25 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/03/2017, 12.51

    INDONESIA

    Negati i funerali per i musulmani sostenitori del governatore cristiano

    Mathias Hariyadi

    In diverse moschee di Jakarta esposti striscioni e manifesti. La polizia apre un’inchiesta. Il ministro degli Affari religiosi esprime la sua preoccupazione: “Inviti del genere non sono islamici”. La campagna elettorale è segnata dagli atti di intolleranza degli islamisti nei confronti di Ahok e dei suoi sostenitori. Aumentano le tensioni in vista della prossima tornata elettorale in aprile. Le reazioni dei musulmani moderati.

    Jakarta (AsiaNews) – Alcuni leader musulmani radicali si rifiutano di celebrare i funerali islamici di chiunque abbia sostenuto in vita la candidatura di Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama a governatore di Jakarta nelle elezioni regionali [“Pilkada” ndr] che si stanno svolgendo in 101 distretti del Paese. Lo scorso febbraio, un capo villaggio si è rifiutato di officiare il servizio funebre di un membro defunto della comunità locale, a causa della sua preferenza politica per Ahok durante la prima Pilkada. Un episodio analogo è avvenuto lo scorso 9 marzo, nello stesso complesso residenziale, suscitando lo sdegno dei musulmani moderati indonesiani.

    Lukman Hakim Saifuddin, ministro indonesiano degli Affari religiosi, ha espresso, lo scorso 11 marzo, grande preoccupazione per i messaggi di odio religioso lanciati da alcuni gruppi islamisti radicali. Le dichiarazioni del ministro seguono l’apertura, da parte della polizia, di un’inchiesta riguardante l’affissione, in diverse moschee di Jakarta, di manifesti e striscioni che invitano i fedeli a non eseguire i riti funebri per tutti i musulmani sostenitori del candidato governatore cristiano.

    Il ministro Saifuddin, politico del partito islamico United Development Party (Ppp), ha sostenuto che tali inviti non sono “islamici”, in quanto “pregare per i defunti e provvedere ai loro riti funebri è un atto legalmente e moralmente dovuto, ed è fardu kiyafa [obbligo morale che grava su ciascun musulmano ndr]”. “Se un certo complesso residenziale si rifiuta di ottemperare a questo obbligo morale, allora il risultato è chiaro: tutti i musulmani della zona stanno commettendo peccato" – ha detto il ministro.

    Saifuddin è una figura di spicco dal più grande e la più moderata organizzazione musulmana del Paese: la Nahdlatul Ulama (NU). Egli invita tutti gli abitanti musulmani di Jakarta a non compiere gesti di intolleranza nei confronti di persone e famiglie la cui preferenza politica sia diversa dalla loro, o semplicemente perché hanno votato per Ahok durante il primo turno delle Pilkada, lo scorso febbraio.

    Il periodo di campagna elettorale ha visto numerose figure religiose islamiste invitare gli elettori musulmani a non votare per candidati non-musulmani, in particolare il governatore Basuki "Ahok" Tjahaja Purnama, che sta affrontando un processo per accuse di blasfemia. Il primo turno delle elezioni regionali nella Grande Jakarta (DKI Jakarta) si è concluso con la vittoria di Ahok e del suo vice Djarot Saiful Hidayat, che in aprile sfideranno Anies Baswedan e Sandiaga Uno per il governatorato. Tuttavia, alcuni gruppi musulmani radicali continuano la loro campagna d’odio, provocando la reazione dei gruppi moderati.

    Lo scorso 11 marzo, Ahmad Ishomuddin, rappresentante di Nahdlatul Ulama (Nu), aveva dichiarato che i rifiuti alle preghiere per i defunti sospettati di aver sostenuto Ahok erano atti di intimidazione. Alle dichiarazioni di Ishomuddin ha fatto eco un comunicato stampa rilasciato da Gerakan Pemuda Ansor, un'organizzazione giovanile affiliata alla NU, che si mette a disposizione dei musulmani di Jakarta qualora le cerimonie funebri venissero negate dagli esponenti religiosi più estremisti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/04/2017 12:19:00 INDONESIA
    Elezioni del governatore a Jakarta, l’appello dei leader religiosi per la democrazia

    La conferenza stampa congiunta di sette associazioni di diverse confessioni. I membri invitati ad usare i propri diritti civili senza indugi e a rispettare l'esito delle elezioni di domani. In campagna elettorale la religione sfruttata e manipolata dai gruppi estremisti islamici.



    06/04/2017 15:14:00 INDONESIA
    I cittadini di Jakarta condannano l’uso della religione per fini politici

    I gruppi estremisti islamici tentano di condizionare le elezioni. Gli elettori condannano la manipolazione della religione per fini politici. Zulkifli Hasan, capo dell'Assemblea consultiva popolare: “Sbagliato usare la religione per promuovere l’incitamento all'odio e il risentimento”. Budi Arie Setiadji: “Le questioni settarie hanno consumato la nostra energia”



    06/06/2016 11:09:00 INDONESIA
    Governatore di Jakarta: No al velo islamico obbligatorio nelle scuole

    Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama, cristiano, ha parlato a 1700 presidi della metropoli affermando che ogni studente è libero di scegliere quali indumenti indossare: “I musulmani non possono costringere tutti gli altri a seguire i loro precetti”.

     



    12/07/2017 11:13:00 INDONESIA
    Jakarta, approvata la legge che vieta i gruppi islamisti radicali

    La visione politica dei movimenti islamisti contraddice i valori della Pancasila. I gruppi sono responsabili di mesi di tensioni politiche. Hizbut Tahir Indonesia (HTI) è tra gli obiettivi principali del decreto. Il ministro Wiranto dichiara che la delibera mira a proteggere l'unità e l'esistenza dell'Indonesia come nazione. Nel Paese aumentano di episodi di intolleranza e settarismo.



    16/02/2017 08:57:00 INDONESIA
    Elezioni a Jakarta: la carica di governatore si deciderà al ballottaggio

    Al primo turno il governatore uscente “Ahok”, cristiano e al centro di una vicenda di blasfemia, ha conquistato il 43% dei voti. Il rivale islamico Baswedan si è fermato poco sotto la soglia del 40%. Decisivo il 17% dei voti conquistato dal figlio maggiore dell’ex presidente Yudhoyono. Il voto si è svolto senza incidenti. Attesa per il ballottaggio del 19 aprile. 

     





    In evidenza

    ISRAELE-PALESTINA
    Nuovo vicario di Gerusalemme: giovani e scuola, futuro di pace e speranza



    Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo sottolinea l’importanza dell’istruzione per garantire l’avvenire delle nuove generazioni. La Chiesa segno di “unità” in un contesto “segnato dalle divisioni” e ponte nel dialogo fra le fedi. Dall’euforia per la pace alla rassegnazione per un conflitto permanente. Un appello ai cristiani d’Occidente: venite pellegrini in Terra Santa.


    NEPAL
    Al via la mattanza di animali per la festa di Dashain. Protestano buddisti e animalisti

    Christopher Sharma

    La festività dura 15 giorni ed è la più importante del Nepal. Gli amanti degli animali presidiano i templi e tentano di sensibilizzare gli indù. La puzza delle carcasse in decomposizione avvolge le case intorno ai luoghi di culto. La polizia schierata per evitare scontri.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®