31 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/01/2016, 00.00

    ASIA

    Natale ortodosso: fra bagni ghiacciati e migranti, riapre la cattedrale di san Pietroburgo



    Per la prima volta dalla rivoluzione sovietica, la cattedrale di sant’Isacco – la più grande del mondo – ospita la funzione per la veglia natalizia. In Turchia i fedeli si buttano nelle acque del Corno d’Oro per recuperare la croce di legno lanciata dal patriarca ecumenico Bartolomeo. A Mosca Kirill lancia un invito di pace per l’Ucraina, mentre in Grecia si prega per le vittime della tratta di esseri umani.

    Mosca (AsiaNews) – Bagni ghiacciati; preghiere per le vittime della tratta di esseri umani; appelli per la pace nelle zone più “calde” del pianeta. Sono gli ingredienti che hanno caratterizzato il Natale ortodosso, celebrato ieri dai circa 230 milioni di fedeli sparsi per tutto il mondo. A loro papa Francesco ha dedicato un saluto dopo la preghiera dell’Angelus dell’Epifania: “Esprimo la mia vicinanza spirituale ai fratelli e alle sorelle dell’Oriente cristiano, cattolici e ortodossi, molti dei quali celebrano domani il Natale del Signore. Ad essi giunga il nostro augurio di pace e di bene”.

    Le celebrazioni più imponenti si sono verificate in Russia. Ad oggi il Patriarcato di Mosca conta su 30mila chiese e circa 800 monasteri in quasi 70 nazioni, ed è la Chiesa auto-cefala più numerosa della galassia ortodossa. Per la prima volta, la cattedrale di Cristo Salvatore nella capitale ha celebrato la nascita di Gesù tenendo tutte le porte aperte: il patriarca Kirill ha voluto sottolineare che si tratta di “un segno visibile dell’apertura di Dio per tutto il mondo”. Inoltre, il capo della chiesa russa ha dedicato un passaggio della sua omelia all’Ucraina: “Il conflitto fratricida che si sta verificando in quella terra non deve dividere i figli della Chiesa o portare inimicizia nei cuori. Un vero cristiano non può odiare il suo vicino”.

    Da segnalare, sempre in Russia, la celebrazione della vigilia di Natale nella cattedrale di sant’Isacco a san Pietroburgo. La chiesa è la più grande di tutto il mondo ortodosso: trasformata dal 1928 in un museo dal regime sovietico, è stata riaperta al culto dopo il collasso dell’Ussr nel 1991. Da allora ha ospitato in maniera sporadica alcune funzioni, ma mai una così importante.

    In Turchia i fedeli si sono radunati al Fanar, sede del Patriarcato ecumenico guidato da Bartolomeo I, per le cerimonie. Lo stesso Bartolomeo, seguendo una lunga tradizione locale, ha lanciato nelle acque ghiacciate del Corno d’Oro una croce di legno. Questa è stata recuperata da Nicolaos Silos (v. foto), un 28enne proveniente dalla Grecia. Nel suo Paese d’origine, e per la precisione a Lesbo, il Natale è stato dedicato alla memoria dei migranti morti nelle acque dell’Egeo. Makis Venetas, presidente del Club dei rifugiati, ha detto: “Onoriamo la memoria di tutti coloro che sono affogati in queste acque, soprattutto dei bambini. Non importa se fossero ortodossi, cattolici e musulmani: non avevano alcuna colpa”. I fedeli hanno lanciato poi fiori in acqua.

    In Egitto, la polizia ha circondato le chiese copte del Cairo per una minaccia terroristica. Il presidente Abdel Fattah al-Sisi ha visitato alcuni luoghi di culto e ha promesso fondi statali per ricostruire gli edifici religiosi danneggiati durante le proteste settarie del 2013 che hanno portato alla destituzione dell’allora leader Morsi.

    Il patriarca greco-ortodosso di Gerusalemme, Teofilo III, si è invece recato come di consueto a celebrare la messa di Natale nella chiesa della Natività a Betlemme. Il Patriarca è stato accolto da centinaia di fedeli in Piazza della Mangiatoia: a loro ha chiesto di "vivere e agire per la pace del Signore".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/05/2007 TURCHIA – RUSSIA
    Un rappresentante del Patriarcato di Mosca in pellegrinaggio con Bartolomeo I
    E’ stata la prima volta. Ogni anno il Patriarca ecumenico si reca in Cappadocia, nei luoghi legati a tanti padri della Chiesa e che per questo “devono contribuire a prendere coscienza dell’unità dei cristiani”.

    15/03/2013 TURCHIA - VATICANO
    Il patriarca ecumenico Bartolomeo alla messa di insediamento di papa Francesco: la prima volta dallo scisma
    Assieme a Bartolomeo saranno presenti il metropolita di Pergamo Ioannis Zizioulas, Copresidente della Commissione mista per l'unità fra cattolici e ortodossi, il metropolita ortodosso dell'Argentina e quello per l'Italia. Il patriarcato di Mosca spera in una più forte collaborazione, ma esclude per ora un incontro con il patriarca Kirill di Mosca.

    04/02/2009 TURCHIA
    Bartolomeo I: l’elezione di Kirill serva al comune cammino delle Chiese ortodosse
    Il Patriarcato ecumenico ora si aspetta un'accelerazione del comune cammino verso il grande sinodo panortodosso, da lungo tempo annunciato.

    29/01/2008 TURCHIA
    Divisi a Ravenna, gli ortodossi russi ed estoni torneranno a parlarsi
    Bartolomeo I sta promuovendo un incontro con il patriarcato di Mosca, che lasciò i colloqui con i cattolici per la presenza di Tallin. Concludendo la preghiera per l’unità dei cristiani il patriarca ecumenico esprime la volontà di accelerare i tempi per la piena unità. “Storica” la comune dichiarazione di Ravenna tra cattolici ed ortodossi. L'importanza dell'annuncio del cristianesimo a Hong Kong.

    28/08/2007 TURCHIA
    Aperto il Sinodo del Patriarcato Ecumenico
    Sono 100 i vescovi riuniti al Fanar. In agenda anche il punto della situazione sulla campagna contro Bartolomeo I ingaggiata da Buijidar Cipof , scismatico dell’esarcato bulgaro. Il Patriarca annuncia una visita al premier Erdogan per avere una “risposta sincera" sulla riapertura della Scuola Teologica di Halki.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®