10 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/06/2012, 00.00

    NEPAL

    Nepal, cattolici e protestanti dicono no agli aborti selettivi

    Kalpit Parajuli

    Le interruzioni di gravidanza in basse al sesso sono in aumento a causa della crisi economica e il caos istituzionale. Organizzazioni straniere spingono le famiglie più povere a scegliere aborto e sterilizzazione volontaria. In pochi anni il tasso di fertilità è sceso dal 4,1 al 3,3.

    Kathmandu (AsiaNews) - A causa della crisi economica e dell'instabilità politica e sociale si diffonde la pratica degli aborti selettivi illegali fra le famiglie nepalesi. In questi giorni, leader religiosi cristiani e indù, medici e attivisti pro-life hanno lanciato un appello al governo per porre fine a questa pratica vietata dal codice e punita con il carcere. A tutt'oggi non si hanno dati ufficiali, ma fonti locali sottolineano che diverse organizzazioni e operatori sociali stranieri stanno sfruttando il caos politico per diffondere il ricorso all'aborto selettivo fra le famiglie più povere.

    L'interruzione della gravidanza è legale dal 2002 per i casi in cui vi è un rischio per la salute della donna o del bambino, in caso di stupro, o se la donna non è capace di intendere e volere. L'aborto selettivo o forzato è illegale. Nelle aree rurali molte organizzazioni non governative straniere hanno diffuso la cultura della contraccezione e della sterilizzazione volontaria per combattere la povertà. Dal 2006 a oggi almeno una donna su 10 fa ricorso a interruzioni di gravidanza o utilizzo di pillole abortive e contraccettive. Dal 2001 al 2006 il tasso di fertilità è passato dal 4,1 al 3,3.

    Cattolici, protestanti tentano da anni di ostacolare il ricorso all'aborto e alla selezione dei feti in base al sesso. Achala Baidhaya, donna e medico cristiano, spiega "che favorire  l'interruzione della gravidanza, è una minaccia per il futuro della società nepalese". La donna sottolinea che in molte regioni vi è ancora la credenza indù che se una coppia non ha figli maschi non godrà del paradiso. Tale tradizione unita alle difficoltà economiche spinge le famiglie a scegliere l'aborto selettivo. Suni Achrya, anch'egli medico, spiega che spesso sono i mariti a costringere le moglie ad abortire. L'operazione viene condotta nella maggior parte dei casi in strutture non attrezzate e provoca gravi danni alla salute alle donne, sia sul piano fisico che psicologico.  

    Secondo K.B. Rokaya, pastore protestante e attivista per i diritti umani "l'aborto è una pratica criminale che va condannata. "Un bambino - afferma - è un dono di Dio ed ha diritto a nascere. Il governo deve applicare la legge e incentivare politiche di sostegno alle famiglie".

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/05/2013 NEPAL
    Associazione medici nepalesi: No all'aborto e alla cultura della morte
    Oltre 95mila aborti solo nel 2011. Ogni giorno circa 65 donne ricorrono all'interruzione volontaria della gravidanza. Cresce il dato fra le giovani di età inferiore ai 18 anni. I medici più giovani vedono nell'aborto una buona fonte di guadagno. Associazione nazionale dei medici chiede al governo una riforma per regolamentare il ricorso a tale pratica. Il rischio è una catastrofe sanitaria.

    18/04/2013 NEPAL
    Nepal, aborti forzati per controllare le minoranze religiose
    A denunciarlo è la National Women Commision, organizzazione governativa in difesa delle donne. Nei villaggi più poveri, i ginecologi filmano le sofferenze del travaglio del parto per convincere le donne ad abortire.

    21/11/2012 NEPAL
    Kathmandu: cristiani, musulmani, indù e buddisti contro aborto e violenze sui minori
    I leader denunciano le drammatiche condizioni dei bambini e delle donne minori nel Paese. In un giorno oltre 200 casi di aborto registrati dagli ambulatori. Più di 3 milioni le spose bambine censite in questi anni. L'appello è stato lanciato in occasione della Giornata Internazionale dei bambini, celebrata ieri nella Syambhunath stupa di Kathmandu.

    21/02/2012 NEPAL
    Nepal: acqua putrida, scabbia e sporcizia rovinano la festa del dio Shiva
    A causa dei tagli, le autorità del tempio di Pashupatinath (Kathmandu) hanno riempito l'acqua delle fontane per le abluzioni con l' acqua degli scarichi fognari. Per la prima volta dopo secoli, i guru indiani disertano la festa del Mahashivaratri.

    26/06/2006 cina
    Pechino, per l'Assemblea nazionale sono legali gli aborti selettivi

    Continua la paurosa sproporzione del sesso dei neonati: 119 maschi ogni 100 femmine. Al momento non vi è alcuna pena per chi pratica aborti solo sulla base del sesso del nascituro.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®