23 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/06/2012
NEPAL
Nepal, cattolici e protestanti dicono no agli aborti selettivi
di Kalpit Parajuli
Le interruzioni di gravidanza in basse al sesso sono in aumento a causa della crisi economica e il caos istituzionale. Organizzazioni straniere spingono le famiglie più povere a scegliere aborto e sterilizzazione volontaria. In pochi anni il tasso di fertilità è sceso dal 4,1 al 3,3.

Kathmandu (AsiaNews) - A causa della crisi economica e dell'instabilità politica e sociale si diffonde la pratica degli aborti selettivi illegali fra le famiglie nepalesi. In questi giorni, leader religiosi cristiani e indù, medici e attivisti pro-life hanno lanciato un appello al governo per porre fine a questa pratica vietata dal codice e punita con il carcere. A tutt'oggi non si hanno dati ufficiali, ma fonti locali sottolineano che diverse organizzazioni e operatori sociali stranieri stanno sfruttando il caos politico per diffondere il ricorso all'aborto selettivo fra le famiglie più povere.

L'interruzione della gravidanza è legale dal 2002 per i casi in cui vi è un rischio per la salute della donna o del bambino, in caso di stupro, o se la donna non è capace di intendere e volere. L'aborto selettivo o forzato è illegale. Nelle aree rurali molte organizzazioni non governative straniere hanno diffuso la cultura della contraccezione e della sterilizzazione volontaria per combattere la povertà. Dal 2006 a oggi almeno una donna su 10 fa ricorso a interruzioni di gravidanza o utilizzo di pillole abortive e contraccettive. Dal 2001 al 2006 il tasso di fertilità è passato dal 4,1 al 3,3.

Cattolici, protestanti tentano da anni di ostacolare il ricorso all'aborto e alla selezione dei feti in base al sesso. Achala Baidhaya, donna e medico cristiano, spiega "che favorire  l'interruzione della gravidanza, è una minaccia per il futuro della società nepalese". La donna sottolinea che in molte regioni vi è ancora la credenza indù che se una coppia non ha figli maschi non godrà del paradiso. Tale tradizione unita alle difficoltà economiche spinge le famiglie a scegliere l'aborto selettivo. Suni Achrya, anch'egli medico, spiega che spesso sono i mariti a costringere le moglie ad abortire. L'operazione viene condotta nella maggior parte dei casi in strutture non attrezzate e provoca gravi danni alla salute alle donne, sia sul piano fisico che psicologico.  

Secondo K.B. Rokaya, pastore protestante e attivista per i diritti umani "l'aborto è una pratica criminale che va condannata. "Un bambino - afferma - è un dono di Dio ed ha diritto a nascere. Il governo deve applicare la legge e incentivare politiche di sostegno alle famiglie".

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/05/2013 NEPAL
Associazione medici nepalesi: No all'aborto e alla cultura della morte
di Kalpit Parajuli
18/04/2013 NEPAL
Nepal, aborti forzati per controllare le minoranze religiose
di Kalpit Parajuli
21/11/2012 NEPAL
Kathmandu: cristiani, musulmani, indù e buddisti contro aborto e violenze sui minori
di Kalpit Parajuli
21/02/2012 NEPAL
Nepal: acqua putrida, scabbia e sporcizia rovinano la festa del dio Shiva
di Kalpit Parajuli
26/06/2006 cina
Pechino, per l'Assemblea nazionale sono legali gli aborti selettivi

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate