21 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/08/2012
INDIA
Orissa, tribunale riapre il caso sull'omicidio di un cristiano insabbiato dalla polizia
di Nirmala Carvalho
Micahel Nayak è stato ucciso a Baliguda (Kandhamal) il 20 luglio da un gruppo di estremisti indù. La polizia aveva archiviato il caso come "normale incidente". Presidente del Global Council of Indian Christians chiede alle autorità di investigare e riaprire il fascicolo su altri cristiani vittime degli estremisti e sui pogrom dell'Orissa del 2008.

Mumbai (AsiaNews) - La corte di Baliguda (Kandhamal) riconosce l'assassinio di Micahel Nayak, pastore protestante ucciso dagli estremisti indù il 20 luglio 2011 e dà il via alle indagini per individuare i colpevoli. La decisione del tribunale ribalta la tesi della polizia di Kandhamal che aveva tentato di insabbiare l'omicidio registrandolo come "normale incidente". I magistrati hanno anche aperto un fascicolo contro gli agenti responsabili del depistaggio.

Sajan George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), sottolinea che la corte ha dato un segnale positivo, ma invita i giudici a investigare anche su altri 5 casi di omicidio di cristiani insabbiati dalla polizia.

L'attivista spiega che l'eccessiva lentezza dei tribunali indiani in materia di violenze a sfondo religioso emerge anche dal recente rapporto sulla libertà religiosa del Dipartimento di Stato statunitense. "Fra due settimane - afferma - ricorrerà il quarto anniversario dei massacri del 2008 contro i cristiani dell'Orissa e la giustizia è molto lontana dall'aver raggiunto dei risultati".  

Il documento del Dipartimento di Stato Usa cita i pogrom del 2008 e afferma che "i progressi in processi legati a casi di violenze settarie contro le minoranze vanno a rilento e sono inefficienti. A ciò si aggiungono, continui casi di intimidazione, pestaggi e soprusi contro membri di minoranze religiose, soprattutto quella cristiana, negli Stati in cui vigono leggi anti-conversione".

Tra dicembre 2007 e agosto 2008, ultranazionalisti indù hanno ucciso 93 persone, bruciato e depredato oltre 6500 case, distrutto oltre 350 chiese e 45 scuole. A causa dei pogrom, nel 2008 oltre 50mila persone, per lo più cristiani, sono state sfollate. Oggi, si contano ancora 10mila profughi. La Chiesa dell'Orissa ha sempre avviato programmi di assistenza e ricostruzione, rivolti a cristiani e indù. 

In questi anni, su 3.500 denunce di violenze, la polizia ha registrato solo 827 casi. Di questi 300 hanno avuto regolare processo e hanno portato alla condanna di 480 persone: 68 al carcere e 412 al pagamento di pene pecuniarie. Oltre 200 casi sono stati invece archiviati per mancanza di prove, 300 devono essere ancora esaminati. Sajan George nota che le carenze nel sistema giudiziario indiano sono evidenti nel caso di Manoj Pradhan, leader locale del Bharatiya Janata Party (Bjp), partito nazionalista indù.  Nel settembre 2010 egli è stato accusato di aver ucciso 11 persone, ma l'Alta corte l'ha condannato solo per un caso di  omicidio colposo e al pagamento di una multa. Nonostante tale pena e i processi in corso per altre sette reati legati ai pogrom, l'uomo è stato rilasciato su cauzione ed è ancora deputato nel parlamento dell'Orissa. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/10/2013 INDIA
Pogrom dell’Orissa, leader cristiano: In India sistema giudiziario ‘criminale’
di Nirmala Carvalho
06/07/2013 INDIA
Pogrom in Orissa, l'India premia p. Singh per il suo lavoro con le vittime
di Santosh Digal
19/12/2012 INDIA
Orissa: da 4 anni, ancora in carcere 7 cristiani innocenti
di Nirmala Carvalho
14/01/2013 INDIA
Pogrom in Orissa: cinque anni dopo, i cristiani vivono ancora in condizioni disumane
di Nirmala Carvalho
29/08/2009 INDIA
Orissa, assolta per mancanza di prove una delle menti del pogrom anti-cristiano
di Nirmala Carvalho

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate