Skin ADV
07 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/08/2012, 00.00

    INDIA

    Nuovo superiore della Società del Pilar: Le urgenze della missione ad gentes e della nuova evangelizzazione

    Nirmala Carvalho

    P.Francis Carvalho, 65 anni, è stato eletto superiore lo scorso 11 agosto. Le priorità del suo istituto sono portare il Vangelo in luoghi non ancora raggiunti da Cristo, come l'Asia e l'Africa. Ma anche impegnarsi per rafforzare la fede degli indifferenti, soprattutto in occidente. Essere sempre a servizio del papa. L'amicizia con i missionari del PIME.

    Mumbai (AsiaNews) - P. Francis Carvalho, 65 anni, è il nuovo superiore della società di san Francesco Saverio, la prima congregazione missionaria indiana, conosciuta familiarmente come Società del Pilar. Eletto lo scorso 11 agosto al capitolo generale dell'istituto, p. Carvalho (a sin. nella foto), grande amico del Pime da lungo tempo, afferma che la missione ad gentes e la nuova evangelizzazione sono le priorità attuali della sua comunità.

    P. Carvalho, di Uguem-Sanguem, è il primo superiore ad essere eletto dopo che l'istituto è divenuto di diritto pontificio. Lo scorso 27 giugno egli ha ricevuto il dottorato in diritto canonico all'università Gregoriana (Roma). In precedenza egli ha studiato antropologia culturale a Londra ed ha vissuto per diversi anni nelle Andamane e Nicobar, proprio durante lo tsunami del 2004 e nel periodo seguente. Egli è stato anche vicario generale del suo istituto e maestro dei novizi per i seminaristi del Pilar.

    In un'intervista con AsiaNews, p. Carvalho spiega l'animo e la visione del suo istituto, al servizio del Vangelo e del papa.

    "Il compito del nostro istituto - egli spiega -  è di essere missionari pionieri fra coloro che non conoscono Cristo e quelli che sono divenuti indifferenti a Lui. In linea con la chiamata fatta dal papa alla nuova evangelizzazione e all'Anno della fede, il nostro capitolo generale ha tentato di studiare nuove strategie e nuovi obbiettivi, sempre tenendo in mente la profezia di papa Leone XIII. I tuoi figli [dell'India] saranno ministri di salvezza. Per questo, noi vogliamo vivere come missionari indiani, disponibili ad andare ovunque il Santo Padre voglia inviarci".

    "Essendo missionari pionieri - precisa - vorremmo andare in luoghi non ancora raggiunti da Cristo perché la missione ad gentes è la nostra prima chiamata. Le nostre preferenze e priorità sono anzitutto l'Asia e poi l'Africa. Ma siamo al servizio del papa e andiamo dovunque lui voglia".

    P. Carvalho definisce "immensi doni" la nuova evangelizzazione e l'Anno della Fede che Benedetto XVI inaugurerà in ottobre. "Come missionari - aggiunge - non possiamo mai dire di aver fatto abbastanza. La Parola di Dio giunge e ci dà energia per potenziare le nostre vite, aprendo nuovi orizzonti. La Società del Pilar è impegnata in modo attivo nella nuova evangelizzazione con alcune comunità nella diocesi di Albano (Roma), due comunità in Germania, una in Austria, una a Londra (con la cappellania dei goanesi), una a Chicago. Abbiamo ricevuto pure molti inviti da vescovi dell'occidente, ma preferiamo andare in luoghi per i quali il papa trova difficile trovare altri missionari. La Società del Pilar è al servizio del Santo Padre".

    "L'appello del papa all'Anno della fede serve per rafforzare la fede - dove sta perdendo terreno - e per diffonderla e proclamarla in luoghi non ancora raggiunti da essa. I missionari del Pilar sono in linea con la chiamata del pontefice: siamo in luoghi dove Cristo non è stato proclamato, ma anche in posti dove la gente è disinteressata al Signore. Comunque, la nostra missione di pionieri ha anche elementi geografici e tende a trovare anche nuovi metodi di evangelizzazione".

    Un ultimo pensiero di p. Carvalho è verso i missionari del Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere), ai quali lo lega una lunga amicizia. "Non ho parole sufficienti -  afferma  - per esprimere tutta la mia gratitudine ai padri del PIME per la loro generosità: mi hanno offerto una borsa di studio e la loro calda ospitalità nella casa generalizia di Roma, durante i miei studi di diritto canonico. Il mio superiore poi, mi ha pure concesso di essere direttore spirituale dei seminaristi del PIME a Pune. Terrò sempre come un tesoro prezioso l'esperienza che ho fatto a Roma, alla casa generalizia del PIME, dove ho incontrato missionari pieni di esperienza e dedizione, provenienti da tutto il mondo. Ogni volta che arrivavano a Roma, a incontrare il loro superiore, essi raccontavano la loro ricca e variegata esperienza. Ascoltare loro mi ha arricchito, ravvivato e rafforzato".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/03/2005 india
    Andamane distrutte: "Molti ritornano sul sentiero di Dio"
    L'India decide di non riparare i danni in 6 isole. Il racconto di un missionario: "Giovani e vecchi pregano insieme il rosario nei campi di raccolta".

    05/09/2013 INDIA
    La missione tra i tribali Mundari, seguendo le orme di Madre Teresa
    Oggi si festeggia la memoria liturgica della beata, a cui è intitolata la parrocchia di Siadih, amministrata da p. Lino Fernandes. Il sacerdote, missionario del Pilar, racconta le sfide della quotidianità: 45 famiglie di 25 villaggi diversi e lontani tra loro vivono senza elettricità, né infrastrutture di base. Ma la gioia di queste persone e dei bambini ospiti dell’ostello “è appagante, ci incoraggia e rinnova la nostra dedizione”.

    05/09/2012 INDIA
    Nell’Anno della Fede, l’eredità di Madre Teresa per la “nuova evangelizzazione”
    L’arcivescovo di Calcutta ricorda la beata nel giorno in cui si celebra la sua memoria liturgica. La forza della preghiera, l’incontro con l’altro, il servizio, la dedizione verso i sacerdoti: la testimonianza di Madre Teresa, capace di “portare insieme” l’India e il mondo intero “abbattendo ogni barriera”.

    03/07/2012 INDIA
    “Anno della fede” e nuova evangelizzazione, doni immensi per la Chiesa in India
    P. Savio de Sales è il nuovo direttore dell’ufficio per le Pontificie opere missionarie dell’arcidiocesi di Mumbai. La festa di s. Tommaso apostolo, patrono dell’India, ricorda le priorità della Chiesa in vista dell’Anno della Fede: catechesi di adulti e bambini; dialogo interreligioso.

    03/05/2013 ASIA - PIME
    La missione del Pime, sulla scia di Benedetto XVI e di papa Francesco
    All'Assemblea generale del Pime si parlerà di missione ad gentes e di "nuova evangelizzazione"; di risveglio missionario per le Chiese di antica data (Italia, Usa, America Latina) e mezzi di comunicazione. Ma soprattutto, di risveglio della fede, secondo l'insegnamento di Benedetto XVI e di "uscire verso le periferie geografiche ed esistenziali", secondo l'invito di papa Francesco.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®