8 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/06/2012
NEPAL
Nepal, cattolici e protestanti dicono no agli aborti selettivi
di Kalpit Parajuli
Le interruzioni di gravidanza in basse al sesso sono in aumento a causa della crisi economica e il caos istituzionale. Organizzazioni straniere spingono le famiglie più povere a scegliere aborto e sterilizzazione volontaria. In pochi anni il tasso di fertilità è sceso dal 4,1 al 3,3.

Kathmandu (AsiaNews) - A causa della crisi economica e dell'instabilità politica e sociale si diffonde la pratica degli aborti selettivi illegali fra le famiglie nepalesi. In questi giorni, leader religiosi cristiani e indù, medici e attivisti pro-life hanno lanciato un appello al governo per porre fine a questa pratica vietata dal codice e punita con il carcere. A tutt'oggi non si hanno dati ufficiali, ma fonti locali sottolineano che diverse organizzazioni e operatori sociali stranieri stanno sfruttando il caos politico per diffondere il ricorso all'aborto selettivo fra le famiglie più povere.

L'interruzione della gravidanza è legale dal 2002 per i casi in cui vi è un rischio per la salute della donna o del bambino, in caso di stupro, o se la donna non è capace di intendere e volere. L'aborto selettivo o forzato è illegale. Nelle aree rurali molte organizzazioni non governative straniere hanno diffuso la cultura della contraccezione e della sterilizzazione volontaria per combattere la povertà. Dal 2006 a oggi almeno una donna su 10 fa ricorso a interruzioni di gravidanza o utilizzo di pillole abortive e contraccettive. Dal 2001 al 2006 il tasso di fertilità è passato dal 4,1 al 3,3.

Cattolici, protestanti tentano da anni di ostacolare il ricorso all'aborto e alla selezione dei feti in base al sesso. Achala Baidhaya, donna e medico cristiano, spiega "che favorire  l'interruzione della gravidanza, è una minaccia per il futuro della società nepalese". La donna sottolinea che in molte regioni vi è ancora la credenza indù che se una coppia non ha figli maschi non godrà del paradiso. Tale tradizione unita alle difficoltà economiche spinge le famiglie a scegliere l'aborto selettivo. Suni Achrya, anch'egli medico, spiega che spesso sono i mariti a costringere le moglie ad abortire. L'operazione viene condotta nella maggior parte dei casi in strutture non attrezzate e provoca gravi danni alla salute alle donne, sia sul piano fisico che psicologico.  

Secondo K.B. Rokaya, pastore protestante e attivista per i diritti umani "l'aborto è una pratica criminale che va condannata. "Un bambino - afferma - è un dono di Dio ed ha diritto a nascere. Il governo deve applicare la legge e incentivare politiche di sostegno alle famiglie".

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/05/2013 NEPAL
Associazione medici nepalesi: No all'aborto e alla cultura della morte
di Kalpit Parajuli
18/04/2013 NEPAL
Nepal, aborti forzati per controllare le minoranze religiose
di Kalpit Parajuli
21/11/2012 NEPAL
Kathmandu: cristiani, musulmani, indù e buddisti contro aborto e violenze sui minori
di Kalpit Parajuli
21/02/2012 NEPAL
Nepal: acqua putrida, scabbia e sporcizia rovinano la festa del dio Shiva
di Kalpit Parajuli
26/06/2006 cina
Pechino, per l'Assemblea nazionale sono legali gli aborti selettivi

In evidenza
IRAQ-EUROPA
Arcivescovo di Baghdad: Persecuzione dei cristiani, frutto del fondamentalismo e del calcolo politico internazionale
di Jean Benjamin Sleiman*Le persecuzioni hanno degli esecutori, ma vi sono pure dei mandanti e degli sponsor che non si vedono. Esse rispondono a progetti politici e non sono solo frutto della fiamma dell’intolleranza religiosa. Per mons. Sleiman, con le violenze contro i cristiani si sta attuando un programma di disgregazione dell’Iraq e del Medio oriente. Occorre fermare le violenze, ridare ai cristiani piena cittadinanza, riaffermare lo Stato come garante della convivenza. L’intervento dell’arcivescovo di Baghdad dei latini al Parlamento europeo.
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate