23 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/09/2012
LIBIA - USA
Navi da guerra e marines a Tripoli, per la "guerra" del film anti-Islam
Orrore e amarezza per Obama e Clinton. L'attacco al consolato di Bengasi forse premeditato. L'ambasciatore Usa è morto per asfissia. Con lui sono morte tre persone dello staff e 10 libici. Il regista del film contro Maometto si è nascosto e accusa l'islam di essere "un cancro". Sconosciuto il traduttore arabo della pellicola. Le tensioni in Libia (e in Egitto) si aggiungono a quelle fra Obama e Netanyahu sul problema nucleare in Iran.

Tripoli (AsiaNews/Agenzie) - Gli Stati Uniti stanno inviando due navi da guerra nelle vicinanze delle coste libiche e un'unità di50 marines per proteggere il personale Usa ancora a Tripoli, dopo l'uccisione del loro ambasciatore, Christopher Stevens, e di altri tre membri dello staff diplomatico durante un attacco di uomini armati a Bengasi. Anche 10 libici sono stati uccisi nello scontro.

Gli esperti si domandano se l'attacco al consolato Usa nella capitale della Cirenaica fosse spontaneo, nato da una manifestazione per criticare un film anti-islam, o se era un attacco premeditato, in cui è stato usato lo schermo della dimostrazione.

L'ipotesi più sicura è quella di un attacco premeditato: gli uomini armati hanno colpito in modo professionale, usando mezzi sofisticati, a diverse ondate. Pare che essi conoscessero bene anche la struttura del consolato, l'ambiente segreto verso cui l'ambasciatore Stevens si stava dirigendo per nascondersi, prima di essere colpito da missili-granata.

Un dottore libico che lo ha curato, afferma che Stevens è morto di asfissia per il fumo prodottosi. Personale libico ha trasportato l'ambasciatore da solo  all'ospedale, dove nessuno lo conosceva. Il personale medico ha cercato di rianimarlo, ma inutilmente.

Una personalità libica della sicurezza nazionale suppone che l'attacco sia stato organizzato ed eseguito da Ansar al Sharia, un gruppo islamista che si pretende vicino ad al Qaeda, anche se essi erano mescolati alla folla che comprendeva tribali, miliziani e altri. Ma il gruppo ha negato il suo coinvolgimento.

Alla Casa Bianca, in piena campagna elettorale, vi è orrore e stupore, ma anche determinazione perché, come ha assicurato il presidente Obama,  "giustizia sia fatta per questo atto terribile". Hillary Clinton, segretario di Stato, rimane sbigottita e si domanda "come è potuto succedere questo in una nazione che abbiamo aiutato a liberare, in una città che abbiamo aiutato, salvandola dalla distruzione?".

Molti dubbi rimangono anche sul film che avrebbe provocato la scintilla per l'attacco. Il suo produttore, Sam Bacile, 56 anni, si definisce israelo-americano, è ora nascosto in un luogo segreto. Egli difende la sua opera che doveva servire a condannare l'islam come "un cancro" e una "menzogna". Nella pellicola, dal titolo "Innocenza dei musulmani", Maometto è presentato come violento, omosessuale, pedofilo, sostenitore degli abusi sui bambini, ecc. Il film, girato con poca professionalità e con un budget di soli 5 milioni di dollari, raccolti da donatori ebrei, è stato proiettato solo una volta in una sala semivuota.

Il suo trailer su Youtube ha trovato anche un traduttore arabo, che il regista non conosce, diffondendo le sequenze e le critiche nel mondo islamico. Fra i sostenitori del film vi è anche il pastore Terry Jones, rimasto tristemente famoso per il rogo del Corano nel 2010, che ha portato a una serie di vendette islamiche contro obbiettivi occidentali e cristiani.

Alcune agenzie citavano fra i sostenitori anche alcune personalità copte negli Usa; ma la Chiesa copta di Egitto ha condannato la produzione del film inteso solo ad offendere una credenza religiosa.

In questi giorni, manifestazioni - abbastanza pacifiche - si sono svolte anche al Cairo, davanti all'ambasciata Usa. Fra i dimostranti vi sono anche molti giovani copti.

La crisi libica e le scosse provocate dal film anti-islam cadono in un momento di tensione crescente fra gli Stati Uniti e lo Stato d'Israele, fra Obama e il premier Netanyahu sul modo in cui frenare l'Iran nella sua corsa al nucleare. Nei giorni scorsi, alcune dichiarazioni di Netanyahu erano dirette contro Obama e la Clinton che ribadiscono l'importanza della via diplomatica nel gestire la crisi iraniana. Netanyahu e una parte del suo governo vorrebbe invece ci fosse un'azione militare, un raid aereo per distruggere le centrali nucleari in Iran, dove  si pensa Teheran stia costruendo armi atomiche. L'Iran ha sempre negato tale accusa e rivendica un uso pacifico del suo programma nucleare.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/09/2012 LIBIA - ISLAM
Arresti a Bengasi per l'attacco al consolato Usa. Il mondo islamico si infiamma contro il film su Maometto
28/09/2012 USA - ISLAM
Arrestato l'uomo che ha prodotto il film anti-islam
17/09/2012 PAKISTAN
Cristiani e musulmani pakistani condannano il film blasfemo su Maometto
di Shafique Khokhar
12/09/2012 LIBIA - USA
Nell'attacco di Bengasi ucciso l'ambasciatore Usa
24/09/2012 PAKISTAN – STATI UNITI
Chiesa colpita nelle proteste contro il film anti-islam. La condanna di leader cristiani e musulmani

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate