28 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/08/2012
INDIA
Nuovo superiore della Società del Pilar: Le urgenze della missione ad gentes e della nuova evangelizzazione
di Nirmala Carvalho
P.Francis Carvalho, 65 anni, è stato eletto superiore lo scorso 11 agosto. Le priorità del suo istituto sono portare il Vangelo in luoghi non ancora raggiunti da Cristo, come l'Asia e l'Africa. Ma anche impegnarsi per rafforzare la fede degli indifferenti, soprattutto in occidente. Essere sempre a servizio del papa. L'amicizia con i missionari del PIME.

Mumbai (AsiaNews) - P. Francis Carvalho, 65 anni, è il nuovo superiore della società di san Francesco Saverio, la prima congregazione missionaria indiana, conosciuta familiarmente come Società del Pilar. Eletto lo scorso 11 agosto al capitolo generale dell'istituto, p. Carvalho (a sin. nella foto), grande amico del Pime da lungo tempo, afferma che la missione ad gentes e la nuova evangelizzazione sono le priorità attuali della sua comunità.

P. Carvalho, di Uguem-Sanguem, è il primo superiore ad essere eletto dopo che l'istituto è divenuto di diritto pontificio. Lo scorso 27 giugno egli ha ricevuto il dottorato in diritto canonico all'università Gregoriana (Roma). In precedenza egli ha studiato antropologia culturale a Londra ed ha vissuto per diversi anni nelle Andamane e Nicobar, proprio durante lo tsunami del 2004 e nel periodo seguente. Egli è stato anche vicario generale del suo istituto e maestro dei novizi per i seminaristi del Pilar.

In un'intervista con AsiaNews, p. Carvalho spiega l'animo e la visione del suo istituto, al servizio del Vangelo e del papa.

"Il compito del nostro istituto - egli spiega -  è di essere missionari pionieri fra coloro che non conoscono Cristo e quelli che sono divenuti indifferenti a Lui. In linea con la chiamata fatta dal papa alla nuova evangelizzazione e all'Anno della fede, il nostro capitolo generale ha tentato di studiare nuove strategie e nuovi obbiettivi, sempre tenendo in mente la profezia di papa Leone XIII. I tuoi figli [dell'India] saranno ministri di salvezza. Per questo, noi vogliamo vivere come missionari indiani, disponibili ad andare ovunque il Santo Padre voglia inviarci".

"Essendo missionari pionieri - precisa - vorremmo andare in luoghi non ancora raggiunti da Cristo perché la missione ad gentes è la nostra prima chiamata. Le nostre preferenze e priorità sono anzitutto l'Asia e poi l'Africa. Ma siamo al servizio del papa e andiamo dovunque lui voglia".

P. Carvalho definisce "immensi doni" la nuova evangelizzazione e l'Anno della Fede che Benedetto XVI inaugurerà in ottobre. "Come missionari - aggiunge - non possiamo mai dire di aver fatto abbastanza. La Parola di Dio giunge e ci dà energia per potenziare le nostre vite, aprendo nuovi orizzonti. La Società del Pilar è impegnata in modo attivo nella nuova evangelizzazione con alcune comunità nella diocesi di Albano (Roma), due comunità in Germania, una in Austria, una a Londra (con la cappellania dei goanesi), una a Chicago. Abbiamo ricevuto pure molti inviti da vescovi dell'occidente, ma preferiamo andare in luoghi per i quali il papa trova difficile trovare altri missionari. La Società del Pilar è al servizio del Santo Padre".

"L'appello del papa all'Anno della fede serve per rafforzare la fede - dove sta perdendo terreno - e per diffonderla e proclamarla in luoghi non ancora raggiunti da essa. I missionari del Pilar sono in linea con la chiamata del pontefice: siamo in luoghi dove Cristo non è stato proclamato, ma anche in posti dove la gente è disinteressata al Signore. Comunque, la nostra missione di pionieri ha anche elementi geografici e tende a trovare anche nuovi metodi di evangelizzazione".

Un ultimo pensiero di p. Carvalho è verso i missionari del Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere), ai quali lo lega una lunga amicizia. "Non ho parole sufficienti -  afferma  - per esprimere tutta la mia gratitudine ai padri del PIME per la loro generosità: mi hanno offerto una borsa di studio e la loro calda ospitalità nella casa generalizia di Roma, durante i miei studi di diritto canonico. Il mio superiore poi, mi ha pure concesso di essere direttore spirituale dei seminaristi del PIME a Pune. Terrò sempre come un tesoro prezioso l'esperienza che ho fatto a Roma, alla casa generalizia del PIME, dove ho incontrato missionari pieni di esperienza e dedizione, provenienti da tutto il mondo. Ogni volta che arrivavano a Roma, a incontrare il loro superiore, essi raccontavano la loro ricca e variegata esperienza. Ascoltare loro mi ha arricchito, ravvivato e rafforzato".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/03/2005 india
Andamane distrutte: "Molti ritornano sul sentiero di Dio"
05/09/2013 INDIA
La missione tra i tribali Mundari, seguendo le orme di Madre Teresa
di Nirmala Carvalho
05/09/2012 INDIA
Nell’Anno della Fede, l’eredità di Madre Teresa per la “nuova evangelizzazione”
di Thomas D’Souza*
03/07/2012 INDIA
“Anno della fede” e nuova evangelizzazione, doni immensi per la Chiesa in India
di Nirmala Carvalho
03/05/2013 ASIA - PIME
La missione del Pime, sulla scia di Benedetto XVI e di papa Francesco
di Bernardo Cervellera

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate