29 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/01/2008
NEPAL
Nell'ex monarchia indù, il Natale diventa festa nazionale
di Kalpit Parajuli
Il parlamento ha approvato 4 nuove feste, di diverse minoranze religiose od etniche. Soddisfazione ma anche il commento che è solo un primo passo. Le reazioni di islamici, buddisti e altre minoranze.

Kathmandu (AsiaNews) – Per la prima volta, il governo nepalese ha riconosciuto 4 feste delle minoranze religiose od etniche, tra cui il Natale. La nuova legge, approvata proprio pochi giorni dopo il Natale, ha riconosciuto, oltre al Natale, un giorno di festa per gli islamici; la festa nepalese Lhosar (“nuovo anno”) degli Janajati e di vari gruppi etnici; quella della gente Madhesi chiamata Chhad.

La festa Lhosar ha una grande importanza culturale, prima che religiosa, per le minoranze nepalesi, specie per i gruppi etnici Gurung (nella foto: un momento della festa tra i Gurung) e Tamang. Per i Madhesi il Chhad ha un significato sia religioso che culturale.Questa richiesta è stata avanzata dalle minoranze sin da quando il Nepal è stato dichiarato un Paese secolare: prima era una monarchia induista che riconosceva le feste indù e la sola festa buddista del Buddha Jayanti, la ricorrenza della nascita di Buddha.

Grande soddisfazione tra le minoranze. Hasina Khan, segretario della Federazione nepalese donne islamiche, ha detto ad AsiaNews che “anche se un giorno non è sufficiente per le nostre feste annuali, siamo felici almeno per questo primo riconoscimento.”

Più critico Om Gurung, presidente della Federazione Janajati del Nepal, che si è detto “felice per la festa Lhosar, ma quasi tutte le nostre altre richieste sono rimaste inascoltate”.

La suora buddista Ananda, che siede in parlamento, ha commentato: “In ogni caso, con questa decisione il Paese sembra spostarsi da un dominio indù e prendere in considerazione l’intera Nazione”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/01/2007 NEPAL
Con i maoisti al governo “muore la teocrazia indù”
di Prakash Dubey
26/01/2007 NEPAL
Buddha scalza Vishnu dalle nuove banconote nepalesi
di Prakash Dubey
03/08/2007 INDIA
Gujarat: tra pochi giorni ci sarà una legge anti-conversioni
di Nirmala Carvalho
26/10/2011 NEPAL-ASSISI 2011
Il Nepal attende da Assisi 2011 un messaggio di pace e armonia per il Paese
di Kalpit Parajuli
31/07/2008 NEPAL
Dopo la morte di p. Prakash, minacce ed estorsioni a cattolici nepalesi
di Kalpit Parajuli

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate