Skin ADV
09 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/06/2012, 00.00

    ASIA - UE

    Negative le borse asiatiche. Si raffredda l'euforia sulla Spagna e si teme per Italia e Grecia



    Le borse scendono quasi tutte dell'1%. Mancanza di impegni sulla crescita. Per la Cina gli aiuti alla Spagna frenano la crisi a breve termine, ma non salvaguardano la stabilità. Il 17 giugno si vota in Grecia per o contro l'euro.

    Hong Kong (AsiaNews) - Le borse asiatiche hanno aperto tutte in negativo quasi dell'1%, dopo la leggera euforia di ieri, nella speranza che i prestiti di 100 miliardi di euro alla Spagna avrebbero segnato un inizio di soluzione al debito europeo.

    Ieri però i buoni del tesoro spagnolo sono saliti del 6,5% e quelli a 10 anni dell'Italia sono andati a 6,032%.

    Oggi la borsa di Tokyo è scesa dell'1%; quella di Shanghai ed Hong Kong dello 0,8;  Seoul a meno 0,9. Tutte le azioni di compagnie che commerciano con l'Europa sono scese circa del 2%.

    I timori degli analisti è che la crisi europea si diffonda sempre più e che l'Unione sta facendo molto per prestare moneta alle banche, ma fa poco per la crescita. Ieri sono andate in negativo anche le borse negli Usa e in Europa.

    Ad accrescere insicurezza vi è il voto del 17 giugno in Grecia, dopo un'inconcludente elezione lo scorso 6 maggio, incapace di produrre un governo che diriga il Paese in un regime di austerità secondo i dettami della Ue. Le prossime elezioni greche  sembrano caratterizzarsi come quelle decisive per rimanere o uscire dall'area dell'euro.

    La Cina, alla quale l'Europa si è spesso rivolta per un sostegno finanziario, ma inutilmente, ha dichiarato che la mossa della Ue verso la Spagna serve per frenare la crisi a breve termine, ma occorrono azioni più decisive per salvaguardare una stabilità  più continua.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/03/2012 ASIA - GRECIA
    Salgono le borse asiatiche dopo l'accordo sul debito della Grecia
    In crescita Hong Kong, Shanghai, Tokyo, Seoul, Singapore, Mumbai. Il piano di ristrutturazione del debito sovrano in Grecia è stato accolto dal 95% dei creditori. Nuovi prestiti ad Atene per 130 miliardi di euro. Forti problemi per la popolazione, ma salve le banche greche. Il Fondo monetario internazionale non è "pessimista".

    14/11/2011 ASIA-ITALIA
    Salgono le borse asiatiche, sperando sull’Italia e Mario Monti
    Hong Kong a più 2,4; Tokyo a più 1,21; Seoul a più 2,11. Per gli analisti ciò è dovuto alla nomina del nuovo premier italiano, che saprà frenare le falle del debito sovrano in Italia e in Europa. Ma molti si domandano se questo “sequestro” della sovranità nazionale non sia in funzione di un governo mondiale della finanza internazionale.

    16/05/2012 ASIA
    Le paure sulla Grecia e i non prestiti cinesi fanno scendere le borse asiatiche
    Segni negativi a Hong Kong (-2,7); Tokyo (-0,8); Shanghai (-0,4); Seoul (-1,3). C'è l'influenza per le nuove elezioni in Grecia e la sua possibile uscita dall'eurozona, ma anche il timore che la Cina non offra prestiti. Banche cinesi, PetroChina e perfino il gioco d'azzardo sono in crisi.

    06/12/2011 ASIA - EUROPA
    Standard & Poor’s e le banche europee contro l’euro
    L’agenzia di rating avverte della possibile abbassamento del livello del credito per 15 Paesi, fra cui Germania e Francia. Eppure l’economia europea è cresciuta in questi tre mesi. S&P sembra interessarsi meno alla crisi di Usa e Giappone. Le banche europee svendono euro.

    07/05/2012 ASIA-EUROPA
    Cadono le borse asiatiche dopo le elezioni in Francia e Grecia
    Tokyo a -2,75%; Hong Kong a -2,43; Seoul a -1,81; Shanghai a -0,26: i valori più bassi in sei mesi. L'euro scende al valore più basso da gennaio. Si teme che le vittorie dei partiti anti-austerità possano rivedere i programmi di risanamento del debito pubblico creando divisione nell'eurozona. Dal 2009-2010 sono cambiati i governi in Spagna, Italia, Irlanda, Gran Bretagna, Portogallo, Danimarca, oltre a Francia e Grecia. Segnali di cambiamento anche in Germania.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®