15 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/10/2017, 08.49

    ONU - ASIA

    Onu contro la pena di morte: anacronistica e viola i diritti umani dei condannati



    Per il segretario generale Guterres essa “non ha ragione di esistere nel 21mo secolo”. Cina, Iran, Arabia Saudita e Iraq da sole sono responsabili dell’87% delle esecuzioni nel mondo. Nel 2016 le condanne sono diminuite del 37% rispetto all’anno precedente. L’appello: “Mettete fine alle esecuzioni”. 

     

    New York (AsiaNews/Agenzie) - Il segretario generale Onu Antonio Guterres rinnova l’appello contro la pena di morte, sottolineando che essa “non ha ragione di esistere nel 21mo secolo”. In un messaggio diffuso ieri, egli ha invitato gli Stati membri che ancora utilizzano le esecuzioni capitali a unirsi alle 170 nazioni che hanno abolito o promosso una moratoria contro tale pratica. 

    In riferimento alla pena di morte, avverte Guterres, il rischio di un aborto della giustizia è “un prezzo troppo alto” da pagare. 

    Nel contesto di un evento che celebra la 15ma Giornata mondiale contro la pena capitale, il segretario generale Onu ha dichiarato: “Voglio lanciare un appello a tutti gli Stati che continuano ad adoperare questa pratica barbara: per favore, mettete fine alle esecuzioni”. 

    Una condanna a morte, aggiunge, “è di poca utilità alle vittime e non serve a impedire i crimini”. Egli ricorda inoltre che la maggior parte dei 193 Paesi membri delle Nazioni Unite non utilizza la pena di morte. 

    “Solo il mese scorso, due Stati africani [il Gambia e il Madagascar] - prosegue - hanno compiuto un passo decisivo in direzione dell’abolizione irreversibile della pena di morte”.  “E nel 2016, le esecuzioni in tutto il mondo sono diminuite del 37% rispetto al 2015. Ad oggi, quattro sole nazioni sono responsabili dell’87% di tutte le esecuzioni compiute nel mondo”. 

    Un funzionario Onu, dietro anonimato, ha precisato che i quattro Stati cui faceva riferimento, senza nominarli, Guterres sono: Cina, Iran, Arabia Saudita - che nei giorni scorsi ha giustiziato il centesimo condannato - e Iraq. 

    Il segretario generale delle Nazioni Unite invoca inoltre trasparenza per quelle nazioni che prevedono ancora oggi, nel loro ordinamento, la pena di morte. E chiede loro di consentire agli avvocati di fare il loro lavoro. 

    “Alcuni governi - sottolinea - nascondono le esecuzioni e hanno attuato un sistema elaborato e segreto, che permette di nascondere quanti si trovano nel braccio della morte, e perché”. “Altri [come la Cina - ndr] considerano le informazioni sulla pena di morte un segreto di Stato - aggiunge Guterres - considerando come un tradimento il rilascio di informazioni a essa collegate”. Questa mancanza di trasparenza, conclude il segretario generale Onu, “mostra una chiara mancanza di rispetto per i diritti umani di quanti sono condannati a morte e alle loro famiglie”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/10/2017 08:54:00 ARABIA SAUDITA
    Centesima condanna a morte nel 2017 in Arabia Saudita

    Il condannato è stato giustiziato per l’omicidio di un concittadino. Di recente la pena era stata confermata in appello. Da luglio le autorità hanno eseguito una media di cinque condanne alla settimana. Attivisti: “Frenesia” giustizialista del governo. Fra le riforme da promuovere la “moratoria delle esecuzioni”. 

     



    14/07/2009 IRAN
    Iran, impiccati in carcere 13 “ribelli sunniti”
    I giustiziati erano membri di Jundallah, movimento legato ad al Qaeda. Essi avrebbero organizzato una serie di attentati nel sud-est del Paese, fra i quali l’attacco alal moschea sciita di Zahedan. Attivisti per i diritti umani avevano chiesto la sospensione della pena e una revisione del processo.

    20/07/2016 11:12:00 ARABIA SAUDITA
    Finito il Ramadan, il boia saudita torna a colpire: quasi 100 condanne a morte nel 2016

    Le autorità hanno giustiziato due persone, portando a quota 98 il totale per quest’anno. Eseguita la sentenza a carico di un saudita condannato per omicidio e di un immigrato pakistano per traffico di droga. Attivisti internazionali: nel 2016 più esecuzioni rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.



    27/05/2009 IRAN
    Teheran ferma il boia: sospesa l’impiccagione di un minorenne
    Mahmoud Hashemi Shahrudi, oggi 20enne, all’epoca dei fatti era minorenne. Il tribunale ha sospeso la pena e chiede la revisione del caso. Nelle carceri iraniane vi sono altri 130 condannati a morte per un crimine commesso in minore età.

    11/01/2007 IRAN
    Dopo processi farsa, Teheran prepara la forca per 7 arabi
    La denuncia è di investigatori Onu per i diritti umani; i sette sono originari della provincia di Khuzestan, dove forti sono le manifestazioni anti-governative. Lo scorso fine settimana in un milione hanno scritto al presidente Ahmadinejad per protestare contro la dilagante disoccupazione.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®