08/05/2008, 00.00
MYANMAR
Invia ad un amico

Nargis: oltre 100mila morti, il Pime in campo per gli aiuti

Il Pontificio istituto missioni estere lancia una campagna di raccolta fondi per l’emergenza nel sud del Paese. Continua a salire il bilancio delle vittime e l’allarme sanitario, ma per la giunta la situazione “va normalizzandosi”. Tonnellate di aiuti alimentari dell’Onu aspettano ai confini il permesso di ingresso dal regime militare. La gente comincia a vendere i gioielli di famiglia al mercato nero per riuscire a mangiare.

Yangon (AsiaNews) – Anche il Pontificio istituto missioni estere (Pime), da 150 anni presente in Myanmar, si unisce alle realtà umanitarie di tutto il mondo e corre in aiuto della popolazione colpita dalla furia del ciclone Nargis. Il Pime di Milano lancia una campagna di raccolta fondi per “portare soccorso immediato con beni di prima necessità”.

A sei giorni dal disastro intanto non smette di salire il bilancio dei morti. Oggi la cifra confermata è di 110mila, stando all’agenzia Mizzima News. Un’ecatombe che si avvicina a quella provocata da un altro ciclone nel 1991 in Bangladesh (143mila morti). Nella sola area di Labutta, nel sud-ovest del Paese, le vittime sono arrivate a 80mila, secondo fonti militari.

Richard Horsey, portavoce dell'Ocha, l'Agenzia delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari con sede a Bangkok, parla di circa 5mila km quadrati di terre sommerse dall’acqua e più di un milione di persone in urgente bisogno di aiuto. Secondo l'Onu, è il delta dell'Irrawaddy "il punto nevralgico" per gli aiuti, perché "occorrono battelli, elicotteri e camion".

Le operazioni di soccorso stanno combattendo una corsa contro il tempo per contenere il rischio epidemie. I cadaveri in decomposizione e la mancanza di acqua potabile fanno temere contagi da tifo, dissenteria e malaria.

Nonostante l’allarme sanitario, la giunta birmana continua a ritardare i permessi d’ingresso a personale e carichi delle agenzie umanitarie internazionali, tutte già mobilitate per l’emergenza. Lo staff Onu in Thailandia aspetta ancora i visti, mentre gli aerei del World Food Programme con 40 tonnellate di biscotti energetici sono fermi a Dhaka e Dubai in attesa del via libero da Naypytaw.

Hanno, invece, ricevuto oggi l’autorizzazione a volare su territorio birmano gli Stati Uniti. Aerei militari con aiuti arriveranno tra massimo due giorni, riferiscono da Bangkok, che ha mediato tra i due Paesi, da tempo ai ferri corti. Dopo la repressione delle proteste dei monaci di settembre Washington ha imposto sanzioni economiche al regime e continua a fare pressioni per il rispetto dei diritti umani.

Il disastro ha provocato un forte rincaro dei prezzi dei generi alimentari e del carburante. Manca cibo e la gente inizia a vendere gioielli o cambiare denaro al mercato nero. I più ricchi chiedono  baht thailandesi al posto di kyat, perché vogliono lasciare il Paese, racconta un operatore di cambio. A Yangon manca ancora l’elettricità e tra la gente cova un sentimento di rabbia e frustrazione. Il dito è puntato contro la malagestione della crisi da parte dei generali: pur a conoscenza da una settimana dell’arrivo di Nargis, non hanno diramato tempestivi avvisi ai cittadini delle zone a rischio e anche ora sono pochi – dicono testimoni – i militari impegnati nei soccorsi.

Anzi, la macchina di propaganda del regime è impegnata a diffondete sui media di Stato immagini di ordine ed efficienza. Il generale Tha Aye parla alla tv di una situazione “in fase di normalizzazione".

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Thailandia, profughi birmani pronti a rimpatriare per portare aiuti
28/05/2008
Myanmar: via libera a “tutti” i soccorritori internazionali
23/05/2008
Nargis: la giunta baratta gli aiuti con il “sì” alla Costituzione
09/05/2008
La Chiesa birmana organizza gli aiuti nel post-Nargis
08/05/2008
Ciclone Nargis, “cauto” via libera della giunta agli aiuti Onu
06/05/2008