26 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/04/2007
ISRAELE - MEDIO ORIENTE
Olmert apre al dialogo e al processo di pace coi paesi arabi
Il piano saudita di riconoscimento d’Israele in cambio di un ritorno ai confini prima del 1967 sarebbe la base del dialogo. Pressioni per far avanzare il processo di pace da Abbas, Usa e Egitto.

Gerusalemme (AsiaNews) – Il primo ministro israeliano Ehud Olmert si è detto pronto a partecipare ad una conferenza regionale di pace insieme ai leader arabi, per discutere l’iniziativa di pace saudita. Olmert ha anche affermato che egli prenderebbe parte a una conferenza con paesi arabi moderati se l’Arabia saudita l’organizza invitando lui e il leader palestinese Mahmud Abbas.

Olmert ha fatto queste dichiarazioni ieri in una conferenza stampa insieme al cancelliere tedesco Angela Merkel, che in questi mesi presiede l’Unione Europea. In precedenza lo stesso Abbas ha chiesto a Israele di impegnarsi con urgenza in negoziati diretti con l’Autorità palestinese

Il piano di pace saudita è stato rivitalizzato la scorsa settimana all’incontro della Lega araba a Riyadh. Lanciato 5 anni fa esso propone il riconoscimento dello stato d’Israele da parte dei Paesi arabi in cambio di un ritorno dei confini israeliani a prima del 1967, permettendo la nascita di uno stato palestinese e una “giusta soluzione” per i rifugiati.

Nel 2002, quando il piano è stato offerto per la prima volta, Israele lo ha rifiutato. In questi giorni, Olmert ha detto che con qualche correzione il piano può servire come base per i negoziati.

All’apertura di Olmert non è estranea la pressione degli Stati Uniti e di alcuni pesi arabi moderati. Usa e Egitto hanno spinto Israele a iniziare con urgenza dialoghi con un comitato di Paesi arabi per far avanzare il processo di pace.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/03/2007 ISRAELE - PALESTINA
Ban Ki-moon apprezza il piano saudita di pace e critica il governo palestinese
04/03/2009 EGITTO – ARABIA SAUDITA
Ministro saudita chiede strategia comune per affrontare la “sfida iraniana”
03/02/2005 USA - ASIA
Bush: vicina la pace in Medio Oriente
20/11/2007 ISRAELE – PALESTINA
Abbas ottiene da Olmert la liberazione di 441 palestinesi, ma non un documento comune
27/03/2007 ARABIA SAUDITA - LEGA ARABA
Dal vertice di Riyadh sviluppi positivi possibili per Israele, non per il Libano

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate