28 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/01/2017, 10.02

    CINA

    Nuova protesta a Pechino di veterani militari per sussidi promessi e non versati



    In circa 500 hanno “assediato” il quartier generale dell’Esercito per la liberazione del popolo (Pla) nella capitale. I veterani di guerra non si danno per vinti, ma il governo non sembra ascoltarli.

     

     

    Pechino (AsiaNews) – Due mesi dopo la prima protesta pubblica, centinaia di veterani di guerra cinesi si sono recati a Pechino a manifestare ancora una volta per ottenere dal governo i sussidi promessi durante il loro servizio. Il 28 dicembre scorso, circa 500 veterani – dall’età compresa fra i 40 e i 50 anni – hanno “assediato” il quartier generale dell’Esercito per la liberazione del popolo (Pla) nella capitale.

    Dopo l’inefficace protesta tenutasi a ottobre, i veterani – reduci delle guerre con  la Corea (1950-1953) e il Vietnam (1979) – hanno deciso di tornare di nuovo in strada e far sentire la propria voce intonando canti dell’esercito e agitando striscioni. Le richieste rimangono le stesse: pensione, previdenza sociale, impieghi e altri sussidi pubblici a loro promessi quando erano in servizio.

    Due mesi fa, sei rappresentanti dei veterani  hanno incontrato i funzionari del Pla, ma essi non hanno mosso un dito per smuovere la situazione. Dopo 24 ore, i funzionari hanno comunicato in via ufficiale che il presidente Xi jinping aveva richiesto ai vice capi del governo e dei comitati provinciali del Partito di “stabilire le loro richieste in modo specifico”.  In seguito la polizia ha disperso i manifestanti con la promessa che le loro rimostranze sarebbero state ascoltate.

    In ogni caso ad ottobre, alcuni fra le migliaia di manifestanti pacifici che avevano preso parte alla protesta sono stati portati via dalle autorità. Wang Guorong, un veterano di Yiyang (Hunan) ha affermato che Teng Xingqiu, un suo commilitone proveniente dalla stessa località è sparito dopo aver preso parte alle proteste insieme a molti altri ex-militari.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/09/2015 CINA
    Fra Kuomintang e comunisti, la guerra sino-giapponese “è stata vinta dagli Usa"
    Il notissimo dissidente Wei Jingsheng, autore del “muro della democrazia”, entra nella polemica che sta dividendo Pechino, Tokyo e Taipei. I comunisti non hanno dato il massimo in quello scontro, preparandosi per la guerra civile contro i nazionalisti, ma anche il Kuomintang ha compiuto tanti errori dettati dall’egoismo. Senza Washington e Londra, sarebbe stato tutto vano. Gli errori di ieri tornano, accresciuti, sotto il dominio di Xi Jinping: “Ha troppo potere, e lo sta portando via”.

    16/04/2007 CINA
    Ex soldati ora mendicanti chiedono un nuovo lavoro. Pechino li ignora
    Negli ultimi 20 anni, il governo ha smobilitato oltre 1,7 milioni di soldati dell’esercito di liberazione popolare, che ora vivono per strada. Attivista per i diritti umani avverte del pericolo di una rivolta violenta se il problema non viene affrontato al più presto.

    23/02/2017 12:53:00 CINA
    Pechino, veterani dell’esercito protestano: abbandonati dal governo

    Da ieri in migliaia di fronte agli uffici del Partito per la più grande manifestazione da ottobre. Promesse fatte e non mantenute: “Noi senza nulla, nella povertà e nel disagio”. Arresti e violenze a Liulihe, Aiminjie, Datong, Luliang e Harbin.



    15/04/2005 CINA
    Pechino: veterani protestano contro il Partito comunista


    11/03/2015 CINA
    Scompare un'intervista sulla "diffusa" corruzione dell'esercito cinese
    Tre generali in pensione descrivono le bustarelle per decine di milioni di yuan per acquistare posti di comando. I favoritismi verso parenti ed amici e l'omertà. Nell'esercito vi è una lotta fra chi risponde a Jiang Zemin e chi risponde a Xi Jinping.



    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®