19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/11/2005, 00.00

    Indonesia

    Nuove violenze a Poso, uomini armati sparano in faccia a 2 studentesse



    E' lo stesso luogo (le Sulawesi Centrali) in cui è avvenuta la decapitazione di 3 ragazze. Le due studentesse ferite, entrambe di 17 anni, sono in condizioni critiche.

    Poso (AsiaNews) – Due uomini armati di pistola hanno sparato in faccia da breve distanza a 2 studentesse di Poso, nelle Sulawesi centrali, alle 19 e 45 ora locale (12 e 45 ora italiana). Le nuove violenze sono avvenute nello stesso luogo dove il 29 ottobre 3 studentesse cristiane sono state decapitate e un'altra ferita gravemente.

    Le 2 vittime sono Ivone, 17 anni, e Siti Nuraini, conosciuta come Yuli, anche lei di 17 anni. Un paramedico di nome Nurhayati ha detto pochi minuti fa che le vittime si trovano in condizioni molto critiche.

    Ivone è stata colpita da un proiettile alla parte sinistra della mascella, mentre a Yuli hanno sparato al collo. "Sono state operate – dice il paramedico – all'ospedale di Poso", dove sono state portate dalla polizia.

    Al momento non vi sono ancora commenti ufficiali né dalla pubblica sicurezza locale né da quella regionale.

    Poche ore prima del nuovo attacco il capo della polizia delle Sulawesi Centrali, commissario Oegroseno, ha ribadito che la polizia non ha ancora i nomi degli assassini di Ida Yarni Sambue (15 anni), Theresia Morangke (15), ed Alfita Poliwo (19), le 3 ragazze cristiane decapitate il 29 ottobre scorso in questa provincia. Intanto, la quarta ragazza, che sta recuperando la salute dalle ferite ricevute, è sotto continua sorveglianza della polizia, essendo una testimone del delitto.

    Dal 1998 al 2001 le Sulawesi sono stati teatro di scontri fra cristiani e musulmani. Molti temono che queste violenze siano segno di una ripresa del conflitto religioso. Secondo personalità islamiche e cristiane locali, gli assassini non sono musulmani di Poso e hanno agito su ordine di qualche gruppo intenzionato a riaccendere l'odio interreligioso nella zona.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/11/2006 INDONESIA
    Cristiane decapitate a Poso: i genitori perdonano gli assassini

    Le famiglie delle vittime hanno incontrato i tre terroristi accusati degli omicidi e accettato le loro scuse. Autorità indonesiane: storico momento, speriamo serva a promuovere la pace a Poso.



    15/11/2006 INDONESIA
    Tre giovani cristiane decapitate: nuovo processo a Jakarta

    Davanti ai giudici gli altri due imputati per il triplice omicidio di Poso (Sulawesi centrale) nel 2005. I due rischiano la pena di morte. In un procedimento distinto l'altro accusato ammette la colpa e fa il nome dell'ideatore delle uccisioni: un ex militante islamico a Mindanao.



    04/11/2006 INDONESIA
    Tre uomini processati per le decapitazioni di cristiane a Poso

    Presentati i capi d'accusa contro tre persone coinvolte nel triplice omicidio delle ragazze cristiane nel 2005. Ora si attendono comunicazioni dai giudici sulla data della prima udienza.



    07/01/2006 INDONESIA
    Identificato uno dei terroristi della strage al mercato di Poso

    La persona sospettata si chiama Mulyana. Polemica sulla task force  creata dal governo per risolvere il problema delle violenze nelle Sulawesi Centrali. "Schegge impazzite" dell'esercito accusate di coinvolgimento negli scontri interreligiosi.



    11/05/2006 INDONESIA
    Cristiane decapitate a Poso, in sette confessano

    Presunti terroristi detenuti ammettono la responsabilità dell'assassinio delle tre giovani avvenuto l'anno scorso a Poso. La polizia cerca ancora il principale indiziato.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®