24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/08/2017, 12.13

    ASIA

    Onu: nell'Asia-Pacifico l’80% dei fiumi è inquinato; 1,8 milioni di morti ogni anno



    Lo studio è del Programma ambientale delle Nazioni Unite e comprende 41 Paesi. Circa 1,7 miliardi di persone non hanno accesso ai servizi igienici di base. Quasi l’80% delle acque di scarico viene riversato nei torrenti. Gravi le conseguenze per la salute e l’ecosistema.

    Islamabad (AsiaNews/Agenzie) – Nella regione Asia-Pacifico più dell’80% delle acque dei fiumi è inquinato; le pessime condizioni delle risorse idriche causano la morte di 1,8 milioni di persone ogni anno. Lo afferma l’ultimo rapporto del Programma ambientale delle Nazioni Unite (Unep). Lo studio è stato diffuso alla vigilia del secondo forum del ministri dell’ambiente della regione Asia-Pacifico, che si svolgerà il prossimo 5 settembre a Bangkok. I risultati dello studio, è opinione degli esperti, evidenziano le gravi mancanze dei governi nell’assicurare alle proprie popolazioni l’accesso a risorse pulite e non dannose per la salute e l’ambiente.

    I Paesi che rientrano nell’area esaminata sono 41. Il rapporto dell’agenzia Onu fa il punto su una situazione critica, quella dell’inquinamento ambientale, già nota in Asia. Tra gli Stati menzionati, spiccano la Cina, dove in 100 milioni bevono acqua avvelenata; l’India, dove da tempo si discute come arginare l’intossicazione delle acque sacre del fiume Gange; il Pakistan, teatro della più grande intossicazione di massa da arsenico lungo le sponde del fiume Indo; il Bangladesh, dove si registrano 43mila morti ogni anno; il Vietnam, che con l’industria dell’acciaio Formosa Group contamina mare e fiumi; la Thailandia, tra i Paesi che più sversano la plastica nei mari.

    Secondo lo studio, gli agenti inquinanti più comuni sono i rifiuti organici, i sali disciolti e i metalli pesanti presenti nei corsi d’acqua, pesticidi e residui chimici delle attività industriali. Le fonti tossiche sono acque reflue non trattate o trattate solo in parte, residui agricoli, scarichi industriali e discariche, nutrienti e sedimenti che scorrono durante i periodi delle piogge.

    Gli esperti ritengono che la causa principale dell’inquinamento dei fiumi sia dovuta alle scarse misure igieniche della popolazione, compresa la pratica di defecare all’aperto che porta alla contaminazione del terreno da parte di batteri e agenti organici. Qui entrano in gioco – afferma lo studio – le responsabilità politiche: infatti in Asia e nel Pacifico circa 1,7 miliardi di persone non hanno accesso ai servizi igienici di base e quasi l’80% delle acque di scarico viene riversato nei torrenti, senza prima subire trattamenti di depurazione.

    Tra i disturbi medici provocati dall’avvelenamento idrico, vengono citati colera, diarrea, infezioni intestinali, tracoma (infezione della cornea), malnutrizione, malaria, dengue, schistosomiasi (parassiti nel sangue), filariasi (parassiti che si annidano di solito nei cani). Inoltre la salute dell’uomo è minacciata anche dall’accumulazione dei metalli pesanti nelle piante, consumate per uso alimentare. Molto dipende dai metodi di irrigazione nei terreni contaminati.

    Infine, i rifiuti solidi. I dati riportano che nella regione vengono prodotti 1,21 milioni di tonnellate di scarti ogni giorno. Il numero è destinato ad aumentare, e si calcola che nel 2025 i rifiuti saranno pari a 2,65 milioni di tonnellate al giorno. Se non si corre ai ripari sviluppando adeguati sistemi di trattamento, conclude il rapporto, le conseguenze per la salute e l’ecosistema saranno ancora più dannose: aumento dell’inquinamento dell’aria e degli odori nauseanti, decomposizione del suolo, delle falde acquifere e della superficie.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/09/2009 TIBET - CINA
    Tibetani criticano l’Onu per l'invito alla Cina, potenza inquinante e violenta
    Le prolusioni del presidente Hu Jintao sul cambiamento climatico e altre questioni internazionali sono retoriche. Il gruppo ricorda il pessimo record cinese su diritti umani e ambiente e invita a chiedere fatti, prima che parole.

    01/12/2005 cina
    Pechino invita chimici delle UN per testare le acqua inquinate

    Il governo cinese mostra segni di preoccupazione per l'inquinamento del fiume Songhua. Dopo quasi venti giorni dall'esposione della fabbrica petrolchimica di Jilin, causa dell'inquinamento del fiume Songhua, le autorità cinesi chiedono a chimici delle Nazioni Unite di analizzare le acque.



    07/07/2007 CINA
    Chi inquina perde i finanziamenti bancari
    Le banche cinesi useranno questo criterio per scegliere chi dare prestiti, o chiederli indietro, in collaborazione con l’Amministrazione per la tutela dell’ambiente (Sepa). Vicedirettore Sepa: l’attuale modello di sviluppo industriale minaccia la vita delle persone

    15/03/2014 ASIA
    Asia-Pacifico, sempre meno foreste naturali e pascoli. Eco-sistema a rischio
    Gli esperti delle Nazioni Unite parlano di popolazioni derubate dei mezzi di sussistenza. Ad acuire il problema fenomeni come "la desertificazione e il cambiamento climatico". Ogni anno vanno perduti almeno due milioni di ettari. Almeno 400 milioni di ettari in condizioni critiche. Nel Sud-est asiatico preoccupa il disboscamento illegale.

    27/11/2012 QATAR – NAZIONI UNITE
    Doha, timori e dubbi sulla conferenza Onu dedicata ai cambiamenti climatici
    Fino al 7 dicembre circa 17mila delegati, in rappresentanza di 194 nazioni, riuniti per la prima volta in un Paese arabo per discutere di ecologia. Gli esperti auspicano un nuovo trattato sull’ambiente, per prevenire eventi “catastrofici”. Risultati discordanti sulla effettiva distribuzione dei 30 miliardi di aiuti alle nazioni in via di sviluppo.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®