3 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/04/2012
CINA-VATICANO
Nuova ordinazione episcopale a Nanchong. Forse presente il vescovo scomunicato
di Bernardo Cervellera
Il candidato, p. Chen Gongao, approvato dalla Santa Sede, ha ritardato la cerimonia per evitare la presenza di vescovi illeciti. Il Vaticano e i fedeli hanno condannato più volte i "metodi maoisti" dell'Associazione patriottica.

Roma (AsiaNews) - Domani a Nanchong (Sichuan) si terrà un'ordinazione episcopale approvata dalla Santa Sede, ma è molto possibile che alla cerimonia partecipi un vescovo scomunicato, nonostante le indicazioni del Vaticano.

P. Giuseppe Chen Gongao, 47 anni, già segretario della diocesi e amministratore, oltre che rettore del seminario del Sichuan, verrà ordinato vescovo da mons. Pietro Fang Jianping di Tangshan.  Mons. Fang aveva partecipato alla ordinazione illecita di Leshan (v.: 29/06/2011 Leshan, sette vescovi legittimi all'ordinazione episcopale senza mandato del papa ), ma ha poi chiesto perdono ed è stato reintegrate nella comunione con la Santa Sede. Invece, a Nanchong dovrebbe essere presente proprio il vescovo illecito di Leshan , mons. Paolo Lei Shiyin, che a tutt'oggi è scomunicato. Interrogato da ucanews.com, mons. Lei ha dichiarato: "perché non dovrei andarvi?". Pur colpito dalla scomunica, mons. Lei, che è presidente per il Sichuan dell'Associazione patriottica, ha  già partecipato all'ordinazione episcopale del vescovo di Yibin, mons. P. Pietro Luo Xuegang, provocando una dichiarazione del Vaticano, che lo compiangeva per "aver aggravato la sua situazione".

Dopo le due ordinazioni episcopali illecite  dello scorso anno (Leshan e Shantou), in cui diversi vescovi in comunione col papa sono stati costretti a prendervi parte, spesso contro la loro volontà, il Vaticano ha richiesto che le cerimonie di ordinazione approvate dalla Santa Sede avvengano nel rispetto della tradizione cattolica, non permettendo a chi è scomunicato di aggiungersi alla celebrazione.

La presenza di vescovi scomunicati crea divisioni nella Chiesa e nei fedeli, ma anche resistenze da parte delle comunità contro i soprusi dell'Associazione patriottica e l'uso di questi mezzi di stile maoista.

P. Giuseppe Chen Gongao è conosciuto come un bravo evangelizzatore e fedele alla Chiesa cattolica. La sua elezione a vescovo risale al 2010: tutto questo ritardo nel ricevere il sacramento dell'ordinazione è dovuto ai suoi tentativi e a quelli della sua comunità di evitare la presenza di vescovi illeciti.

Ad ogni modo, alcuni fedeli di Nanchong sperano che mons. Lei, pur venendo, partecipi come un semplice fedele senza pretendere di imporre le mani sul nuovo ordinato.

La diocesi di Nanchong (a circa 200 km a nord di Chongqing) ha 80mila fedeli insieme a decine di sacerdoti e seminaristi.

Foto: chinacatholic.org


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/07/2011 CINA - VATICANO
Timori e tensioni in Cina per una nuova ordinazione episcopale senza il mandato del papa
di Wang Zhicheng
19/04/2012 CINA - VATICANO
Vescovo scomunicato all'ordinazione di Nanchong. Mons. Savio Hon: Disobbedire porta all'autodistruzione
di Bernardo Cervellera
15/06/2012 VATICANO - CINA
Mons. Savio Hon: Ordinazioni episcopali senza mandato del papa, un segno del vuoto di ideali e della lotta nel Partito
di Bernardo Cervellera
11/07/2011 CINA - VATICANO
Vescovi del Guangdong rapiti dalla polizia per obbligarli all’ordinazione illecita di Shantou
di Jian Mei - W. Zhicheng
12/07/2011 VATICANO - CINA
Propaganda Fide e la scomunica di p. Lei Shiyin

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate