28 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/01/2008, 00.00

    NEPAL

    Nell'ex monarchia indù, il Natale diventa festa nazionale

    Kalpit Parajuli

    Il parlamento ha approvato 4 nuove feste, di diverse minoranze religiose od etniche. Soddisfazione ma anche il commento che è solo un primo passo. Le reazioni di islamici, buddisti e altre minoranze.

    Kathmandu (AsiaNews) – Per la prima volta, il governo nepalese ha riconosciuto 4 feste delle minoranze religiose od etniche, tra cui il Natale. La nuova legge, approvata proprio pochi giorni dopo il Natale, ha riconosciuto, oltre al Natale, un giorno di festa per gli islamici; la festa nepalese Lhosar (“nuovo anno”) degli Janajati e di vari gruppi etnici; quella della gente Madhesi chiamata Chhad.

    La festa Lhosar ha una grande importanza culturale, prima che religiosa, per le minoranze nepalesi, specie per i gruppi etnici Gurung (nella foto: un momento della festa tra i Gurung) e Tamang. Per i Madhesi il Chhad ha un significato sia religioso che culturale.Questa richiesta è stata avanzata dalle minoranze sin da quando il Nepal è stato dichiarato un Paese secolare: prima era una monarchia induista che riconosceva le feste indù e la sola festa buddista del Buddha Jayanti, la ricorrenza della nascita di Buddha.

    Grande soddisfazione tra le minoranze. Hasina Khan, segretario della Federazione nepalese donne islamiche, ha detto ad AsiaNews che “anche se un giorno non è sufficiente per le nostre feste annuali, siamo felici almeno per questo primo riconoscimento.”

    Più critico Om Gurung, presidente della Federazione Janajati del Nepal, che si è detto “felice per la festa Lhosar, ma quasi tutte le nostre altre richieste sono rimaste inascoltate”.

    La suora buddista Ananda, che siede in parlamento, ha commentato: “In ogni caso, con questa decisione il Paese sembra spostarsi da un dominio indù e prendere in considerazione l’intera Nazione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/01/2007 NEPAL
    Con i maoisti al governo “muore la teocrazia indù”
    Un attivista cristiano spiega ad AsiaNews che la trasformazione del Nepal in Stato laico pone fine alla monarchia per diritto divino. Critiche alla Costituzione, che deve riconoscere i diritti dell’etnia madhese, di origine indiana: il rischio è una nuova ondata di violenza.

    03/08/2007 INDIA
    Gujarat: tra pochi giorni ci sarà una legge anti-conversioni
    Il governo del Bjp vuole far “rivivere” una legge approvata nel 2003 ma mai entrata in vigore per le ampie proteste allora insorte. Chi cambia religione dovrà prima avvertire il governo. Analisti: è una mossa politica, per acquistare il favore dei nazionalisti indù per le vicine elezioni.

    26/01/2007 NEPAL
    Buddha scalza Vishnu dalle nuove banconote nepalesi
    Il nuovo governo ad interim ha annunciato il conio di nuovo denaro nazionale, su cui appariranno Buddha, l’Everest ed una principessa locale, moglie di un imperatore cinese. Un sacerdoti indù commenta: “Meglio Buddha di Mao o Marx”.

    26/10/2011 NEPAL-ASSISI 2011
    Il Nepal attende da Assisi 2011 un messaggio di pace e armonia per il Paese
    I maggiori leader religiosi nepalesi si uniscono spiritualmente a Benedetto XVI nel suo pellegrinaggio di domani alla città di San Francesco. Il vescovo protestante: “Mentre il Papa sta pregando per la pace nel mondo e fa appello ai leader religiosi per l’amore e l’armonia, il Nepal dovrebbe imparare da lui per mantenere la pace nel Paese”.

    31/07/2008 NEPAL
    Dopo la morte di p. Prakash, minacce ed estorsioni a cattolici nepalesi
    I criminali annunciano nuovi attacchi contro i fedeli e le istituzioni religiose. Si sospettano fondamentalisti indù. Il vicario apostolico si rivolge al Ministro dell’interno per avere maggiore “protezione e sicurezza” per tutta la comunità cristiana.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®