “un martire” dal quotidiano saudita Arab News.

    08/01/2011 PAKISTAN
    Punjab: l’assassino di Salman Taseer vicino ai movimenti islamici
    Mumtaz Qadri affiliato al gruppo conservatore Dawat-i-Islami. I leader fondamentalisti celebrano l’omicida e chiedono di boicottare il lutto per la morte del governatore. Domani a Karachi marcia a favore della legge sulla blasfemia. I cattolici pregano per Taseer e invocano “indagini approfondite” sulla vicenda.

    14/01/2011 PAKISTAN
    Cristiani pakistani: Sulla blasfemia il governo è ostaggio dei partiti islamici
    Leader protestanti e attivisti per i diritti umani “contrariati” dalle parole del premier, che difende la legge sulla blasfemia. Il Ministero degli interni ordina un giro di vite contro siti con “contenuti anti-islamici”. La deriva fondamentalista dell’esecutivo, che aveva promesso la revisione di norme che creano tensioni interreligiose. A Karachi proteste di piazza contro Benedetto XVI.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®