17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/05/2017, 13.39

    ISRAELE - PALESTINA

    Nel giorno della sua 'riunificazione', Gerusalemme è più divisa che mai



    Israeliani marciano per ricordare la presa dell’area est durante la Guerra dei sei giorni. Alcuni attivisti e palestinesi cercano di fermare la marcia, fermati dalla polizia. Scontri dentro e intorno alla Spianata delle moschee. Peace Now: usare il Monte del Tempio per motivi politici è un’altra form di colonizzazione, la maggioranza degli israeliani si oppongono a queste celebrazioni.

    Gerusalemme (AsiaNews) – Gerusalemme è stata ieri teatro di scontri e tensioni fra attivisti israeliani – sia di destra, che contro l’occupazione – e la polizia nello scenario dell’annuale “Jerusalem day”, al 50mo anniversario. In questo giorno gli israeliani ricordano la “riunificazione” di Gerusalemme, con la conquista dell’area est della città, strappata durante la Guerra dei sei giorni (5-10 giugno 1967) alla Giordania.

    La polizia afferma che hanno partecipato in 60mila alla tradizionale marcia con le bandiere che passa anche attraverso la Porta di Damasco, nel quartiere islamico della Città vecchia.

    Centinaia di attivisti e palestinesi hanno cercato di impedire la marcia, chiedendo la fine delle violenze e dell’odio, per poi essere allontanati a forza dalla polizia. Fra di essi, circa 50 attivisti israeliani e stranieri di IfNotNow, Ong israeliana che si oppone all’occupazione. “Sono qui perché è importante dimostrare la differenza fra sostenere Israele e sostenere l’occupazione”, ha detto una di loro. “Quando la polizia libera l’area per farli marciare e urlare ‘Morte agli arabi’ non posso identificarmi con il popolo ebraico”. Secondo l’Ong alcuni attivisti sarebbero rimasti feriti.

    Momenti di alta tensione ci sono stati, come spesso capita, nella Spianata delle moschee (dagli ebrei chiamata “Monte del Tempio”): 10 giovani attivisti integralisti del movimento “Returning to the Mountain” sono entrati nella Spianata per pregare, cosa vietata dallo Status quo, che riconosce l’area come luogo sacro islamico, il terzo per importanza per i fedeli musulmani. I giovani sono stati poi fermati dalla polizia. Il gruppo ha rilasciato una dichiarazione, chiedendo al governo di prendere il controllo della Spianata delle moschee e restituire il diritto agli ebrei di pregarvi: “Cinquant’anni dopo aver liberato il Monte del Tempio, la polizia israeliana si comporta come un regime giordano e arresta gli ebrei perché osano inchinarsi al più sacro luogo per il popolo ebraico”.

    Tensioni sono scoppiate anche appena fuori l’area, quando un gruppo di israeliani è uscito dalla Spianata cantando l’inno nazionale israeliano. La polizia israeliana afferma che alcune guardie dell’autorità islamica che amministra la spianata, Waqf, avrebbero cercato di attaccare i manifestanti. Un video dell’incidente mostra la polizia scontrarsi con le guardie islamiche. In seguito, i visitatori sono stati allontanati e tre guardie Waqf arrestate.

    Intervistata da AsiaNews, Anat Ben Nun, direttrice delle relazioni esterne dell’Ong israeliana PeaceNow, commenta: “Per quanto il governo cerchi di accelerare la cosiddetta ‘riunificazione’, Gerusalemme è completamente divisa. Questi non sono territori liberati, ma occupati”. Questo 27 maggio, PeaceNow terrà a Tel Aviv una manifestazione intitolata “Due Stati, Una Speranza” contro l’occupazione, afferma Anat: “Dimostreremo che gli israeliani si oppongono a questo genere di celebrazioni, che vedono la vittoria del 1967 come una vittoria ‘amara’, che è risultata nel deterioramento della democrazia e dei valori di Israele. “Quelli che hanno marciato – continua – sono un piccolo segmento del popolo israeliano. Le persone vogliono la soluzione dei due Stati”.

    Per l’attivista, il Monte del Tempio è un argomento “delicato” e “infiammabile”: “Usarlo per motivi politici è un’altra forma di colonizzazione, piuttosto che una questione religiosa. Il governo israeliano deve agire con responsabilità, piuttosto che in una maniera che potrebbe ‘accendere’ la città e la regione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/07/2017 08:21:00 ISRAELE-PALESTINA
    Israele toglie i metal detector dalla Spianata delle moschee

    Lo smantellamento avvenuto stamane prima dell’alba. Al loro posto Netanyahu propone nuove “tecnologie avanzate” di controllo. Il Consiglio di sicurezza dell’Onu aveva chiesto di trovare una soluzione entro venerdì. Inviato Onu per il Medio oriente: questi eventi possono creare catastrofi ben oltre il Medio oriente.



    22/07/2017 08:50:00 ISRAELE – PALESTINA
    Proteste a Gerusalemme: centinaia di palestinesi feriti e tre morti

    La tensione era stata alta sin dalla mattina. Gli scontri sono esplosi dopo la preghiera, scatenati dal lancio di granate stordenti da parte della polizia per separare i gruppi di manifestanti. Le vittime avevano fra i 18 e i 20 anni. In serata, un palestinese ha accoltellato a morte tre coloni perché “non c’è vita dopo quello che ho visto ad al-Aqsa”.



    24/07/2017 08:21:00 GIORDANIA-ISRAELE
    Ambasciata di Israele ad Amman: due giordani uccisi e un israeliano ferito

    Le forze di sicurezza di Amman hanno sigillato e messo sotto controllo il quartiere. Poche notizie date dalla polizia giordana. Il ministero israeliano degli esteri pone la censura sull’accaduto. L’appello di papa Francesco.



    28/07/2017 09:09:00 ISRAELE - PALESTINA
    I palestinesi tornano a pregare ad al-Aqsa, ma la tensione resta alta

    Israele ha rimosso tutte le misure di sicurezza imposte due settimane fa. Esplosi alcuni scontri con la polizia. Si temono altre violenze quest’oggi. Netanyahu: “Tempo di considerare la pena di morte per i terroristi”.



    14/07/2017 09:15:00 ISRAELE - PALESTINA
    Sparatoria a Gerusalemme: tre palestinesi morti e tre israeliani feriti

    I tre assalitori palestinesi hanno aperto il fuoco alle 7:00, ferendo i tre poliziotti israeliani, per poi essere uccisi. Non sono ancora conosciute le identità.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®