25 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 01/04/2010
INDIA
P. Chellan: “L’amore di Cristo supera il Calvario, anche in Orissa”
di Nirmala Carvalho
Il sacerdote, vittima del pogrom anti-cristiano del 2008, parla della Pasqua e dei misteri che include: “Dobbiamo accettare con fiducia e amore la croce che abbiamo sulle spalle”. La nostalgia per il distretto dove è stato assalito e la missione che lo lega al suo gregge.

Mumbai (AsiaNews) – L’amore “è sacrificio, e sacrificarsi per amore è una gioia che include sofferenza. Ma questa è l’unica strada: oltre la Croce non c’è nulla, ed è sopra la Croce che noi proviamo quella gioia che è vera e duratura. La mia prova si è svolta nel distretto di Kandhamal, altri hanno avuto altre esperienze, ma è il Calvario che trasforma la debolezza umana nella forza di Dio”. Lo dice ad AsiaNews p. Thomas Chellan, vittima del pogrom anti-cristiano dell’Orissa, che parla della situazione dei fedeli di quello Stato.

Padre Thomas Chellan, 58 anni, era direttore del Centro pastorale Divyajyoti, della diocesi di Cuttack- Bhubaneshwar. Il 25 agosto 2008, due giorni dopo il lancio del pogrom contro i cristiani, un gruppo di circa 50 estremisti indù lo ha picchiato, ferito, denudato, usando bastoni, piedi di porco, asce e lance.  Con lui, anche una suora ha subito le stesse violenze, forse anche più brutali. Entrambi hanno rischiato di essere bruciati, cosparsi di benzina. Solo alla fine sono stati soccorsi dalla polizia, che sembrava connivente con la folla violenta.

Il sistema giudiziario e quello politico, tuttavia, hanno di fatto ignorato i colpevoli dei ripetuti attacchi avvenuti contro la comunità cristiana e hanno emesso sentenze estremamente leggere (due anni di galera) contro gli unici due ritenuti colpevoli. Altri dieci imputati sono stati rilasciati, mentre suor Meena – coinvolta in un’accusa di stupro - è stata trasferita dal distretto dopo undici mesi di vessazioni.

L’amore, spiega il sacerdote, “non reclama diritti. Esiste per servire, come ci ha insegnato per primo Gesù. Per i sacerdoti, i missionari o anche i laici, il Calvario può essere trovato ovunque ci si trovi. E quando rispondiamo al Suo invito, seguire le Sue orme e imitarLo, allora troviamo la vera vita. Nella nostra situazione, per quanto possa sembrare deplorabile, dobbiamo accettare il Calvario e percorrerlo. Ed ecco che la nostra croce assume un pieno significato”.

Per quanto riguarda la situazione della giustizia nel distretto che lo ha visto perseguitato, p. Chellan dice: “Certo, sono scoraggiato quando qualunque persona – in qualunque parte dell’India – non trova giustizia neanche dopo undici mesi. Nel caso di suor Meena, ad esempio, i tempi si allungano e ancora non sappiamo quanto ci vorrà. Ma è in questi momenti che trovo consolazione dalla Croce, dal perdono che Cristo ha dato e dalla Vergine, il dono che Gesù ha fatto all’umanità. È in Maria che troviamo la forza per camminare sulle orme del Figlio”.

Al momento, il sacerdote si trova per motivi di salute e di cause legali fuori dallo Stato: “Mi manca il mio gregge. Anche se qui sono tutte brave persone sento la nostalgia di Kandhamal, soprattutto in questi giorni pasquali: qui sono uno straniero. Sono costretto a rimanere qui, ma il mio cuore è con il mio popolo e la mia missione. L’unica via è quella che passa attraverso Gesù e il Suo Calvario. La Passione di Cristo non è una via di dolore, ma una strada di speranza”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
03/09/2010 INDIA
Soprusi e conversioni forzate per oltre 4mila cristiani dell’Orissa
di Santosh Digal
21/05/2009 INDIA - ITALIA
Premio “Defensor Fidei” a p. Thomas Chellan, fra le prime vittime dell’Orissa
09/01/2009 INDIA
Orissa: a quattro mesi dai pogrom anti-cristiani la situazione resta grave
di John Dayal
01/07/2009 INDIA
Orissa: prima condanna per i pogrom anti-cristiani
di Nirmala Carvalho
24/06/2009 INDIA
Orissa: suora violentata dagli estremisti indù riconosce uno dei suo assalitori
di Nirmala Carvalho

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate