26 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/01/2008
NEPAL
Nell'ex monarchia indù, il Natale diventa festa nazionale
di Kalpit Parajuli
Il parlamento ha approvato 4 nuove feste, di diverse minoranze religiose od etniche. Soddisfazione ma anche il commento che è solo un primo passo. Le reazioni di islamici, buddisti e altre minoranze.

Kathmandu (AsiaNews) – Per la prima volta, il governo nepalese ha riconosciuto 4 feste delle minoranze religiose od etniche, tra cui il Natale. La nuova legge, approvata proprio pochi giorni dopo il Natale, ha riconosciuto, oltre al Natale, un giorno di festa per gli islamici; la festa nepalese Lhosar (“nuovo anno”) degli Janajati e di vari gruppi etnici; quella della gente Madhesi chiamata Chhad.

La festa Lhosar ha una grande importanza culturale, prima che religiosa, per le minoranze nepalesi, specie per i gruppi etnici Gurung (nella foto: un momento della festa tra i Gurung) e Tamang. Per i Madhesi il Chhad ha un significato sia religioso che culturale.Questa richiesta è stata avanzata dalle minoranze sin da quando il Nepal è stato dichiarato un Paese secolare: prima era una monarchia induista che riconosceva le feste indù e la sola festa buddista del Buddha Jayanti, la ricorrenza della nascita di Buddha.

Grande soddisfazione tra le minoranze. Hasina Khan, segretario della Federazione nepalese donne islamiche, ha detto ad AsiaNews che “anche se un giorno non è sufficiente per le nostre feste annuali, siamo felici almeno per questo primo riconoscimento.”

Più critico Om Gurung, presidente della Federazione Janajati del Nepal, che si è detto “felice per la festa Lhosar, ma quasi tutte le nostre altre richieste sono rimaste inascoltate”.

La suora buddista Ananda, che siede in parlamento, ha commentato: “In ogni caso, con questa decisione il Paese sembra spostarsi da un dominio indù e prendere in considerazione l’intera Nazione”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/01/2007 NEPAL
Con i maoisti al governo “muore la teocrazia indù”
di Prakash Dubey
26/01/2007 NEPAL
Buddha scalza Vishnu dalle nuove banconote nepalesi
di Prakash Dubey
03/08/2007 INDIA
Gujarat: tra pochi giorni ci sarà una legge anti-conversioni
di Nirmala Carvalho
26/10/2011 NEPAL-ASSISI 2011
Il Nepal attende da Assisi 2011 un messaggio di pace e armonia per il Paese
di Kalpit Parajuli
31/07/2008 NEPAL
Dopo la morte di p. Prakash, minacce ed estorsioni a cattolici nepalesi
di Kalpit Parajuli

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate