Skin ADV
06 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/05/2012, 00.00

    SIRIA

    Nunzio apostolico: L'Onu guardi i frutti del dialogo interreligioso non solo le cannonate



    A Homs 25 leader cattolici, ortodossi, sunniti e alawiti e membri del governo si incontrano per risolvere senza aiuti esterni i problemi della città e delle aree più martoriate dalle violenze. L'appello di mons. Zenari alla comunità internazionale per sostenere le iniziative della popolazione siriana stanca della guerra. Imam Saudita offre una taglia da 450mila dollari per la testa di Assad.

    Damasco (AsiaNews) - "Onu e Paesi occidentali guardino i frutti del dialogo fra sunniti, alawiti cristiani, non solo le cannonate, i massacri e le violenze compiuti da regime e ribelli". E' quanto afferma ad AsiaNews, mons. Mario Zenari, nunzio apostolico a Damasco. Il prelato invita ancora una volta i Paesi occidentali e i cosiddetti "amici della Siria" a sostenere le iniziative di dialogo che stanno avvenendo in modo spontaneo fra la popolazione che tenta di cambiare dal basso l'attuale situazione. "Le immagini delle violenze di Houla - spiega - hanno scioccato tutti e hanno spinto i siriani al dialogo, soprattutto nelle aree più colpite dalla guerra".

    Oggi, a Homs più di 20 leader religiosi cattolici, ortodossi, sunniti e alawiti si sono incontrati insieme ai rappresentanti del governo locale e nazionale per discutere in modo pacifico i problemi che da oltre un anno affliggono il Paese. In attesa di un comunicato ufficiale, mons. Zenari spiega che  i capi religiosi e politici  hanno condannato i massacri, per evitare un conflitto fra fazioni religiose e politiche. Ogni delegato è consapevole che il Paese sta andando alla deriva. Alle violenze si aggiungono atti di banditismo, furti, omicidi, regolamenti di conti fra famiglie rivali. "Fra i problemi più gravi - continua - vi sono le continue sparizioni di persone, rapite per estorcere denaro e utilizzate come merce di scambio". Ieri, i leader si sono scambiati le liste dei rapiti, impegnandosi a fare di tutto per fermare questa piaga, che in più di un'occasione è sfociata in massacri con morti e feriti.

    "I cattolici - aggiunge mons. Zenari - sostengono queste piccole iniziative positive e cercano di lavorare su tutti i fronti". Il prelato spiega che in ogni città vi sono gesti e iniziative di carità, per soccorrere intere famiglie rimaste senza casa e cibo con cui sfamarsi, la speranza è che tale positività prevalga sull'odio e la violenza.  

    Intanto, continua il dibattito sulle manovre per costringere Assad a lasciare il Paese. Ieri al termine dei colloqui con il presidente siriano, Kofi Annan, inviato speciale per Onu e Lega araba, ha dichiarato che la Siria è ormai giunta a un punto di non ritorno. Egli ha esortato Assad ad attuare il piano "subito e non in futuro". Per fare pressione sul regime accusato del massacro di Houla, Europa, Australia e Stati Uniti hanno annunciato l'espulsione del personale diplomatico siriano, definendo gli ambasciatori persone non gradite. La decisione è stata criticata dalla Russia, che preme per un'indagine accurata e imparziale sotto la supervisione dell'Onu. Per tutelare i suoi interessi strategici in Siria, Mosca preme per privileggiare la via diplomatica e costringere regime e ribelli a fermare gli scontri. Sostenere solo una parte con armi e mezzi porterebbe il caos nell'intera regione.  

    A tutt'oggi un'operazione militare in stile Libia è appoggiata solo da Francia e Paesi arabi. Gli Usa sostengono che un intervento armato darebbe il via a un'ulteriore carneficina. Tuttavia, come già accaduto per il rais libico Gheddafi, tutto il mondo musulmano sunnita appoggia il crollo di Assad. Diversi leader islamici radicali hanno iniziato a promettere ricompense per chi riuscirà a uccidere il presidente alawita. Nei giorni scorsi Sheikh Ali Al Rubai, famoso imam saudita ha offerto una ricompensa di 450mila dollari per chiunque uccida "l'assassino Assad, responsabile della morte di donne e bambini". L'iniziativa del predicatore sunnita è condivisa anche da diversi politici sauditi, che da mesi premono per un attacco militare contro la Siria. Nelle moschee e nei palazzi governativi di Ryadh la rivolta contro il regime di Damasco viene definita come una guerra santa benedetta da Allah. (S.C.)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/05/2013 SIRIA
    Assad apre "forse" al dialogo. Ad Aleppo giovani cristiani offrono la loro vita per i poveri
    Il presidente parteciperà in "linea di principio" alla conferenza di pace del 10 giugno a Ginevra proposta da Russia e Stati Uniti. Finora l'opposizione non risponde. La Coalizione nazionale siriana sempre più divisa fra diplomazia e lotta armata. Mons. Audo, vescovo caldeo, racconta il lavoro silenzioso della Chiesa di Aleppo. La fede dei giovani e l'aiuto disinteressato a poveri e sfollati sono la vera speranza per la ricostruzione della Siria.

    03/08/2012 SIRIA - ISLAM
    Gregorio III Laham: Cristiani e musulmani pregano e digiunano insieme per la fine delle violenze
    I cattolici hanno iniziato lo scorso 1° agosto il digiuno per la dormizione della Vergine, che durerà fino al 15 agosto. Esso coincide in parte con il Ramadan musulmano (20 - 18 agosto). Le funzioni religiose e i momenti di astinenza e preghiera si tengono in contemporanea nelle chiese e nelle moschee. AsiaNews pubblica il messaggio di Gregorio III Laham, patriarca Melchita di Antiochia. Il prelato invita cristiani e musulmani a utilizzare questo periodo per ritrovare il valore della carità, del dialogo e della riconciliazione.

    29/01/2014 LIBANO
    Patriarca maronita: Il Libano ha bisogno di un presidente
    Il cardinale Beshara Rai teme il caos politico e invita ad accelerare l'organizzazione delle elezioni. Il porporato punta il dito contro coloro che vogliono un Libano diviso e remano contro l'unità del Paese. Per il cardinale "la Primavera araba fiorirà solo attraverso il Libano".

    28/05/2013 SIRIA - UE
    Gregorio III Laham: "Il futuro della Siria non si può costruire con la distruzione"
    L'Unione Europea non rinnova il bando delle armi all'opposizione siriana. Gran Bretagna e Francia pronti ad inviare armamenti ai ribelli. Per il patriarca cattolico di Antiochia "Con la guerra non vi sono vincitori". L'invito a pregare per la conferenza di pace di Ginevra in programma per il prossimo 10 giugno.

    13/07/2012 SIRIA
    Nunzio a Damasco: La comunità internazionale aiuti la Siria a uscire da questa trappola infernale
    Mons. Mario Zenari lancia un appello al Consiglio di sicurezza Onu in corso a New York. La situazione continuerà a peggiorare se la comunità internazionale resta divisa. Nuovo massacro di 200 persone a Tremseh (Hama).



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®