24 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/03/2017, 12.51

    INDONESIA

    Negati i funerali per i musulmani sostenitori del governatore cristiano

    Mathias Hariyadi

    In diverse moschee di Jakarta esposti striscioni e manifesti. La polizia apre un’inchiesta. Il ministro degli Affari religiosi esprime la sua preoccupazione: “Inviti del genere non sono islamici”. La campagna elettorale è segnata dagli atti di intolleranza degli islamisti nei confronti di Ahok e dei suoi sostenitori. Aumentano le tensioni in vista della prossima tornata elettorale in aprile. Le reazioni dei musulmani moderati.

    Jakarta (AsiaNews) – Alcuni leader musulmani radicali si rifiutano di celebrare i funerali islamici di chiunque abbia sostenuto in vita la candidatura di Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama a governatore di Jakarta nelle elezioni regionali [“Pilkada” ndr] che si stanno svolgendo in 101 distretti del Paese. Lo scorso febbraio, un capo villaggio si è rifiutato di officiare il servizio funebre di un membro defunto della comunità locale, a causa della sua preferenza politica per Ahok durante la prima Pilkada. Un episodio analogo è avvenuto lo scorso 9 marzo, nello stesso complesso residenziale, suscitando lo sdegno dei musulmani moderati indonesiani.

    Lukman Hakim Saifuddin, ministro indonesiano degli Affari religiosi, ha espresso, lo scorso 11 marzo, grande preoccupazione per i messaggi di odio religioso lanciati da alcuni gruppi islamisti radicali. Le dichiarazioni del ministro seguono l’apertura, da parte della polizia, di un’inchiesta riguardante l’affissione, in diverse moschee di Jakarta, di manifesti e striscioni che invitano i fedeli a non eseguire i riti funebri per tutti i musulmani sostenitori del candidato governatore cristiano.

    Il ministro Saifuddin, politico del partito islamico United Development Party (Ppp), ha sostenuto che tali inviti non sono “islamici”, in quanto “pregare per i defunti e provvedere ai loro riti funebri è un atto legalmente e moralmente dovuto, ed è fardu kiyafa [obbligo morale che grava su ciascun musulmano ndr]”. “Se un certo complesso residenziale si rifiuta di ottemperare a questo obbligo morale, allora il risultato è chiaro: tutti i musulmani della zona stanno commettendo peccato" – ha detto il ministro.

    Saifuddin è una figura di spicco dal più grande e la più moderata organizzazione musulmana del Paese: la Nahdlatul Ulama (NU). Egli invita tutti gli abitanti musulmani di Jakarta a non compiere gesti di intolleranza nei confronti di persone e famiglie la cui preferenza politica sia diversa dalla loro, o semplicemente perché hanno votato per Ahok durante il primo turno delle Pilkada, lo scorso febbraio.

    Il periodo di campagna elettorale ha visto numerose figure religiose islamiste invitare gli elettori musulmani a non votare per candidati non-musulmani, in particolare il governatore Basuki "Ahok" Tjahaja Purnama, che sta affrontando un processo per accuse di blasfemia. Il primo turno delle elezioni regionali nella Grande Jakarta (DKI Jakarta) si è concluso con la vittoria di Ahok e del suo vice Djarot Saiful Hidayat, che in aprile sfideranno Anies Baswedan e Sandiaga Uno per il governatorato. Tuttavia, alcuni gruppi musulmani radicali continuano la loro campagna d’odio, provocando la reazione dei gruppi moderati.

    Lo scorso 11 marzo, Ahmad Ishomuddin, rappresentante di Nahdlatul Ulama (Nu), aveva dichiarato che i rifiuti alle preghiere per i defunti sospettati di aver sostenuto Ahok erano atti di intimidazione. Alle dichiarazioni di Ishomuddin ha fatto eco un comunicato stampa rilasciato da Gerakan Pemuda Ansor, un'organizzazione giovanile affiliata alla NU, che si mette a disposizione dei musulmani di Jakarta qualora le cerimonie funebri venissero negate dagli esponenti religiosi più estremisti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/06/2016 11:09:00 INDONESIA
    Governatore di Jakarta: No al velo islamico obbligatorio nelle scuole

    Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama, cristiano, ha parlato a 1700 presidi della metropoli affermando che ogni studente è libero di scegliere quali indumenti indossare: “I musulmani non possono costringere tutti gli altri a seguire i loro precetti”.

     



    16/02/2017 08:57:00 INDONESIA
    Elezioni a Jakarta: la carica di governatore si deciderà al ballottaggio

    Al primo turno il governatore uscente “Ahok”, cristiano e al centro di una vicenda di blasfemia, ha conquistato il 43% dei voti. Il rivale islamico Baswedan si è fermato poco sotto la soglia del 40%. Decisivo il 17% dei voti conquistato dal figlio maggiore dell’ex presidente Yudhoyono. Il voto si è svolto senza incidenti. Attesa per il ballottaggio del 19 aprile. 

     



    13/02/2017 12:46:00 INDONESIA
    Cattolici indonesiani alle elezioni regionali fra tensioni e minacce

    Le elezioni regionali si svolgeranno il prossimo 15 febbraio. L’appello di alcune associazioni: “la nostra scelta per l’interesse della nazione”. L’impegno per la difesa di uno Stato pluralista.



    22/02/2017 13:26:00 INDONESIA
    Elezioni regionali: Ahok in testa al primo turno, le proteste degli islamisti

    Le organizzazioni islamiche cercano ancora di interrompere la corsa del governatore uscente. A ottobre le accuse di blasfemia e il processo. Indette oggi le manifestazioni per far pressione al governo. Il ministro degli interni: “Solo per Ahok tutta questa rabbia”.



    21/09/2012 INDONESIA
    Elezioni a Jakarta: vince la coppia sfidante, il vice è cristiano di etnia cinese
    Secondo gli exit-poll, al ballottaggio si conferma il successo (col 53% delle preferenze) della coppia Jokowi-Ahok. Analisti ed esperti parlano di vittoria “storica”, che avrà un riflesso anche nel panorama politico nazionale. La campagna elettorale caratterizzata da attacchi personali contro il candidato cristiano.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®