17/12/2014, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Natale a Mumbai, portare Gesù tra i lebbrosi della Porta del Cielo

A Swarga Dwar, l'ahsram fondato dal Pime a Mumbai, circa 300 persone - tra indù, musulmani e qualche cristiano - celebreranno insieme la nascita di Cristo. Le giornate sono dedicate soprattutto ai bambini, con partite di cricket, di calcio e altri giochi. Responsabile del centro: "I piccoli attendono questa festa con gioia, gli piace preparare l'albero e mettere la stella cometa sul presepe".

Mumbai (AsiaNews) - "A Swarga Dwar, Natale è un giorno importante. Noi portiamo la testimonianza di Gesù a tutti i nostri ospiti e amici, che sono soprattutto indù e musulmani. E il Suo messaggio diventa il loro". Così p. Vijay Rayala, superiore regionale del Pontificio Istituto Missioni Estere (Pime) in India, parla dell'ahsram "Porta del Cielo", centro di riabilitazione e accoglienza dei lebbrosi fondato nel 1983 da p. Carlo Torriani (Pime) a Mumbai. Da qualche anno, la struttura ha anche un ostello, dove vivono bambini e ragazzi sani, figli di lebbrosi della zona, o rimasti orfani.

Dopo sette anni come responsabile del centro, per p. Vijay sarà il primo Natale lontano da Swarga Dwar. "Mi mancherà molto - ammette ad AsiaNews - perché festeggiare insieme ai nostri ospiti e ai loro amici è un momento speciale. A volte gli alunni del college qui vicino vengono a passare tre giorni qui con noi: aiutano con le decorazioni dell'ospedale e con i preparativi. È un'esperienza molto importante anche per loro".

Da tre mesi il nuovo responsabile della Porta del Cielo è p. Balaswamy Thota, anche lui missionario del Pime, che si dice "molto emozionato" per questo suo primo Natale. L'ashram al momento conta una cinquantina di persone, tra cui 22 pazienti lebbrosi e 24 bambini e ragazzi dell'ostello, di cui uno ha da poco sviluppato la malattia. Gli ospiti sono per lo più indù, musulmani e qualche cristiano.

Tuttavia, alle celebrazioni natalizie sono invitate molte altre persone. "Saremo circa 300 persone - racconta il sacerdote -. Il 24 sera arrivano genitori e parenti dei bambini e dei pazienti, benefattori e amici. Ceniamo insieme, celebriamo la messa di mezzanotte e poi dormono qui da noi".

Il 25 inizia con una grande colazione tutti insieme, spiega p. Balaswamy, a cui seguono "partite di cricket e di calcio, e giochi di vario genere per i bambini. I piccoli attendono questa festa con gioia, gli piace preparare l'albero e mettere la stella cometa sul presepe. A mezzogiorno, tutti insieme facciamo il pranzo di Natale e poi apriamo i regali. Sono giorni bellissimi, perché testimoniano che siamo un'unica grande famiglia".

Nei loro pacchetti, bambini e ragazzi trovano soprattutto vestiti, camicie e "tutto quello che può essere utile". Per insegnare loro il senso del dono reciproco, nelle settimane precedenti i piccoli realizzano delle cartoline di auguri, che verranno poi inviate via posta ad amici e benefattori dell'ashram, o consegnate a mano il giorno di Natale. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Missionario Pime: Lebbrosi indù e musulmani gli autori del presepe a Swarga Dwar
30/12/2015
Ruthika, nata dall’amore di un papà lebbroso e una madre malata di Hiv (Foto)
20/06/2019 11:39
Natale come il Diwali: Cristo è la luce per i lebbrosi di Mumbai (Foto)
24/12/2018 09:38
Mumbai, inaugurata la prima ‘Casa della Misericordia’ del Pime (Foto)
11/02/2019 14:00
Khulna, suore del Pime festeggiano il Natale con i lebbrosi (Foto)
29/12/2017 13:43