24 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/08/2006, 00.00

    israele - libano

    Olmert per l'ampliamento delle operazioni militari nel sud Libano



    L'esercito israeliano dovrebbe arrivare fino a 30-50 km dal confine per eliminare le basi di Hezbollah. In Libano peggiora la situazione umanitaria. La comunità internazionale lavora sulla bozza di risoluzione Onu e sulle obiezioni libanesi.

    Gerusalemme (AsiaNews) –  Fonti di AsiaNews in Israele affermano che il piano di Israele è di penetrare nel sud Libano per almeno 30-50 km per distruggere tutte le possibili basi di Hezbollah. E proprio oggi il primo ministro israeliano Ehud Olmert ha fissato per domani un incontro con i vertici della sicurezza per discutere sull'ampliamento delle offensive di terra in Libano. Il generale maggiore Udi Adam ha dichiarato che l'esercito israeliano è pronto a una "espansione delle operazioni di terra" anche oltre il fiume Litani, fino a Ramat Nabatiyeh. Tali operazioni sono finalizzate a garantire "una vita normale" alla gente nel nord. "Non possiamo continuare - ha detto Olmert - a far vivere  un milione di persone nei rifugi".

    Intanto in Libano cresce l'isolamento della popolazione. Le forze israeliane hanno avvertito la popolazione del sud Libano di non avventurarsi in auto o con altri veicoli sulle strade a sud del fiume Litani, dove infuoca la battaglia fra truppe di Israele e gli Hezollah. Un volantino lanciato stamane e firmato "stato di Israele" avverte che "ogni veicolo, di qualunque natura, che viaggi a sud del Litani sarà bombardato per sospetto di trasportare razzi e armi per i terroristi".

    La città di Tiro, nel sud Libano, è perciò sempre più isolata, con benzina e medicinali ormai quasi esauriti. La Croce rossa internazionale ha criticato la situazione che non rispetta le leggi internazionali sulla protezione dei civili.

    Le truppe israeliane presenti in sud Libano si sono scontrate oggi nella zona di Debel. Gli Hezbollah dicono di aver ucciso almeno 15 soldati; Israele afferma che solo uno è stato ucciso e che invece sono caduti almeno 15 Hezbollah.

    L'operazione militare israeliana sembra non riuscire a fermare la violenza della guerriglia sciita. Oggi nel nord di Israele gli Hezbollah hanno lanciato almeno 100 razzi Katyusha. Due persone sono rimaste ferite nella città di Fasuta (Galilea ovest). Altri 20 razzi sono caduti nel nord a Kiryat Shmona distruggendo infrastrutture; razzi sono caduti anche nelle vicinanze di Tiberias (Tiberiade) e Nahariya.

    Intanto, dal punto di vista diplomatico, Francia e Stati Uniti lavorano per modificare la bozza di risoluzione Onu per la fine delle ostilità, cercando di venire incontro alle obiezioni del Libano. Ieri, il Primo ministro libanese ha rifiutato la bozza perché essa non esige il ritiro immediato delle truppe israeliane dal Libano. Il governo di Beirut ha anche proposto – per assicurare Israele sul disarmo degli Hezbollah – l'invio di 15 mila truppe nel sud per garantire la sicurezza. Una delegazione della Lega araba è a New York per sostenere le richieste di Beirut.

    La decisione di inviare truppe libanesi nel sud, che dovrebbe garantire anche il disarmo dei gruppi Hezbollah, è stata definita "storica". Il ministro delle Telecomunicazioni, Marwan Hamadé ha detto che "la storica decisione mette le basi di una strategia di difesa in Libano". Nei mesi scorsi i politici di Beirut avevano molto discusso come attuare il disarmo della guerriglia Hezbollah (richiesta anche dalla risoluzione Onu 1559), ma non si era mai giunti a una decisione.

    Ehud Olmert ha definito "interessante" la proposta libanese, ma ha anche detto che Israele si fermerà solo quando non "pioveranno più razzi" sulla popolazione israeliana nel nord.

    A questo proposito, il ministro della Difesa Amir Peretz ha riaffermato che Israele accetterà un cessate-il-fuoco solo quando il sud Libano sarà smilitarizzato, Hezbollah dissolto e i due militari israeliani rapiti saranno riconsegnati alla loro patria.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/01/2013 SIRIA - LIBANO
    Caritas Libano: Aiutateci a salvare i profughi in fuga dalla Siria
    Per p. Simon Faddoul la situazione dei profughi - oltre 400mila - è drammatica e dolorosa. La neve e le alluvioni hanno distrutto tende e baracche. Migliaia di persone non hanno nemmeno le scarpe per camminare nel fango. Caritas e altre organizzazioni non hanno più risorse per sostenere questa emergenza. L'appello del presidente Caritas: "Il vostro aiuto è necessario. Un piccolo contributo può alleviare le sofferenze di molti profughi".

    23/09/2006 LIBANO - ISRAELE
    Negative le reazioni alle parole di Nasrallah nella festa della vittoria

    Prime reazioni israeliane e di analisti libanesi al discorso del leader Hezbollah, che ieri davanti a migliaia di sostenitori ha festeggiato la "vittoria divina" sullo Stato di Israele.



    04/08/2006 LIBANO - ISRAELE
    Nuovi bombardamenti su Beirut sud, Hezbollah minaccia razzi su Tel Aviv

    Il leader sciita si dice però disponibile a cessare le ostilità, se Israele interrompe gli attacchi sul Libano. Lo Stato ebraico accusa: è solo un tentativo di tenerci in scacco. Tra oggi e domani risoluzione Onu sulla tregua e l'invio della forza internazionale.



    20/03/2017 08:53:00 ISRAELE - SIRIA - LIBANO
    Israele in guerra contro la Siria: nel mirino il sistema missilistico difensivo di Damasco

    Avigdor Lieberman minaccia di distruggere le difese di Damasco, in risposta al lancio di missili terra-aria contro i caccia israeliani. Obiettivo dei raid aerei i convogli di armi destinati al movimento sciita libanese Hezbollah. Capo dell’esercito israeliano: “Alla luce” degli eventi in Siria e Libano, pronti “per ogni tipo di scenario”. 

     



    27/07/2006 libano
    Beirut delusa per la mancanza di un cessate il fuoco, spera nella forza internazionale
    Appello del card. Sfeir per il soccorso della popolazione. Il porporato esprime ad AsiaNews il suo timore di uno scontro fratricida e condanna l'appoggio di Siria ed Iran ad Hezbollah. Lo sciita Berri hiede alla comunità internazionale di "non consegnare il Libano e la regione nelle mani degli americani e degli israeliani".



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®