22 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/01/2016, 11.31

    INDIA-VATICANO

    Operazione di cardiochirurgia per mons. Barwa: “Gesù dammi un cuore nuovo per amarti e servire il mio popolo” in Orissa

    Nirmala Carvalho

    La malattia è partecipazione alle sofferenze di Gesù e alla redenzione del mondo, secondo la testimonianza di san Giovanni Paolo II. Il lungo periodo di convalescenza affrontato con lunghe preghiere e l’immersione sempre più intima nel mistero di Gesù. Come vivere da malato l’Anno della Misericordia e della vita consacrata. Una testimonianza dell’arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar (Orissa)

    Cuttack-Bhubaneswar (AsiaNews) – “Gesù, dammi un cuore nuovo per amarti e per servire il mio popolo”: è la preghiera silenziosa che mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar (Orissa) ha espresso mentre su una lettiga trascinata dagli infermieri veniva portato nella sala operatoria per un’operazione di cardiochirurgia.

    Il vescovo è stato operato lo scorso 19 dicembre, per tre lunghe ore e al momento si trova ancora in convalescenza. Con AsiaNews ha voluto condividere il senso di quei momenti di fatica, sofferenza e timore vissuti per amore dei suoi fedeli di Kandhamal.

    “Questa operazione chirurgica – dice - è un’immensa grazia per me, in questo anno della Misericordia perché posso condividere un po’ di sofferenza con la gente della mia diocesi, specie il mio popolo di Kandhamal, una delle comunità più emarginate e colpite in India”. Nel 2008 questo distretto è divenuto tristemente famoso per per le persecuzioni contro i cristiani da parte di gruppi fondamentalisti indù che per mesi hanno ucciso decine di persone, bruciato centinaia di villaggi, cacciato decine di migliaia di famiglie. Una prossima seduta in marzo della Conferenza episcopale indiana sarà dedicata proprio ai fedeli del Kandhamal.

    “La Divina provvidenza – continua - ha voluto che la mia operazione si svolgesse dalle 12 alle tre del pomeriggio, quando secondo la tradizione si è svolta la passione di Gesù. Così mi è stato più facile unire i miei dolori e il mio sangue per i nostri fedeli del Kandhamal e dell’India. È stato un vero dono di grazia in questo anno del Giubileo della Misericordia: un entrare nella passione di Cristo e intercedere per il mio popolo”.

    “S. Giovanni Paolo II ha detto che ‘quando lo si vive uniti a Cristo, il dolore viene trasformato in una fonte di vita per tutta l’umanità’ e che ‘con la sofferenza veniamo a partecipare alla redenzione del mondo’”.

    “Un’altra grazia – continua – è stata il fatto che questa mia operazione al cuore è avvenuta nell’Anno della vita consacrata. La riuscita dell’operazione mi ha fatto toccare con mano la bellezza e la gioia della misericordia di Dio per me e per il mio popolo”.

    “La vita consacrata è una chiamata a seguire Gesù, a sperimentare la misericordia di Dio e, come Gesù, umanizzare un mondo in attesa, rendendo sempre più reale il Regno di Dio. La mia consacrazione a vita è stata rinnovata con questa operazione chirurgica, che mi ha mostrato la tenerezza misericordiosa di Gesù”

    La mia consacrazione come sacerdote e come vescovo non è mia proprietà: io sono immerse nella consacrazione di Gesù. Per sua grazia, dopo l’operazione e nella mia convalescenza, mi sento rinnovato nella chiamata ad essere un ‘alter Christus’ (un altro Cristo). In questo periodo passo molte ore in preghiera e vado a fondo della mia intimità con Gesù. Mi sento rinnovato nel vivere una vita piena di amore, dedicando a Lui la mia sofferenza e quella dei poveri e dei diseredati di Kandhamal”.

    ““Papa Francesco ha detto. ‘È necessario che i consacrati e le consacrate di oggi siano profetici, capaci di risvegliare il mondo, mostrando che essi sono una generazione nuova, che hanno qualcosa da dire al mondo di oggi’ e io aggiungo che questo avviene nella nostra vita quotidiana, con le fatiche, la malattia, il dolore, con cui siamo conformati sempre di più al cuore di Cristo. Dio benedica l’Orissa”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/10/2017 15:32:00 INDIA
    Mons. Barwa: le vittime cristiane di Kandhamal meritano maggiori risarcimenti

    Oggi i leader cristiani dell’Orissa hanno presentato un documento alle autorità. Il testo chiede di applicare la sentenza della Corte suprema che stabilisce ricompense più elevate per le vittime del pogrom del 2008. Arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar: “Preghiamo per i sette cristiani innocenti ancora in carcere”.



    24/08/2017 08:37:00 INDIA
    Mons. Barwa: Il Kandhamal Day a ricordo delle sofferenze dei cristiani

    Domani ricorre il nono anniversario dei pogrom contro i cristiani dell’Orissa. A Kandhamal più di 10mila persone di ogni fede si uniranno insieme “per mostrare solidarietà e amore” alle vittime. L’arcivescovo: “Vogliamo l’applicazione della sentenza della Corte suprema che accorda maggiori risarcimenti”.



    23/08/2013 INDIA
    I pogrom anticristiani dell’Orissa ‘hanno rafforzato la fede e l’unità del popolo’
    L’arcivescovo di Cuttack-Bhubaneshwar ricorda la distruzione delle violenze del 2008 e racconta come i cristiani hanno saputo rialzarsi. Il prossimo 25 agosto saranno cinque anni dall’inizio dei pogrom. Oggi mons. Barwa si dice “fiero” della popolazione di Kandhamal, per il suo impegno a ricostruire case, chiese e anime di chi è sopravvissuto.

    23/01/2018 12:56:00 INDIA
    Orissa, 534 cresime nella Chiesa perseguitata del Kandhamal

    Nel distretto si sono svolte tre cerimonie di Confermazione. Nel 2008 lo Stato indiano è stato teatro del più violento pogrom contro i cristiani. 175 ragazzi cresimati nella parrocchia di san Pietro di Pobingia; altri 88 giovani nella parrocchia di san Sebastiano a Saramuli; 271 ragazzi della parrocchia di san Giuseppe di Godapur.



    25/04/2017 08:10:00 INDIA
    Cuttack-Bhubaneshwar: 3mila fedeli per la Prima Comunione di 34 bambini (Foto)

    La cerimonia si è svolta il 23 aprile, Domenica della Divina Misericordia. Il catechismo è durato cinque mesi, durante i quali i bambini hanno appreso l’importanza del sacramento dell’Eucaristia. Suora catechista: “Abbiamo piantato i semi della fede e fornito loro gli strumenti per accrescerla”.





    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®