4 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/06/2012
TIBET – CINA
Nomade tibetano si autoimmola di fronte a una stazione di polizia
Tamding Thar è morto poco dopo il gesto a causa delle gravi ustioni. A Chentsa, nella provincia di Quinghai, centinaia di persone scendono in piazza per protestare contro l’oppressione cinese.

Lhasa (AsiaNews) -Continua la piaga delle autoimmolazioni dei tibetani contro l'oppressione del governo cinese. Ieri un nomade tibetano si è dato fuoco davanti a alla caserma di polizia di Chentsa (Malho) nella provincia di Qinghai. Decine di poliziotti hanno circondato Tamding Thar, 50 anni, spento le fiamme con estintore e condotto l'uomo in gravissime condizioni dentro la caserma, dove è morto poche ore dopo  a causa delle gravi ustioni riportate.

Secondo fonti del Tibetan Center for Human Rights and Democracy (Tchrd), centinaia di persone si sono radunate davanti alla stazione di polizia finché le autorità non hanno restituito il corpo. Le proteste contro la morte di Thar si sono estese anche al resto della contea. Per evitare disordini le autorità hanno schierato decine di poliziotti nelle piazza e intorno agli edifici governativi.

Nato nel villaggio di Lowa vicino alla città di Chentsathang, l'uomo e la sua famiglia erano stati costretti a  trasferirsi a Chentsa a causa delle politiche di "ricollocazione dei nomadi" portate avanti dal governo di Pechino.

Negli ultimi mesi decine di giovani tibetani, monaci e laici, hanno scelto l'autoimmolazione come gesto estremo di protesta contro il governo cinese. Dall'inizio del 2012 sono quasi 40 i tibetani che si sono auto-immolati per criticare la dittatura di Pechino e chiedere il ritorno del Dalai Lama in Tibet. Per colpire ancora di più la comunità tibetana, lo scorso 24 maggio le autorità cinesi della Regione autonoma tibetana (Tar) hanno emesso una notifica, in cui proibiscono ai membri del partito comunista locale, ai dirigenti, ai funzionari amministrativi e persino agli studenti di partecipare ad attività religiose, fra cui la festa di Saga Dawa (il Vesak, in cui si celebra la nascita, l'illuminazione e l'abbandono della vita terrena del Buddha). (N.C.) 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
25/04/2013 TIBET-CINA
Due monaci tibetani e una donna si danno fuoco: 119 autoimmolazioni
13/11/2012 TIBET-CINA
Donna tibetana si dà fuoco, mentre il Partito rimbrotta il Dalai Lama
13/02/2012 TIBET - CINA
Ngaba, muore con il fuoco una monaca buddista di 18 anni
13/03/2012 TIBET – CINA
Tibet, ancora proteste: monaco 18enne si dà fuoco per ricordare la fuga del Dalai Lama
12/03/2012 CINA - TIBET
Monasteri tibetani sotto il controllo del regime: i monaci preferiscono abbandonarli
di Nirmala Carvalho

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate