26 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/04/2017, 15.35

    SIRIA - ONU

    Onu: l’attacco al convoglio ad Aleppo un crimine. Salgono a 126 le vittime



    Fra i morti vi sono anche 68 bambini. Al momento non si hanno notizie ufficiali sugli autori. Nessun gruppo ha rivendicato la strage. Colpiti civili in fuga da Foah e Kefraya, cittadine da tempo sotto assedio governativo. I media occidentali alludono a un coinvolgimento di Damasco. Ma la mano sembra quella di al Qaeda.

     

    Aleppo (AsiaNews/Agenzie) - L’attacco del fine settimana a un convoglio carico di rifugiati siriani - fra cui decine di bambini - nei pressi di Aleppo è un “crimine di guerra”. È quanto sottolinea Rupert Colville, portavoce dell’Alto commissariato Onu per i diritti umani, commentando l’attentato in cui sono deceduti almeno 68 bambini, per un bilancio aggiornato di 126 vittime. L’esplosione ha investito l’area di Rashideen, investendo un gruppo di bus che trasportavano evacuati in fuga da due città siriane sotto l’assedio dei governativi. “Aggiungiamo la nostra voce - sottolinea il funzionario delle Nazioni Unite - alla condanna generale per l’attacco nei pressi di Rashideen, zona rurale a ovest di Aleppo, che ha investito un convoglio che trasportava persone” innocenti. “Si tratta di un attacco - aggiunge - che equivale a un crimine di guerra” di cui al momento “non si conoscono con certezza le modalità e gli autori”.

    Il 15 aprile scorso un veicolo imbottito di esplosivo ha investito il convoglio alla periferia della metropoli del nord del Paese, un tempo capitale economica e commerciale della Siria tornata dal dicembre scorso sotto il pieno controllo di Damasco. Secondo quanto riferisce l’Osservatorio siriano per i diritti umani, ong con base a Londra, vicina ai ribelli e sostenuta dai sauditi, le vittime sarebbero almeno 109; diverse decine i feriti.

    Lo scoppio ha devastato i bus e incendiato le auto parcheggiate nella zona, lasciando sul terreno i corpi dilaniati dei morti.

    Nel messaggio di Pasqua anche papa Francesco ha condannato l’attentato, parlando di “ignobile attacco ai profughi in fuga che ha provocato numerosi morti e feriti”. “In modo particolare [Dio] sostenga gli sforzi di quanti si adoperano attivamente per portare sollievo e conforto alla popolazione civile in Siria, vittima di una guerra che non cessa di seminare orrore e morte”.

    Il convoglio, fermo in attesa di partire, era situato in una zona controllata dai ribelli alla periferia di Aleppo. L’esplosione è avvenuta mentre i rifugiati, in larga maggioranza bambini, si stavano radunando attorno a un mezzo che aveva iniziato a distribuire cibo. Le vittime erano originarie di Foah e Kefraya, cittadine da tempo sotto assedio governativo e oggetto di un recente accordo - mediato da Iran e Qatar - che ha garantito il via libera all’evacuazione.

    Sinora non si sono registrare rivendicazioni ufficiali per l’attacco. Tuttavia, secondo alcuni esperti si tratterebbe di un gesto opera di al Qaeda, poiché nessun veicolo filo-governativo avrebbe avuto accesso all’area, controllata dai ribelli. Da qui l’idea di un attentato - le cui modalità ricordano gesti compiuti in passato dalla stessa rete del terrore fondata da Osama bin Laden o da Ahrar al Sham - sia opera dei gruppi miliziani, con tutta probabilità legati ad al Qaeda, contro rifugiati governativi.

    Gli esperti ricordano inoltre che che il cosiddetto fronte dei “ribelli” non è affatto unito e gli interessi divergono a seconda dei gruppi e dei loro sostenitori (Turchia, Qatar, Arabia Saudita, Stati Uniti). Per questo l’attacco sarebbe opera del fronte che vuole rovesciare il presidente siriano Bashar al-Assad.

    Di contro, giornali occidentali parlano al momento di matrice “ignota” dell’attentato, aggiungendo che non è “interesse” dei ribelli colpire evacuati dalle proprie cittadine. L’attacco aveva fatto temere l’interruzione delle operazioni delle cittadine sotto assedio; in realtà sono svolte in modo regolare per tutta la giornata di domenica 16 aprile.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/04/2017 11:25:00 SIRIA
    Parroco ad Aleppo: non sono le religioni ad alimentare la guerra, la fede è fonte di pace

    Secondo p. Ibrahim in questa “drammatica guerra” solo i leader religiosi veri “operatori di pace”. Senza l’intervento dei capi cristiani, sunniti e sciiti la stessa Aleppo sarebbe “andata distrutta”. L’incontro col gran muftì fonte di pace e di riconciliazione. L’attentato ai profughi di Rashideen per fomentare le divisioni confessionali. Oltre le distruzioni, la gioia per le celebrazioni della Pasqua.

     



    29/07/2016 08:30:00 SIRIA
    Il fronte di Al Nusra rompe con al Qaeda per avere futuro in Siria

    La rottura è avvenuta di comune accordo. Verrà creato un nuovo “Fronte per la conquista della Siria”. In questo modo al Nusra spera di sfuggire ai bombardamenti anti-jihadisti di Usa e Russia e mantenere una solida influenza sui gruppi di ribelli.



    31/08/2016 08:59:00 SIRIA
    Aleppo: ucciso al-Adnani, portavoce dello Stato islamico e ideatore dei “lupi solitari”

    La morte giunge in un momento di difficoltà del movimento jihadista sul piano militare. Egli è stato ucciso durante una “missione di ricognizione” nella provincia. Portavoce Pentagono: colpito il “principale architetto” delle operazioni esterne dello SI. Fra i fondatori del “Califfato”, sulla sua testa pendeva una taglia di cinque milioni di dollari. 



    23/12/2016 12:44:00 SIRIA
    Al Bab, la porta di Aleppo, il nuovo fronte di scontro fra turchi, siriani e curdi

    Mentre Damasco festeggia la riconquista della seconda città del Paese, i turchi bombardano alle porte della città. Nei raid aerei sono morti 29 civili, fra cui otto bambini. Illesi i miliziani di Daesh. Al Bab il prezzo ceduto alla Turchia per convincere i jihadisti e i ribelli a evacuare Aleppo Est.

     



    19/07/2016 16:34:00 SIRIA
    Aleppo: peggiora la crisi umanitaria, 200mila persone a rischio fame

    Da giorni mancano cibo, pane e altri generi di prima necessità. Preoccupazione delle Nazioni Unite che denunciano il blocco della distribuzione di aiuti. L’assedio governativo alla zona est della città potrebbe rappresentare una svolta nel conflitto siriano. Nel nord-est del Paese alle fiamme una chiesa siro-ortodossa; dietro il raid (forse) miliziani dello Stato islamico.

     





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®