22 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/09/2009, 00.00

    ISRAELE - PALESTINA

    Obama: Urgente il dialogo fra Israele e Palestina. Ma nessuno si muove



    Alle spinte del presidente Usa non vi è stata alcuna reazione da parte di Netanyahu e Abbas. Entrambi hanno problemi con i loro alleati. Gli insediamenti nella West Bank e a Gerusalemme est rimangono lo scoglio più duro.

     New York (AsiaNews/Agenzie) – Il presidente Usa Barak Obama ha spinto Israele e i palestinesi ad agire “con un senso di urgenza” per riprendere il processo di pace. Ma i suoi interlocutori sono scettici e immobili.

     In un incontro con Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese e con Benjamin Netanyahu, primo ministro israeliano, Obama ha detto che  “i dialoghi devono cominciare e cominciare subito”.

    L’incontro ha avuto il valore di mettere insieme i rappresentanti israeliano e palestinese per la prima volta dalle elezioni in Israele, facendo sperare che il processo di pace possa riprendere, dopo l’interruzione a causa della guerra di Gaza nel dicembre scorso.

    Obama ha designato George Mitchell come inviato speciale perché si riapra il dialogo su tutte le questioni irrisolte: territorio, confini, Gerusalemme est, rifugiati palestinesi, ma finora nessuno dei due fronti sembra smuoversi.

    Zvi Herzog, segretario del governo di Tel Aviv, ha detto che l’incontro è “un passo nella giusta direzione”, ma che le condizioni “non sono mature per un rilancio formale dei negoziati”. La scorsa settimana i palestinesi hanno invece dichiarato che essi sarebbero giunti a New York solo per non contrariare gli Stati Uniti, ma che questo non significava una ripresa dei dialoghi di pace.

    Lo scoglio più grande alla ripresa è il destino degli insediamenti nella West Bank e a Gerusalemme est. Usa e palestinesi esigono che Israele blocchi la costruzione delle colonie, ma Israele si rifiuta. Netanyahu ha dapprima offerto un congelamento per alcuni mesi, poi ha escluso il blocco per Gerusalemme est e infine ha riaffermato che la “crescita naturale” degli insediamenti deve proseguire.

    Netanyahu e Abbas hanno difficoltà interne. Il partito del Likud e l’alleato Yisrael Beiteinu (Israele è la mia casa) hanno da sempre sostenuto le colonie nella West Bank, rifiutando ogni compromesso territoriale che possa portare a uno Stato palestinese.

    Da parte sua, Abbas ha bisogno di risultati concreti nel dialogo per sconfiggere l’influenza di Hamas, che fa della lotta a Israele il suo cavallo di battaglia.

    I tre leader si trovano a New York per l’apertura dell’Assemblea generale Onu. Obama ha detto che Mitchell incontrerà i negoziatori di entrambi i fronti nella prossima settimana. Commentando l’incontro, Mitchell ha detto: “Abbiamo ridotto in modo sostanziale il numero di questioni in cui non c’è accordo”. Netanyahu e Abbas non hanno fatto alcuna dichiarazione ufficiale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/10/2014 ISRAELE-PALESTINA
    Gerusalemme: crescono le tensioni, insieme a razzismo e insediamenti
    Funerali "simbolici" per un giovane palestinese conclusi con scontri con la polizia. Quattro arresti e 21 feriti. Netanyahu preme per 1060 nuove case a Gerusalemme est e accresce il numero di armati nella città. Dal mese prossimo i palestinesi che entrano a lavorare in Israele dovranno prendere autobus diversi da quelli in cui sono gli israeliani. Per il presidente Rivlin Israele è una società malata di razzismo.

    28/09/2010 ISRAELE - PALESTINA
    Le attività delle colonie affrettano la fusione di Israele e Palestina in un unico Stato
    La ripresa delle costruzioni israeliane nei territori occupati e a Gerusalemme est segnano l’impotenza di Netanyahu, la fragilità di Abou Mazen, la debolezza di Obama. Il territori strappati dalle colonie rendono impraticabile la nascita di uno Stato palestinese. Ma rendono impossibile anche l’idea di Israele come “casa per il popolo ebraico”. Il futuro è forse di uno Stato che accoglie arabi ed ebrei. Ma gli arabi saranno presto i più numerosi.

    17/10/2009 ISRAELE - PALESTINA
    Israele rifiuta il rapporto Onu che l’accusa di crimini di guerra a Gaza
    La risoluzione della Commissione Onu per i diritti umani condanna Israele anche per la sua politica di violenze a Gerusalemme est. L’Autorità palestinese elogia il voto. Hamas apprezza la lotta contro “i criminali sionisti”, ma non commenta le accuse che la riguardano. Stati Uniti e Italia fra i voti contrari.

    01/12/2012 ISRAELE - PALESTINA
    Israele provoca la Palestina appena nata: 3mila nuovi insediamenti per tagliare in due la West Bank
    Per Hanan Ashrawi, la decisione di Israele è "un atto di aggressione". Le nuove costruzioni separano nord e sud della West Bank e rendono difficile la creazione di uno Stato palestinese omogeneo e contiguo. Dall'occupazione del 1967, vi sono almeno 100 insediamenti illegali per 500mila coloni israeliani.

    18/05/2011 PALESTINA - ISRAELE
    Mahmoud Abbas: Finalmente uno Stato palestinese, atteso per 60 anni
    In un editoriale sul New York Times, il presidente dell’Olp spiega i passi per far nascere uno Stato, cercando il riconoscimento diplomatico e l’ammissione all’Onu. Per 20 anni i dialoghi con Israele sono stati infruttuosi, portando solo a nuovi insediamenti e colonie nei territori occupati. Un appello a tutte le nazioni per garantire speranza e pace al popolo palestinese.



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®