28 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/06/2012
TIBET – CINA
Nomade tibetano si autoimmola di fronte a una stazione di polizia
Tamding Thar è morto poco dopo il gesto a causa delle gravi ustioni. A Chentsa, nella provincia di Quinghai, centinaia di persone scendono in piazza per protestare contro l’oppressione cinese.

Lhasa (AsiaNews) -Continua la piaga delle autoimmolazioni dei tibetani contro l'oppressione del governo cinese. Ieri un nomade tibetano si è dato fuoco davanti a alla caserma di polizia di Chentsa (Malho) nella provincia di Qinghai. Decine di poliziotti hanno circondato Tamding Thar, 50 anni, spento le fiamme con estintore e condotto l'uomo in gravissime condizioni dentro la caserma, dove è morto poche ore dopo  a causa delle gravi ustioni riportate.

Secondo fonti del Tibetan Center for Human Rights and Democracy (Tchrd), centinaia di persone si sono radunate davanti alla stazione di polizia finché le autorità non hanno restituito il corpo. Le proteste contro la morte di Thar si sono estese anche al resto della contea. Per evitare disordini le autorità hanno schierato decine di poliziotti nelle piazza e intorno agli edifici governativi.

Nato nel villaggio di Lowa vicino alla città di Chentsathang, l'uomo e la sua famiglia erano stati costretti a  trasferirsi a Chentsa a causa delle politiche di "ricollocazione dei nomadi" portate avanti dal governo di Pechino.

Negli ultimi mesi decine di giovani tibetani, monaci e laici, hanno scelto l'autoimmolazione come gesto estremo di protesta contro il governo cinese. Dall'inizio del 2012 sono quasi 40 i tibetani che si sono auto-immolati per criticare la dittatura di Pechino e chiedere il ritorno del Dalai Lama in Tibet. Per colpire ancora di più la comunità tibetana, lo scorso 24 maggio le autorità cinesi della Regione autonoma tibetana (Tar) hanno emesso una notifica, in cui proibiscono ai membri del partito comunista locale, ai dirigenti, ai funzionari amministrativi e persino agli studenti di partecipare ad attività religiose, fra cui la festa di Saga Dawa (il Vesak, in cui si celebra la nascita, l'illuminazione e l'abbandono della vita terrena del Buddha). (N.C.) 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
25/04/2013 TIBET-CINA
Due monaci tibetani e una donna si danno fuoco: 119 autoimmolazioni
13/11/2012 TIBET-CINA
Donna tibetana si dà fuoco, mentre il Partito rimbrotta il Dalai Lama
13/02/2012 TIBET - CINA
Ngaba, muore con il fuoco una monaca buddista di 18 anni
13/03/2012 TIBET – CINA
Tibet, ancora proteste: monaco 18enne si dà fuoco per ricordare la fuga del Dalai Lama
12/03/2012 CINA - TIBET
Monasteri tibetani sotto il controllo del regime: i monaci preferiscono abbandonarli
di Nirmala Carvalho

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate