13/01/2006, 00.00
Pakistan
Invia ad un amico

Pakistan, cappuccini festeggiano l'Eid-ul-Azha con le vittime del terremoto

Religiosi e personale sanitario hanno visitato un ospedale di Lahore per distribuire cibo, vestiti e giocattoli. "Siamo qui per assicurare le nostre preghiere a coloro che soffrono".

Lahore (AsiaNews) – "Siamo qui per dimostrare il nostro amore e la nostra preoccupazione per le vittime, i feriti ed i senza-tetto del terremoto avvenuto l'8 ottobre scorso in Kashmir. Con questa visita vogliamo assicurare loro la nostra presenza e le nostre preghiere in questo difficile momento".

Padre Francis Nadeem, vice provinciale dei cappuccini in Pakistan, ha assicurato le preghiere della comunità cattolica all'amministrazione ed ai ricoverati dell'ospedale Ghurkhi Trust di Lahore durante una visita compiuta ieri. Il gruppo era composto da p. Nadeem, p. John Joseph e p. Daniel Suply insieme al dottor Abar Hahi Malik, sovrintendente sanitario, che ha visitato i ricoverati.

I religiosi hanno distribuito cibo, vestiti per l'inverno e giocattoli fra i bambini e tutti gli altri ricoverati per festeggiare insieme l'Eid-ul-Azha. La celebrazione dell'Eid-ul-Azha (o Bakr-Id, festa del sacrificio o dell'agnello) segna la fine del pellegrinaggio alla Mecca ed è la solennità massima dell'Islam, in cui i musulmani festeggiano il mancato sacrificio di Isacco.

Prima di lasciare l'ospedale, p. Nadeem ha detto che "molto presto" il gruppo visiterà Balakot, la città più colpita dal terremoto. (FN)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tamil Nadu in festa per un frate cappuccino dichiarato ‘Servo di Dio’
07/12/2019 09:00
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Arcivescovo di Lahore: Contro le armi nucleari, scegliamo la pace tra India e Pakistan
16/10/2019 09:06
Arcivescovo di Lahore: "Aiutateci, mancano fondi ed arriva l'inverno"
19/10/2005
Pakistan, la paura è più forte del freddo
14/10/2005