19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/09/2016, 12.54

    ARABIA SAUDITA - IRAN

    Nella guerra fra Arabia Saudita e Iran l’uso della religione come arma politica



    Nuovo capitolo dello scontro fra le due anime dell’islam. Gran muftì saudita: gli iraniani “non sono musulmani”. Ministro degli Esteri di Teheran: sauditi wahhabiti “predicatori” del terrorismo. A innescare la controversia la mancata partecipazione dei pellegrini iraniani all’Hajj. Sullo sfondo la lotta per la supremazia nell’islam e in Medio oriente. 

     

    Riyadh (AsiaNews/Agenzie) - Oggi si registra un nuovo capitolo della guerra - non solo verbale - fra Riyadh e Teheran; uno scontro alimentato dalla mancata partecipazione degli iraniani all’Hajj, il pellegrinaggio maggiore, e che si inserisce nel contesto di un più ampio conflitto politico e religioso fra le due grandi potenze del Medio oriente. Il capo della diplomazia iraniana Mohammad Javad Zarif ha accusato le autorità saudite di “fanatismo”; in precedenza, il gran muftì dell’Arabia Saudita Abdul Aziz Al Sheikh aveva definito gli iraniani “non musulmani”. 

    Ad innescare il nuovo fronte di scontro l’invettiva lanciata il 5 settembre scorso dal grande ayatollah Ali Khamenei, guida suprema iraniana e dell’islam sciita, che aveva definito i sauditi “infedeli e blasfemi, piccoli satana nelle mani degli Usa”. Parole al vetriolo pronunciate a pochi giorni dall’inizio del pellegrinaggio maggiore, l'Hajj, cui per la prima volta in 30 anni non parteciperanno cittadini iraniani per una controversia (irrisolta) fra Teheran e Riyadh sul rilascio dei visti e i voli diretti fra i due Paesi. 

    Intervenendo nella controversia, ieri il più importante leader religioso saudita ha affermato che le accuse di Khamenei “non sono fonte di sorpresa”, perché provengono da “figli di Magi”, con un riferimento alla religione zoroastriana, un tempo dominante in Iran. “Dobbiamo capire - ha aggiunto Abdul Aziz Al Sheikh - che non sono musulmani” e “la loro ostilità” verso il vero islam “è datata nel tempo” e si concentra in particolare “sul popolo della Tradizione [i sunniti]”. 

    Alle parole del gran muftì saudita ha replicato il ministro iraniano degli Esteri Javad Zarif, sottolineando le profonde differenze fra “l’islam degli iraniani e della maggior parte dei musulmani, rispetto all’estremismo fanatico” del mondo wahhabita (saudita). Essi sono, ha aggiunto, i veri “predicatori” del terrorismo. 

    Dietro allo scontro sulla partecipazione al pellegrinaggio maggiore si gioca dunque la divisione profonda fra le due grandi anime dell’islam, sunnita e sciita, le quali non disdegnano l’uso della religione nella lotta politica. E anche all’interno della stessa sunna vi sono diverse visioni e posizioni, sebbene di recente sia emersa una linea comune che giudica il wahhabismo una “deformazione” dell’islam che porta all’estremismo e al terrorismo. 

    Iran (sciita al 95% circa) e Arabia Saudita (sunnita per il 90%) sono su fronti opposti in molte delle più importanti questioni che agitano lo scacchiere mediorientale, dal conflitto siriano alla guerra in Yemen. Ad acuire la tensione l’esecuzione di un dignitario sciita nel regno a inizio anno, cui è seguito l’assalto all’ambasciata saudita in Iran e la chiusura della rappresentanza diplomatica. 

    Inoltre, i rapporti fra le due potenze del mondo musulmano erano già ai minimi storici dal mese di settembre 2015, in seguito al drammatico incidente avvenuto nell’ultimo pellegrinaggio alla Mecca. Una tragica rissa a Mina, nei pressi della Mecca, aveva causato migliaia di vittime, 2070 secondo una statistica della Reuters. L’Iran aveva accusato le autorità saudite di “cattiva gestione” e “incompetenza”, ipotizzando che l’incidente fosse premeditato.

    L’Hajj (pellegrinaggio) è considerato uno dei cinque pilastri dell’Islam e ogni buon musulmano dovrebbe compierlo almeno una volta nella vita. L’Arabia Saudita ha spesso usato in modo politico il permesso di giungere alla Mecca; da anni ai siriani è vietato recarsi nella città santa musulmana.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/09/2016 14:24:00 IRAN - ARABIA SAUDITA
    Khamenei contro i sauditi: "Infedeli e blasfemi, piccoli satana nelle mani degli Usa"

    Alla vigilia del pellegrinaggio maggiore dell'Hajj, cui sono esclusi i fedeli iraniani, il grande ayatollah iraniano attacca la leadership di Riyadh. Egli lancia un appello ai musulmani perché riflettano “sulla gestione dei luoghi sacri”. Sullo sfondo lo scontro fra Iran e Arabia Saudita per la supremazia in Medio oriente (e nell’islam). 



    03/11/2009 ARABIA SAUDITA – IRAN
    Re Abdullah avverte Khamenei: no alla “politicizzazione” del pellegrinaggio alla Mecca
    Il "Custode" dei luoghi santi dell’islam sottolinea che non verranno tollerate manifestazioni di protesta o attività che mettano a repentaglio la sicurezza dei fedeli. Un riferimento – senza citarlo – alla Guida suprema iraniana, che ha invitato i pellegrini sciiti a dimostrare contro l’Occidente e le guerre in Iraq, Afghanistan, Palestina e Pakistan.

    18/03/2017 09:13:00 ARABIA SAUDITA - IRAN
    Accordo con Riyadh: via libera per gli iraniani pellegrini alla Mecca

    Sembra superata la crisi dello scorso anno, che ha bloccato i viaggi dei fedeli iraniani al luogo sacro dell’islam. Al pellegrinaggio maggiore prevista la partecipazione di almeno 80mila cittadini della Repubblica islamica. Ministro iraniano degli Esteri: Relazioni “costruttive” con i Paesi dell’area, compresa l’Arabia Saudita.



    30/05/2016 11:15:00 ARABIA SAUDITA - IRAN
    Fallita l’ultima trattativa fra Riyadh e Teheran. Nessun pellegrino iraniano all’Hajj

    Per la prima volta in 30 anni nessun cittadino della Repubblica islamica parteciperà al pellegrinaggio maggiore. Per l’Iran gli “ostacoli” frapposti sono insormontabili, Riyadh vuole “bloccare il cammino che conduce ad Allah”. Per i sauditi le condizioni poste da Teheran sono “inaccettabili”. 



    26/05/2016 08:59:00 ARABIA SAUDITA - IRAN
    Riyadh: colloqui “positivi” con Teheran per i pellegrini iraniani all’Hajj

    Nuovo incontro ieri fra la delegazione iraniana e una rappresentanza saudita. Al centro delle trattative le modalità di rilascio dei visti e di ingresso nel Paese dei pellegrini iraniani. Attesa entro i prossimi giorni la firma dell’accordo. Resta alta la tensione diplomatica fra le due potenze regionali.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®