22 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/08/2017, 11.55

    INDIA

    Ong di Mumbai: curare la Madre Terra per guarire dalle tossicodipendenze

    Nirmala Carvalho

    Dal 1981 la Kripa Foundation si occupa di malati di Aids e tossicodipendenti. Dopo la pubblicazione dell’Enciclica Laudato sì di papa Francesco, lanciato un progetto di giardino domestico a Goa. Le coltivazioni biologiche aiutano ad arginare il cambiamento climatico. Il tossicodipendente impara a vedere il volere di Dio che si realizza nel creato.

    Mumbai (AsiaNews) – Prendersi cura e coltivare la Madre Terra nello stesso modo in cui i malati curano la propria dipendenza dalle droghe: in tal modo, la cura dell’ambiente può scatenare un processo di guarigione che abbraccia tutta la vita del malato. È l’obiettivo della Kripa Foundation, una Ong di Mumbai che si occupa del recupero di malati di Aids e tossicodipendenti. Per i 36 anni dalla fondazione, l’associazione ha lanciato un progetto di coltivazione di zone agricole e forestali. Ad AsiaNews p. Joe Pereira, il fondatore, racconta che l’idea dell’iniziativa è venuta dall’Enciclica Laudato sì di papa Francesco, “che invita tutti ad un consumo responsabile delle risorse del pianeta”. “Quale modo migliore – continua – per celebrare il nostro anniversario se non con un programma che corrisponda alla visione di Sua Santità? Perciò la fondazione ha creato un progetto a favore della vita per la terra, portato avanti da coloro che soffrono a causa delle loro dipendenze”.

    Lo scorso anno è partita da qui l’idea di iniziare la coltivazione di un “giardino domestico”. Individuato il terreno – una zona arida e incolta di 2.400 metri quadrati a Goa – è cominciata l’irrigazione dei campi e la semina. Oggi quel terreno produce tre raccolti e riesce a sostenere il fabbisogno del centro e della comunità locale. Tra le colture, diverse specie di vegetali e piante rigogliose, erbe medicinali e alberi da frutto. In futuro, aggiunge il sacerdote, “il giardino includerà l’allevamento del pollame (polli e anatre), piante acquatiche stagionali e api. La nostra espansione potenziale è limitata solo dalle nostre conoscenze e dall’immaginazione”.

    Il punto focale di tutto il progetto di giardino domestico, spiega p. Pereira che quest’anno festeggia 75 anni d’età e 50 anni di ordinazione sacerdotale, “è il recupero dei malati e una terapia che li tenga occupati. La ripresa dei pazienti dipende molto da ciò che mangiano e da un ambiente sereno. Spingere i tossicodipendenti a prendersi cura della terra può generare in loro una riflessione ad attuare lo stesso processo curativo nelle proprie vite”.

    La Kripa (che in sanscrito significa “grazia”) Foundation è nata del 1981 a Bandra, un quartiere di Mumbai, e oggi ha 69 strutture in 12 Stati indiani. Collabora con altre associazioni sparse in Europa, Canada e Stati Uniti. Nel 2009 p. Pereira è stato insignito dal governo dell’India del Padma Shri Award [la quarta onorificenza civile del Paese, ndr], per il suo contributo nel campo della cura dalle tossicodipendenze e dal virus dell’Hiv. “La filosofia-guida dell’associazione – afferma il religioso – riflette lo spirito del servizio e della dedizione, racchiusi nel lavoro di Madre Teresa, che ha benedetto i nostri centri di Calcutta e Vasai”.

    “Alla luce degli insegnamenti di papa Francesco sull’ambiente – aggiunge – è necessario portare in parallelo due processi gemelli. I tossicodipendenti devono imparare a osservare e curare le piante, dal momento della semina fino a quello gioioso in cui si serve in tavola per cena cibo biologico e salutare. Allo stesso tempo, il giardino può diventare l’ambito di espressione delle capacità personali, dove sia i pazienti che i membri della comunità possono mettere a frutto le nozioni teoriche”.

    Secondo il sacerdote, il merito dell’iniziativa è duplice: da una parte essa va a vantaggio dei malati, dall’altro contrasta gli effetti negativi del cambiamento climatico. “A Goa – dice – ci sono continui problemi per la scarsità dell’acqua. Inoltre i piccoli contadini sono minacciati dalle grandi industrie che utilizzano Ogm. L’agricoltura biologica e sostenibile può aiutare a contrastare il cambiamento climatico. Non solo, occuparsi della terra è un modo per sconfiggere il dualismo ‘io-tu’ proprio del tossicodipendente. Egli si sente solo e sviluppa relazioni di dipendenza con una serie di sostituti dell’amore, come le droghe, il sesso o la pornografia. In questo modo crede di riempire il vuoto”. “Con il nostro progetto – conclude – il recupero avviene attraverso le risorse della terra. Il tossicodipendente impara a vedere il volere di Dio che si realizza nel creato, e quindi impara la spiritualità della Creazione. Alla fine, la cura amorevole per la terra si traduce in rimedio efficace per il clima e viceversa. Coltivando piante e alberi, il tossicodipendente impara dalla natura la crescita interiore, l’autorealizzazione, e a invertire l’energia autodistruttiva in una vita appagante piena di creatività e significato”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/09/2017 11:30:00 INDIA
    P. Joe Pereira: da Madre Teresa, ho imparato la compassione per i tossicodipendenti

    Il sacerdote è il presidente della Kripa Foundation, Ong di Mumbai che recupera anche malati di Aids. Nel 1971 una crisi spirituale, poi l’incontro con la Santa di Calcutta. “Mi ha insegnato a ricercare i più poveri tra i poveri tra i malati”. Presentato al pubblico il libro “Dipendenza – Un paradosso spirituale”.



    01/09/2017 08:51:00 INDIA – VATICANO
    Card. Gracias: appello ad una conversione ecologica, nella Giornata per la cura del creato

    Il porporato manda un messaggio in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato. Osservare questo giorno come un giorno di preghiera. Nella presente crisi ecologica, “porre la fiducia nel Signore”. Nel primo venerdì del mese, un appello a “stare insieme come famiglia”.



    14/01/2016 THAILANDIA
    Gesuita thai: La ‘Laudato Sì’ ci chiede una vera conversione
    P. Pichate Saengtian è professore al seminario maggiore di Bangkok. “Il papa ha inserito l’essere umano all’interno dell’ambiente. Non possiamo risolvere il problema del clima senza pensare ai poveri, i due problemi vanno risolti insieme”. Si può agire “solo partendo da una conversione interiore e dalla gratitudine nei confronti di Dio”.

    06/07/2015 HONG KONG – VATICANO
    Card. Tong: La "Laudato sì" ci spinge a parlare meno e agire di più per l’ambiente
    Secondo il vescovo di Hong Kong, l’enciclica di papa Francesco è un invito a essere parte della soluzione, e non solo del problema relativo alla cura del Creato. La Chiesa locale ha creato una commissione ad hoc con il compito di individuare i problemi ambientali più urgenti e proporre soluzioni.

    06/05/2016 12:22:00 VATICANO
    Messaggio del Vaticano per il Vesak: Cristiani e buddisti per una “educazione ecologica”

    Il Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso propone ai buddisti di collaborare per “liberare l’umanità dalle sofferenze causate dai cambiamenti climatici, e contribuire alla cura per la nostra casa comune”. Cristiani e buddisti condividono la coscienza che i “deserti esteriori” sono provocati dai “deserti interiori”, e che la crisi ecologica è anzitutto “una crisi dell’io”.





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®