21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/06/2012, 00.00

    TIBET – CINA

    Nomade tibetano si autoimmola di fronte a una stazione di polizia



    Tamding Thar è morto poco dopo il gesto a causa delle gravi ustioni. A Chentsa, nella provincia di Quinghai, centinaia di persone scendono in piazza per protestare contro l’oppressione cinese.

    Lhasa (AsiaNews) -Continua la piaga delle autoimmolazioni dei tibetani contro l'oppressione del governo cinese. Ieri un nomade tibetano si è dato fuoco davanti a alla caserma di polizia di Chentsa (Malho) nella provincia di Qinghai. Decine di poliziotti hanno circondato Tamding Thar, 50 anni, spento le fiamme con estintore e condotto l'uomo in gravissime condizioni dentro la caserma, dove è morto poche ore dopo  a causa delle gravi ustioni riportate.

    Secondo fonti del Tibetan Center for Human Rights and Democracy (Tchrd), centinaia di persone si sono radunate davanti alla stazione di polizia finché le autorità non hanno restituito il corpo. Le proteste contro la morte di Thar si sono estese anche al resto della contea. Per evitare disordini le autorità hanno schierato decine di poliziotti nelle piazza e intorno agli edifici governativi.

    Nato nel villaggio di Lowa vicino alla città di Chentsathang, l'uomo e la sua famiglia erano stati costretti a  trasferirsi a Chentsa a causa delle politiche di "ricollocazione dei nomadi" portate avanti dal governo di Pechino.

    Negli ultimi mesi decine di giovani tibetani, monaci e laici, hanno scelto l'autoimmolazione come gesto estremo di protesta contro il governo cinese. Dall'inizio del 2012 sono quasi 40 i tibetani che si sono auto-immolati per criticare la dittatura di Pechino e chiedere il ritorno del Dalai Lama in Tibet. Per colpire ancora di più la comunità tibetana, lo scorso 24 maggio le autorità cinesi della Regione autonoma tibetana (Tar) hanno emesso una notifica, in cui proibiscono ai membri del partito comunista locale, ai dirigenti, ai funzionari amministrativi e persino agli studenti di partecipare ad attività religiose, fra cui la festa di Saga Dawa (il Vesak, in cui si celebra la nascita, l'illuminazione e l'abbandono della vita terrena del Buddha). (N.C.) 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/04/2013 TIBET-CINA
    Due monaci tibetani e una donna si danno fuoco: 119 autoimmolazioni
    I due giovani monaci appartenevano al monastero di Ngaba (Sichuan). Poche notizie sulla donna 23enne. Pechino accresce i controlli sui monasteri, taglia le comunicazioni con l'esterno e imprigiona i promotori delle proteste disperate.

    26/07/2017 08:39:00 TIBET-CINA
    Genitori di un auto-immolato: Giovani tibetani, non fatevi del male, lottate con l’educazione e la cultura

    Il 19enne Tenzin Choeying si è dato fuoco a Varanasi. E’ morto dopo una settimana per ustioni al 90%. Oggi vi è stata la cremazione a Dharamsala.



    13/11/2012 TIBET-CINA
    Donna tibetana si dà fuoco, mentre il Partito rimbrotta il Dalai Lama
    Nyingkar Tashi si è autoimmolata durante una cerimonia funebre. È la 70ma vittima che si dà fuoco dal 2011. Dalla vigilia del Congresso comunista vi sono state sette immolazioni. Pechino umilia il Dalai Lama accusandolo di "glorificare" le auto-immolazioni.

    13/02/2012 TIBET - CINA
    Ngaba, muore con il fuoco una monaca buddista di 18 anni
    Tenzin Choedron proveniva dal monastero di Mamae Dechen Choekhorling: è la 23esima vittima di questa forma di protesta contro il dominio comunista. Il governo, invece di cercare il dialogo, continua a preferire il pugno di ferro contro la popolazione.

    13/03/2012 TIBET – CINA
    Tibet, ancora proteste: monaco 18enne si dà fuoco per ricordare la fuga del Dalai Lama
    Gepey apparteneva al monastero di Kirti, nella provincia del Sichuan. Egli si è auto-immolato in concomitanza con il 59mo anniversario della fuga del Dalai Lama dalla regione himalayana. Le autorità cinesi hanno sequestrato il cadavere e fermato la madre per interrogatori. La scorsa settimana altri sei monaci arrestati per “attività anti-cinesi”.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®