17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/07/2016, 09.45

    BANGLADESH

    Mymensingh, un tribale cattolico eletto in Parlamento

    Sumon Corraya

    Jewel Areng è il più giovane membro del Parlamento ed è anche l’unico cattolico. Egli ha vinto nel collegio elettorale rimasto vacante dopo la morte del padre. L’anziano genitore era Ministro per il welfare sociale ed era molto stimato anche tra i musulmani. La Chiesa locale augura al nuovo deputato di seguire le orme paterne e fare il bene della popolazione.

    Mymensingh (AsiaNews) – Jewel Areng, un cattolico di etnia garo, è stato eletto in Parlamento nella tornata elettorale straordinaria per la circoscrizione di Mymensingh-1, nella parte centro-settentrionale del Bangladesh. Egli è il più giovane deputato e anche l’unico di fede cattolica, su un totale di 350 parlamentari. L’uomo è un esponente dell’Awami League, il partito di governo, ed è il figlio Promod Mankin, ex Ministro del welfare sociale, deceduto in seguito ad una lunga malattia. Subito dopo l’elezione, la Chiesa cattolica locale ha gioito per la sua vittoria. Ad AsiaNews mons. Ponen Paul Kubi csc, vescovo di Mymensingh, riporta che tutti i cristiani hanno appoggiato la candidatura di Jewel e ora pregano affinchè “egli serva la popolazione in modo altruistico”.

    Lo scorso 18 luglio il politico ha raccolto un totale di 170.204 voti, staccando di netto la sfidante musulmana Selina Khatun, che si è fermata a 14.338 preferenze. Il seggio elettorale di Mymensingh-1 era rimasto vacante dopo la morte del padre, che lì era stato eletto per quattro mandati consecutivi.

    L’anziano genitore era molto stimato dalla popolazione locale, in maggioranza musulmana, che ha premiato il figlio. Anche i cristiani si sono impegnati per la sua elezione e hanno perorato la sua causa davanti alla premier Sheikh Hasina, leader dello stesso partito.

    Nirmol Rozario, segretario generale della Bangladesh Christian Association (Bca), riferisce di aver “raccolto circa 500mila taka bangladeshi (5.800 euro) per la campagna elettorale. Abbiamo scritto una lettera alla premier, chiedendole di appoggiare la candidatura di Jewel Areng. Ora siamo molto felici della sua vittoria e ci aspettiamo che segua gli ideali del padre e ami allo stesso modo la sua gente”.

    Appena appreso della vittoria, mons. Kubi ha chiamato di persona il nuovo deputato. Il vescovo racconta la telefonata: “Mi sono congratulato e gli ho detto che spero che anche lui – come suo padre – venga con regolarità a messa, oltre a fare attività politica”.

    In un Paese martoriato dagli attacchi degli estremisti islamici e dei fondamentalisti che perseguitano i membri delle minoranze religiose, ora il vescovo spera “che il nuovo leader aiuti la nostra minuscola comunità cristiana nel compimento delle sue funzioni”.

    In Bangladesh vivono circa 165 milioni di abitanti, di cui il 90% professa la fede islamica. L’8% della popolazione è indù, il restante buddista e cristiano (lo 0,4%, cioè circa 600mila persone). In tutto il Paese si contano 45 gruppi etnici e la metà dei fedeli cristiani appartiene a comunità indigene.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/07/2017 12:12:00 BANGLADESH
    Mymensingh, 11 cristiani eletti alle elezioni amministrative

    Le votazioni si sono svolte ieri in 56 Union Parishad, le più piccole unità amministrative del Paese. In tutto il Bangladesh se ne contano 4554. Leader protestante: “Prima fuggivamo in India, per la persecuzione dei musulmani. Ora abbiamo capito che per salvare la minoranza dobbiamo impegnarci nella politica”.



    17/08/2016 10:58:00 BANGLADESH
    Il Bangladesh saluta p. Homrich, missionario del popolo garo

    Il sacerdote 88enne ha deciso di tornare degli Stati Uniti per motivi di salute e dopo aver ricevuto minacce di morte da parte di estremisti islamici. Difensore dei tribali del nord del Paese, ha pubblicato inni e preghiere nella loro lingua. Ha fondato almeno 30 scuole per dare istruzione ai bambini.



    30/01/2014 BANGLADESH
    La Chiesa "viva" del Bangladesh; una nuova parrocchia per i tribali Garo
    Il sotto-centro di Diglakona è diventato la 15ma parrocchia della diocesi di Mymensingh. Conta 2mila fedeli, tutti tribali, che grazie alla Chiesa e alle organizzazioni cristiane "stanno diventando sempre più istruiti".

    12/08/2014 BANGLADESH
    Mymensingh, missionari cattolici aprono un nuovo college per giovani tribali
    I sacerdoti della Holy Cross hanno inaugurato il loro quinto istituto in Bangladesh. Gli iscritti sono già 750, appartenenti alle fasce sociali più bisognose. L'obiettivo è insegnare a questi ragazzi "come condursi nella vita".

    11/05/2016 12:50:00 BANGLADESH
    È morto Promode Mankin, primo cattolico a diventare ministro del Bangladesh

    Il politico, 77 anni, è morto all’ospedale della Sacra Famiglia di Mumbai, dove era ricoverato. L’arcivescovo di Dhaka ha fatto visita ai familiari. Il primo ministro Sheikh Hasina lo aveva scelto due volte come ministro del Welfare sociale.

     





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®