11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/06/2017, 11.38

    BANGLADESH

    Mymensingh, il governo investe su studenti cristiani, leader di domani

    Sumon Corraya

    L’iniziativa è del Ministero per gli affari religiosi. Lo scopo è incoraggiare le relazioni pacifiche tra le comunità religiose. Mons. Kubi ai ragazzi: “Siete ambasciatori di Cristo”. Il prossimo incontro a Sylhet.

    Mymensingh (AsiaNews) – Il Ministero per gli affari religiosi del Bangladesh vuole accrescere l’armonia nella società. Per questo sta sponsorizzando una serie di incontri su “etica e moralità”, rivolti nello specifico ai giovani cristiani. L’ultimo si è tenuto ieri a Mymensingh, a circa 120 km da Dhaka, negli uffici locali della Caritas. Ai 57 partecipanti, tutti studenti universitari di differenti denominazioni cristiane, il vescovo di Mymensingh mons. Ponen Paul Kubi ha detto: “Voi siete ambasciatori di Cristo. Portate i valori cristiani con voi e metteteli in pratica nella vita di tutti i giorni”.

    Uno dei presenti era Bipu Borsho Rema, segretario organizzativo di Bangladesh Garo Chitro Sangaton, un’associazione di studenti. Egli riporta: “Un sacerdote cattolico ci ha istruito sui Dieci Comandamenti. Da cristiano, io devo essere prima di tutto onesto e poi indurre gli altri a comportarsi in modo corretto”. Charles Sourav Sharma, un altro giovane, parla a proposito dell’utilizzo di internet: “Molte volte non lo usiamo in maniera giusta e facciamo sbagli”. “Poi abbiamo parlato di armonia – continua – e abbiamo imparato qual è il nostro ruolo di cristiani nel creare relazioni di fratellanza con le altre confessioni”. Noyomi Mankin, una ragazza, aggiunge: “Abbiamo capito quali errori commettiamo, e quanto l’assenza di moralità ed etica incida in maniera negativa nella nostra vita”.

    L’incontro è stato organizzato dal Christian Religious Welfare Trust, branca del dicastero. Inaugurando i lavori, Matiur Rahman, capo del Ministero per gli affari religiosi, ha affermato: “Il governo vuole che giovani di tutte le fedi coltivino i propri valori religiosi. Investiamo sui ragazzi cristiani, così che possano essere degli uomini perfetti”.

    Mons. Kubi ha invitato i ragazzi a “mantenere buone relazioni con persone di altre fedi, in modo da costruire una società pacifica”. Lo scopo dei seminari – il primo dei quali si è svolto nella capitale e il prossimo è previsto a Sylhet tra una settimana – è proprio quello di incoraggiare le relazioni pacifiche tra le comunità religiose. Nirmol Rozario, segretario del Christian Religious Welfare Trust, afferma ad AsiaNews: “Il governo vuole davvero che nei giovani cristiani si accrescano [il senso] dell’etica e la moralità. Essi sono i leader di domani e perciò dobbiamo averne cura”.

    Durante gli incontri p. Ignatious Gomes ha parlato dell’importanza dell’etica e della moralità per “cambiare la società”. Chayan Hubert Reberio ha poi discusso sul “Ruolo e le responsabilità dei giovani nel formare una società armoniosa”. Nirmol Rozario si è invece soffermato sugli sbagli dei ragazzi. “Alcuni giovani cristiani – riferisce – sono dipendenti da droghe e alcolici. Per noi è una grande sfida. Per questo nel seminario li abbiamo messi in guardia dall’uso delle droghe e dal consumo del vino”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/07/2015 BANGLADESH
    Bangladesh, incoraggiare la vita religiosa grazie al confronto fra i giovani
    La Conferenza dei religiosi del Paese organizza attività per discutere le maggiori tematiche e avvicinare le varie congregazioni religiose. Nel seminario si discute di vita apostolica, comunitaria e spirituale. Coordinatore: “L’esperienza degli anziani aiuti i giovani nel loro lavoro”.

    10/08/2016 10:32:00 TURCHIA
    Nuove epurazioni in Turchia: sospesi 2.500 funzionari degli Affari religiosi

    In totale il ministero ha allontanato 3.672 dipendenti considerati “coinvolti” nel tentato golpe del 15 luglio. Nato per controllare la religione, oggi sovrintende alle circa 80mila moschee del Paese e ha un budget superiore a quello della sanità nazionale.



    07/01/2017 12:01:00 PAKISTAN
    “Treno di Natale per la pace” tra cristiani e musulmani arriva a Faisalabad

    L‘iniziativa nasce da un progetto congiunto tra Islamabad e il Ministero per i diritti umani. Il convoglio era partito il 22 dicembre da Rawalpindi. Le carrozze addobbate a festa con ghirlande, striscioni, alberi di Natale, rappresentazione della Natività. Sforzi simili “possono creare ponti tra persone che professano fedi differenti”.



    31/05/2017 11:05:00 BANGLADESH
    Mymensingh, 12enne cattolica rapita da un musulmano. La famiglia è ‘demoralizzata’

    Il rapitore è un uomo musulmano di 35 anni. La minore è stata sequestrata mentre tornava a casa dopo la scuola. I genitori hanno chiesto la mediazione dei leader islamici, senza risultato.



    05/10/2005 CINA
    Henan: polizia arresta padre e figlio, predicatori protestanti

    La pubblica sicurezza irrompe in casa per prendere il figlio; non lo trova e arresta il padre. Per far rilasciare il genitore, l'uomo si consegna da solo. Al momento sono in carcere entrambi.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®