1 Febbraio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/06/2012
NEPAL
Nepal, cattolici e protestanti dicono no agli aborti selettivi
di Kalpit Parajuli
Le interruzioni di gravidanza in basse al sesso sono in aumento a causa della crisi economica e il caos istituzionale. Organizzazioni straniere spingono le famiglie più povere a scegliere aborto e sterilizzazione volontaria. In pochi anni il tasso di fertilità è sceso dal 4,1 al 3,3.

Kathmandu (AsiaNews) - A causa della crisi economica e dell'instabilità politica e sociale si diffonde la pratica degli aborti selettivi illegali fra le famiglie nepalesi. In questi giorni, leader religiosi cristiani e indù, medici e attivisti pro-life hanno lanciato un appello al governo per porre fine a questa pratica vietata dal codice e punita con il carcere. A tutt'oggi non si hanno dati ufficiali, ma fonti locali sottolineano che diverse organizzazioni e operatori sociali stranieri stanno sfruttando il caos politico per diffondere il ricorso all'aborto selettivo fra le famiglie più povere.

L'interruzione della gravidanza è legale dal 2002 per i casi in cui vi è un rischio per la salute della donna o del bambino, in caso di stupro, o se la donna non è capace di intendere e volere. L'aborto selettivo o forzato è illegale. Nelle aree rurali molte organizzazioni non governative straniere hanno diffuso la cultura della contraccezione e della sterilizzazione volontaria per combattere la povertà. Dal 2006 a oggi almeno una donna su 10 fa ricorso a interruzioni di gravidanza o utilizzo di pillole abortive e contraccettive. Dal 2001 al 2006 il tasso di fertilità è passato dal 4,1 al 3,3.

Cattolici, protestanti tentano da anni di ostacolare il ricorso all'aborto e alla selezione dei feti in base al sesso. Achala Baidhaya, donna e medico cristiano, spiega "che favorire  l'interruzione della gravidanza, è una minaccia per il futuro della società nepalese". La donna sottolinea che in molte regioni vi è ancora la credenza indù che se una coppia non ha figli maschi non godrà del paradiso. Tale tradizione unita alle difficoltà economiche spinge le famiglie a scegliere l'aborto selettivo. Suni Achrya, anch'egli medico, spiega che spesso sono i mariti a costringere le moglie ad abortire. L'operazione viene condotta nella maggior parte dei casi in strutture non attrezzate e provoca gravi danni alla salute alle donne, sia sul piano fisico che psicologico.  

Secondo K.B. Rokaya, pastore protestante e attivista per i diritti umani "l'aborto è una pratica criminale che va condannata. "Un bambino - afferma - è un dono di Dio ed ha diritto a nascere. Il governo deve applicare la legge e incentivare politiche di sostegno alle famiglie".

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/05/2013 NEPAL
Associazione medici nepalesi: No all'aborto e alla cultura della morte
di Kalpit Parajuli
18/04/2013 NEPAL
Nepal, aborti forzati per controllare le minoranze religiose
di Kalpit Parajuli
21/11/2012 NEPAL
Kathmandu: cristiani, musulmani, indù e buddisti contro aborto e violenze sui minori
di Kalpit Parajuli
21/02/2012 NEPAL
Nepal: acqua putrida, scabbia e sporcizia rovinano la festa del dio Shiva
di Kalpit Parajuli
26/06/2006 cina
Pechino, per l'Assemblea nazionale sono legali gli aborti selettivi

In evidenza
IRAQ
I bambini di Mosul e il futuro: il campo profughi "a cinque stelle"
di Bernardo CervelleraNel giardino della parrocchia di Mar Elia accanto alle tende ci sono container che servono da aule per i ragazzi e da biblioteca. Un altro serve da stanza per il ricamo. Un coro di bambini. P. Douglas: "preoccuparsi dei profughi non significa solo pensare al mangiare, al bere, alle medicine, le iniezioni, le vaccinazioni... Le persone rifugiate hanno bisogno di fare qualcosa e di coltivare la speranza".
IRAQ
Via Crucis: i profughi di Mosul oltre l'emergenza
di Bernardo CervelleraSono almeno mezzo milione le persone che si sono rifugiate in Kurdistan per sfuggire all'ISIS. Nello Shlama Mall a Erbil: 350 persone vivono nello scheletro di un edificio in costruzione, con panni stesi e coperte a fare da pareti. L'ordinazione sacerdotale di un giovane, anch'egli profugo dimostra che con la fuga, c'è qualcosa che non è stato distrutto: la fede, le tradizioni, il sacerdozio.
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate